27025–27040 di 62912 risultati

Dio non è grande

«La fede religiosa è inestirpabile, appunto perché siamo creature ancora in evoluzione. Non si estinguerà mai, o almeno non si estinguerà finché non vinceremo la paura della morte, del buio, dell’ignoranza e degli altri». Questa la tesi da cui parte Dio non è grande. Muovendosi tra l’analisi dei testi di fondazione delle grandi religioni (Bibbia e Corano sopra tutti) e la riflessione sull’attualità politica e sullo scontro di civiltà in atto, Hitchens costruisce un implacabile atto di accusa contro le follie cui l’uomo si abbandona nel nome di una fede: oscurantismo, superstizione, intolleranza, senso di colpa, terrore verso la sessualità, anti-secolarismo. Contro questi non-valori, e memore della grande tradizione laica anglosassone, Hitchens reclama un ritorno alle idee dell’illuminismo, intessendo un elogio arguto e a tratti commovente della ragione umana. Un grande saggio che senza mai rinunciare alle armi dell’ironia e del paradosso, costringe faziosamente il lettore a schierarsi. *** «Giramondo, ipercolto, polemico, sempre divertentissimo, Christopher Hitchens è una voce senza eguali del giornalismo americano». «Voice Literary Supplement» *** «Hitchens ha un autentico talento nel fare chiarezza, nello sciogliere i nodi piú complessi, nel distinguere i vari aspetti di ogni argomento, con grande sottigliezza di pensiero e scrittura». Hanif Kureishi

Il dio dimenticato

Quando l’Inquisizione allungò la sua mano crudele sulla terra di Spagna, tenendo sia il re che tutto il regno nella sua stretta implacabile, un nuovo orrore sorse a sfidare persino la potenza dell’inesorabile Grande Inquisitore. Si trattava di una maledizione scagliata contro la casata del re Alonzo, che proveniva direttamente dal Diavolo. Una maledizione che avrebbe fatto si che le sue figlie non potessero mai sposarsi. Una maledizione che avrebbe trasformato il suo unico figlio maschio, Rolon, in un essere infernale, il cui indicibile segreto si sarebbe rivelato sotto la luna piena in una terra in cui il terrore sarebbe sorto già nella culla, spargendosi per ogni dove. Rolon, il Prescelto! Rolon il Maledetto! Rolon il dannato! Rolon, che peraltro era una pwrsona estremamente gentile, e che portava nel profondo del cuore una more grande e tragico, era stato colpito da un vero e proprio flagello che gli era stato inflitto dallo stesso Lucifero. Rolon; l’Erede al Trono di Spagna, che aveva osato sfidare persino l’Inquisizione, sotto l’empio aspetto del Dio Dimenticato…

Il dio delle piccole cose: romanzo

India, fine anni Sessanta: Amnu, figlia di un alto funzionario, lascia il marito, alcolizzato e violento, per tornarsene a casa con i suoi due bambini. Ma, secondo la tradizione indiana, una donna divorziata è priva di qualsiasi posizione riconosciuta. Se poi questa donna commette l’innaccettabile errore di innamorarsi di un paria, un intoccabile, per lei non vi sarà più comprensione, né perdono. Attraverso gli occhi dei due bambini, Estha e Rahel, il libro ci racconta una grande storia d’amore che entra in conflitto con le convenzioni.

Il dio della guerra

Un corpo speciale di Navy Seals viene paracadutato nel mezzo della giungla ugandese con l’obiettivo di catturare il feroce signore della guerra Caleb Bahame. Ma la squadra di soldati scelti viene sterminata da una folla di uomini, donne e bambini disarmati, insensibili alla paura e alle ferite, che si muovono con estrema velocità. Il colonnello Jon Smith della sezione top secret Covert-One, chiamato a indagare, scopre che la causa di tanta ferocia è un parassita usato come arma biologica, che sta per finire nelle mani del governo iraniano. Solo Smith e la sua squadra possono impedire che l’Occidente sprofondi nel terrore. Per farlo, dovranno stanare un nemico che si nasconde nelle stanze più segrete di Washington.

