26609–26624 di 68366 risultati

Tommaso Campanella

Un libertino che ha giocato un ruolo fondamentale nell’evoluzione della cultura europea, un irriducibile ribelle per le sue idee politiche, filosofiche e religiose. Nella ricorrenza del 450° anniversario della nascita, Luca Addante ribalta le interpretazioni dominanti sul filosofo, raccontando Tommaso Campanella attraverso le sue rappresentazioni e smascherando l’incredibile stratificazione di miti e di usi politici e apologetici della sua figura, che ne hanno stravolto le originarie fattezze.

(source: Bol.com)

Tocaia grande

In questo romanzo-ballata, Jorge Amado racconta una storia tanto strana che potrebbe essere vera. È la storia di una valle fertilissima, attraversata da un limpido fiume, ricca di fiori e frutti dal dolce profumo. Questa terra benedetta da Dio viene battezzata dagli uomini Tocaia Grande (Grande Imboscata) perché insanguinata dalle lotte di truci cacicchi che si contendono terra e potere. Gli abitanti che giungono via via a popolarla sono mercanti arabi e negri fuggiaschi, avventurieri e reduci, zingari e prostitute, immigrati europei e meticci senza terra. Manca solo una cosa, di cui gli abitanti non sentono affatto il bisogno: la Legge, lo Stato. Ma a questo pensano i “grandi”: le multinazionali del cacao, i militari, i preti fanatici venuti da lontano. Tocaia Grande, conquistata con l’inganno e con la forza, perderà persino il suo nome insolito e sconveniente per quello pomposo di Irisópolis.
**

Della Tirannide; Libri Due

Questo libro di storia potrebbe contenere numerosi refusi e parti di testo mancanti. Solitamente gli acquirenti hanno la possibilità di scaricare gratuitamente una copia scansionata del libro originale (senza refusi) direttamente dall’editore. Il libro è Non illustrato. 1849 edition. Estratto: …dai popoli servi, che dai liberi, sono pur sempre il coraggio e una certa virtù: colla somma differenza nondimeno, che l’onore nelle repubbliche, scevro da ogni privato interesse, riesce di pura ricompensa a sè stesso; ma nelle tirannidi, questo onore impiegatosi in prò del tiranno, vien sempre contaminato da mercedi e favori, che più o meno distribuiti dal principe, accrescono, minorano, o anche negati, spengono affatto l’onore nel cuor de’suoi servi. Le conseguenze poi di questi due diversi onori facilissime sono a dedursi. Libertà, grandezza d’animo, virtù domestiche e pubbliche, il nome e il felice stato di cittadino; ecco quali erano i dolci frutti dell’antico onore: tirannia, ferocia inutile, vii cupidigia, servaggio e timore; ecco innegabilmente quali sono i frutti del moderno. I Greci e i Romani erano in somma il prodotto del vero onor ben diretto; i popoli tutti presenti d’Europa (meno gl’Inglesi), sono il prodotto del falso onore moderno; Paragonando fra loro questi popoli, la diversa felicità e potenza da essi acquistata, le diverse cose operate da loro, la fama che ottengono, e quella che meritano, si viene ad avere un’ampia e perfetta misura di ciò che possa nel cuor dell’uomo questa divina brama di essere giustamente onorato, allorchè dai saggi governi ella è bene indirizzata e accresciuta, o allorchè dai tiranni ella.iene diminuita, o traviata dal vero. Mi si dirà che, o buono sia o cattivo il principato, a ogni modo il sacrificar la propria vita, il mantenere la data fede a costo di essa, l’esporla per vendicare le ingiurie private, tntto ciò suppone pur sempre una somma virtù….
**

Della tirannide

Nella produzione letteraria di Vittorio Alfieri assumono grande importanza gli scritti politici, nei quali il grande pensatore diede libero sfogo al suo pensiero di un’ideale connessione della politica con la morale, esaltando la libertà individuale e il ruolo dei letterati nella società. Nel trattato Della tirannide (1777) Alfieri definisce la figura del tiranno, l’«infrangi-legge», colui che si trova a essere al di sopra delle leggi, sottratto a ogni controllo, e che può «farle, distruggerle, infrangerle, interpretarle, impedirle, sospenderle; od anche soltanto deluderle, con sicurezza d’impunità», dimostrando un energico accanimento contro tutto ciò che può impedire la libertà ideale. L’opera Del principe e delle lettere analizza il rapporto fra potere politico e letteratura libera. La virtù sconosciuta (1789) è un elogio classico-rinascimentale, retorico, celebrativo della virtuosa, solitaria levatura morale, incarnata dall’amico Gori Giambellini.