Il dio della foresta: La forza religiosa delle cose

Un romanzo che è il frutto di una esperienza realmente vissuta dall’autore. Ai limiti della foresta amazzonica l’incontro con Takuma lo introduce in un mondo diverso, dove la vita sembra essere tornata all’alba della creazione. Un’opera magica, poetica, che parla al cuore.

Il dio degli animali

“Polly Cain era scomparsa un mercoledì pomeriggio”. La dodicesima estate di Alice Winston comincia così, con il cadavere di una compagna di scuola che affiora nelle torbide acque del canale vicino casa, mentre milioni di farfalline bianche calano tutto intorno come neve. Da quando Nona se ne è andata, Alice è rimasta sola: sola a badare ai cavalli del ranch di famiglia; sola a subire i malumori del padre e i capricci delle allieve delle lezioni di equitazione; sola ad assistere al brutale prodigio della nascita nella stalla che odora di terra, sangue e notte. Ma, nell’estate più calda e violenta di sempre, Alice scopre che per uscire dalla solitudine basta una bugia. È inevitabile, dopo, scivolare nel mondo complicato e ambiguo dei grandi, dove altre bugie, tradimenti e stupori la porteranno a scoprire la verità su se stessa e su quelli che ama.

La dinastia: Il romanzo dei cinque imperatori

31 a.C. Il giovane Ottaviano, reduce dalla vittoriosa battaglia di Azio, si macchia di un atroce delitto contro il sangue del suo sangue, attirando su di sé una maledizione che segnerà il destino di un’intera stirpe: lui, la sua famiglia e i suoi eredi non avranno mai pace e andranno incontro a ogni genere di dolore. Con il passare degli anni, quella che era sembrata una vaga minaccia assume i contorni di una terribile previsione, perché la sorte si accanisce contro la dinastia Giulio­Claudia fondata da Ottaviano, divenuto nel frattempo Augusto e imperatore. All’ombra della sua figura fioriscono intrighi e scandali e chi lo circonda finisce per lasciarsi corrompere dalla brama di potere. I contrasti proseguono sotto il regno di Tiberio, figliastro di Augusto, e portano ad altre morti, congiure e assassinii. L’imperatore successivo, Caligola, si rivela ben presto inadeguato al grande compito di cui è stato investito: i suoi eccessi creano malcontento e la sua ferocia semina il terrore. Gli succede Claudio, il cui regno è caratterizzato dalle trame di potenti liberti e di donne ambiziose, fino ad Agrippina che, come Livia a suo tempo, spiana la strada al proprio figlio Nerone. Tra scandali, tradimenti e complotti, prende vita la storia della dinastia che ha creato l’impero romano e che ha conosciuto, nel breve arco di un secolo, l’ascesa, il fulgore e il declino.

La dinastia dell’oro

In questo libro si narrano le vicende di una famiglia inglese trapiantata in america, dalla povertà alla ricchezza sfacciata, con tutte le sfumature e le conseguenze inevitabili che i personaggi incontreranno lungo il cammino.

La Dimora Fantasma

Nel vasto dominio di Sette Città, nel Deserto Sacro di Raraku, la veggente Sha’ik e i suoi seguaci si preparano ad affrontare l’insurrezione da lungo tempo predetta con il nome di Vortice di Vento. Il popolo ne è al corrente e l’attende come l’Apocalisse… Questa tempesta, che non conosce precedenti in quanto a proporzioni e furore, trascinerà l’Impero Malazan nel conflitto più sanguinoso che abbia mai conosciuto, forgiando il destino di molti e dando origine a imperiture leggende… Un appassionante romanzo di guerra, intrighi e tradimenti, sullo sfondo di una terra buia e desolata, sconvolta dalla violenza e da inesplicabili magie.
(source: Bol.com)