Timira. Romanzo meticcio

In un capolavoro del neorealismo, *Riso amaro* di Giuseppe De Santis, oltre a Silvana Mangano in *hot pants* compare una strana mondina nera. Il suo nome è Isabella Marincola, ma in Somalia si farà chiamare Timira. Donna appassionata e libera, nata nel 1925 a Mogadiscio, è una figura nascosta e leggendaria, uno scrigno di storie intrecciate, tra Europa e Africa, che questo libro per la prima volta disseppellisce.
*Timira* è un «romanzo meticcio» che mescola memoria, documenti di archivio e invenzione narrativa. Scritto da un cantastorie italiano dal nome cinese, insieme a un’attrice italosomala ottantacinquenne e a un esule somalo con quattro lauree e due cittadinanze. Per interrogare, attraverso l’epopea del passato, un tempo che ci vede naufraghi, sulla sponda di un approdo in fiamme.
Questo tempo dove ci salveremo insieme, o non si salverà nessuno.

Timira: romanzo meticcio

In un capolavoro del neorealismo, *Riso amaro* di Giuseppe De Santis, oltre a Silvana Mangano in *hot pants* compare una strana mondina nera. Il suo nome è Isabella Marincola, ma in Somalia si farà chiamare Timira. Donna appassionata e libera, nata nel 1925 a Mogadiscio, è una figura nascosta e leggendaria, uno scrigno di storie intrecciate, tra Europa e Africa, che questo libro per la prima volta disseppellisce.
*Timira* è un «romanzo meticcio» che mescola memoria, documenti di archivio e invenzione narrativa. Scritto da un cantastorie italiano dal nome cinese, insieme a un’attrice italosomala ottantacinquenne e a un esule somalo con quattro lauree e due cittadinanze. Per interrogare, attraverso l’epopea del passato, un tempo che ci vede naufraghi, sulla sponda di un approdo in fiamme.
Questo tempo dove ci salveremo insieme, o non si salverà nessuno.

Ti amerò, mio Duca

Lady Olivia Shea gestisce una delle più frequentate boutique parigine di profumi, oltre a creare personalmente esotiche fragranze. Il matrimonio con l’affascinante e irresistibile lord Edmund Carlisle sembra il coronamento di una vita da sogno, che si infrange però la prima notte di nozze quando lui sparisce depredandola del suo denaro. Dopo tre mesi di ricerche. Olivia riesce finalmente a ritrovarlo a Londra… salvo scoprire che si tratta di suo cognato Sani, il serioso gemello di Edmund. Se davvero Sam non è il farabutto che stava cercando, è di certo l'amante che Olivia desidera appassionatamente.

The Passenger: Giappone

Più di altri paesi altrettanto ricchi e complessi, il Giappone ha la capacità di suscitare sorpresa. L’esasperazione delle vite dei moltissimi abitanti di un arcipelago così piccolo, il monolitismo delle strutture sociali, l’originalità dell’industria culturale, il gigantismo delle multinazionali tecnologiche, la resilienza delle sue tradizioni e la varietà delle sottoculture delle megalopoli post umane ci lasciano meravigliati o perturbati, e ci trasformano in piccoli etnologi che si grattano la testa perplessi.
Perché sorprendersi allora se dalla notte dei tempi un’infinità di viaggiatori, entusiasti, reporter e scrittori ha versato fiumi di inchiostro su questo stesso incanto? Lo stupore non è forse uno dei combustibili della miglior letteratura? Le parole più o meno intraducibili un tempo snocciolate dal nerd di turno impallinato di Sol levante fanno oggi parte del nostro bagaglio culturale comune: otaku, karōshi, sararīman, shokunin, gōkon. Ciò nonostante, il Giappone è sempre un puzzle di cui riusciamo ad assemblare alcune tessere, ma il cui disegno complessivo rimane impenetrabile. Questo enigma lo ha reso un generatore senza fine di storie, racconti, riflessioni di cui nelle pagine che seguono si può leggere una raccolta necessariamente soggettiva, ma trasversale: dal culto degli antenati alla scena musicale di Tokyo, dall’alienazione urbana al cinema, dal sumo al maschilismo, per citarne alcuni.
Il Giappone, come sospeso tra invecchiamento della popolazione e post modernità estrema, tra immobilismo e sperimentazione del futuro, è un osservatorio privilegiato per capire il mondo che è stato e quello che sarà. A patto che partiamo per questo viaggio senza la pretesa di risolvere il mistero, perché come ricorda Brian Phillips in «Vivere da giapponesi» (pagina 108): «Alcune storie giapponesi finiscono bruscamente. Altre non finiscono proprio, ma nel momento cruciale staccano sull’immagine di una farfalla, del vento o della luna.»