Dimmi che ti dispiace

Chi occupa la stanza numero 5 del reparto di terapia intensiva? Un’amante ineguagliabile? Una donna egocentrica senza pari? Una martire altruista? Una cattiva madre? Una sorella amata? Una moglie egoista? Ciascuna di loro. Silvia Shute è una donna forte e risoluta, ma improvvisamente deve arrendersi al fatto che la sua vita abbia subito una battuta d’arresto. Nel suo passato si cela un oscuro e terribile segreto, e ora che è priva di coscienza in un letto d’ospedale, l’incessante flusso di visitatori sembra alternarsi per svelare il mistero di una vita spezzata. Silvia giace lì, vittima dei suoi cari, della noia, dei mormorii. Che le piaccia o no, la verità sta per farle visita. Come avvenne in passato…Dimmi che ti dispiace è il nuovo, toccante romanzo di Dawn French, che torna in libreria dopo il successo di La meraviglia delle piccole cose, una storia che ha conquistato migliaia di lettrici anche in Italia. La sua scrittura è commovente, ironica e ricca di sapiente intelligenza: tutto questo fa di Dimmi che ti dispiace una lettura indimenticabile

Una difficile eredità

Alexandra è nata negli Stati Uniti, dove la madre Belle era andata a vivere dopo la seconda guerra mondiale. Trasferitasi in Germania per studiare all’università, si innamora di Dan Liliencron, figlio dell’ex socio in affari della nonna, ma finisce per sposare Markus Leonberg. La nonna lascia a lei le redini dell’azienda di famiglia e Alexandra si trova così a lavorare fianco a fianco con Liliencron, mentre il marito, un finanziere eccessivamente disinvolto, perde tutto il suo patrimonio e decide di suicidarsi. Alexandra si troverà ad affrontare una terribile crisi sentimentale e professionale in un crescendo di emozioni e colpi di scena. Ambientato in Germania, “Una difficile eredità” racconta le vicende e le emozioni dei protagonisti sullo sfondo di un paese in drammatico cambiamento, dal boom economico degli anni Sessanta, alla contestazione studentesca, agli anni di piombo del terrorismo e della crisi economica, fino al crollo del Muro di Berlino e alla riunificazione della Germania.

Dietro la nebbia

Quello di Queensberry House, il più vasto e imponente edificio costruito a Edimburgo alla fine del Seicento, è un passato che annovera tra i suoi misteri un caso di cannibalismo avvenuto nel 1707 a opera di un pazzo. Ora che il palazzo sta per diventare, dopo trecento anni, sede del nuovo parlamento scozzese, e l’ispettore John Rebus – sotto la cui giurisdizione si trova Queensberry House – è impegnato in una noiosissima serie di compiti «cerimoniali», le sinistre ombre del delitto si allungano di nuovo sul maniero mentre fervono i lavori di restauro per accogliere la prestigiosa assemblea. In rapida successione, tre omicidi scuotono infatti i giorni della vigilia: il corpo mummificato di un giovane, ucciso con un colpo alla nuca, viene scoperto all’interno di un muro; il cadavere di un politico in ascesa, rampollo di una celebre famiglia e candidato alle elezioni politiche, viene rinvenuto nei giardini della dimora, assassinato nello stesso modo; un vagabondo si uccide gettandosi da un ponte, lasciando dietro di sé un conto in banca miliardario e nessuna identità certa. I tre casi sono affidati a diversi gruppi d’indagine: sull’omicidio dell’uomo politico deve far luce Rebus, affiancato, o meglio diretto, dal giovane ispettore Derek Linford, ambiziosissimo e gradito ai capi per lo zelo e i modi deferenti. Il conflitto tra i due, che non potrebbero essere più diversi, è continuo, non solo per ragioni di lavoro.Rebus, a sua volta in lotta perenne con i demoni e le debolezze che ne attraversano la mente e il cuore, è convinto che i tre casi siano collegati, e i fili sottili di questa complessa e insidiosa tela di ragno lo porteranno a confrontarsi con il re della malavita di Edimburgo, un uomo che dalla prigione continua a gestire il destino della città. Un destino che spesso si nasconde, come Rebus sa fin troppo bene, dietro la nebbia delle menzogne, degli inganni, degli interessi legati al profumo inebriante del potere e del denaro…

La Dieta Fast

Finalmente è arrivata anche in Italia la Dieta Fast, che ha conquistato le classifiche inglesi e americane e ha convinto milioni di persone in tutto il mondo. Perché si basa su un principio semplice, efficace e salutare: basta ridurre le calorie per 2 soli giorni alla settimana, continuando a mangiare come al solito negli altri 5. **È il principio del ‘digiuno intermittente’ o della ‘restrizione calorica’**. Come dimostrano le più recenti ricerche cliniche, la Dieta Fast non solo fa perdere i chili di troppo, ma è benefica per la salute poiché riduce i rischi di gravi patologie come diabete, disturbi cardiovascolari e forme tumorali. Inoltre la Dieta Fast non fa perdere massa muscolare, non deprime l’umore, tiene sotto controllo colesterolo e glicemia, e migliora le abitudini alimentari: dopo poche settimane non solo avrai perso i chili di troppo, ma ti sentirai sazio più rapidamente e non ti capiterà più di provare i morsi della fame. Potrai creare un tuo programma personalizzato che si inserisce perfettamente nella tua vita e, grazie alle ricette e alla tabella del contenuto calorico degli alimenti, saprai sempre come, quando e quanto mangiare, senza trascurare i tuoi gusti personali e la tua vita sociale. Cosa si può desiderare di più da una dieta?
(source: Bol.com)

Dieci giorni sulle colline

È la primavera del 2003 e Max ed Elena sono appena tornati dalla cerimonia degli Oscar nella loro bella casa sulle colline di Hollywood. Regista e sceneggiatore, Max è un habitué della notte delle statuette, dopo averne vinta una per la migliore sceneggiatura negli anni Settanta con Grace, un film che ha fatto addirittura capolino in qualche lista dei «cento migliori film del XX secolo». Per Elena, invece, che scrive manuali di sopravvivenza (l’ultimo a cui sta lavorando si intitola Come fare tutto nel modo giusto), quella era la prima volta. È rimasta colpita non dal glamour delle tante stelle presenti, ma dal turbamento di Michael Moore per i fischi ricevuti dopo il discorso contro Bush e la guerra in Iraq: un conflitto che Elena trova «stupido», e Max del tutto «privo di strategia». Meglio rifugiarsi in casa propria, lontani dal bombardamento dei media di mezzo mondo. Anche perché in quella residenza che scende a strapiombo lungo il fianco della montagna, con una vista che spazia fino al Getty Museum, cinque camere da letto, una dépendance per gli ospiti, una piscina sul fianco del monte che riflette la luce mattutina, due giardini: quello delle erbe aromatiche e quello giapponese, la coppia aspetta un bel po’ di amici e parenti: Charlie, l’amico di infanzia di Max, fresco separato dalla moglie che spera di ringiovanire con una dieta a base di vitamine; Zoe, la ex moglie capricciosa diva del cinema; Paul, il suo accompagnatore, istruttore di yoga e ciarlatano; Isabel, la figlia ventitreenne di Max; Stoney, l’agente del padre, che ha sedici anni piú di Isabel e una storia con lei; Delphine, la madre di Zoe che spara sentenze come fosse un oracolo… Un gruppo ben assortito di americani del nuovo millennio che trascorrerà dieci giorni sulle colline a guardare film, interrogarsi su diete e regimi alimentari, indulgere in prolungati rapporti sessuali e, soprattutto, a spettegolare su ogni cosa, Hollywood, il cinema, l’eros, l’amicizia, la guerra e lo stato del mondo e sognare, come Max che vorrebbe fare un film intitolato My Lovemaking with Elena, di fare delle loro effimere esistenze un’opera d’arte. Graffiante satira della società in cui viviamo, Dieci giorni sulle colline costituisce una splendida conferma del talento di Jane Smiley, una delle maggiori scrittrici americane contemporanee.