The Heroes

Bremer dan Gorst, maestro di spade caduto in disgrazia, ha giurato di reclamare sul campo di battaglia l’onore perduto. È ossessionato dalla redenzione e assetato di violenza, dunque non gli importa molto di quanto sangue scorrerà, anche se si trattasse del proprio. Il Principe Calder non ha alcun interesse per l’onore e di certo non ha intenzione di finire ammazzato. Tutto quello che vuole è il potere, e si servirà di qualsiasi bugia ed espediente, tradirà tutti gli amici per raggiungerlo. Almeno sino a quando non sarà lui a dover combattere. Curden lo Strozzato, l’ultimo uomo onesto rimasto al Nord, ha dedicato la sua vita all’arte della guerra, ricavandone solo ginocchia gonfie e nervi logori. Non gli importa nemmeno più chi sia a vincere, vuole soltanto fare la cosa giusta. Ma è possibile individuarla nel mondo che gli sta crollando intorno? Il destino del Nord sarà deciso da tre sanguinosi giorni di battaglia. Ma con entrambi gli schieramenti corrotti da intrighi, debolezze, ostilità e meschine gelosie, è improbabile che siano i cuori più nobili o anche le armi più potenti a prevalere.

The Beast. After, Tim Walker

Richard e Rebecca sono ormai una coppia stabile e consolidata. Hanno un figlio e lavorano insieme. Tutto sembra andare bene, finchè qualcuno del loro passato piomba di nuovo nelle loro vite, portando il caos. Tim Walker, dopo anni in cui sembrava scomparso nel nulla, si ripresenta a Detroit, con un chiaro obiettivo e farà di tutto per ottenerlo. Riusciranno Richard e Rebecca a superare quello che sembra l’ostacolo più grande?
**
### Sinossi
Richard e Rebecca sono ormai una coppia stabile e consolidata. Hanno un figlio e lavorano insieme. Tutto sembra andare bene, finchè qualcuno del loro passato piomba di nuovo nelle loro vite, portando il caos. Tim Walker, dopo anni in cui sembrava scomparso nel nulla, si ripresenta a Detroit, con un chiaro obiettivo e farà di tutto per ottenerlo. Riusciranno Richard e Rebecca a superare quello che sembra l’ostacolo più grande?

Il texano dagli occhi di ghiaccio

«Ha mai fatto uso di sostanze o pratiche proibite per migliorare le prestazioni sportive?» Per quindici anni, a questa domanda Lance Armstrong ha risposto invariabilmente e testardamente: «No». Nel gennaio 2013, tuttavia, milioni di americani sono rimasti pietrificati di fronte alla sua confessione, fatta durante un’intervista televisiva rilasciata a Oprah Winfrey, e alla conseguente e drammatica caduta di uno degli atleti più osannati d’America, trasformato nel giro di poche ore da eroe in truffatore. In realtà, la confessione pubblica di Lance Armstrong ha suscitato molti interrogativi e non ha affatto sollevato il velo sulle complicità e le connivenze che hanno permesso all’atleta di tenere in scacco per tanti anni organizzazioni antidoping, giornalisti e appassionati
di ciclismo. Né Lance ha mostrato segni di pentimento, sostenendo anzi che il doping è una prassi comune negli sport di resistenza.
Reed Albergotti e Vanessa O’Connell, giornalisti del «Wall Street Journal», cercano in queste pagine di andare oltre quella confessione e di scoprire – grazie a conversazioni, documenti, testimonianze e interviste – chi sia veramente Lance Armstrong: una straordinaria combinazione di talento atletico, forza di volontà, ambizione. E cosa lo abbia motivato nelle sue scelte di uomo e di sportivo, dai tormentati anni dell’adolescenza all’incredibile guarigione dal cancro, dalla fondazione dell’istituzione benefica Livestrong fino alle strepitose sette vittorie consecutive al Tour de France, oggi cancellate dall’albo d’oro della Grande Boucle. I due giornalisti, che da anni seguono le vicende della US Postal, la squadra di Armstrong, mettono a fuoco l’intreccio inedito e inquietante di interessi milionari che fa da sfondo al mondo del ciclismo professionistico: la loro inchiesta getta infatti luce su coinvolgimenti
insospettabili, da uomini di affari a politici influenti, e sulle sorprendenti connessioni con il mondo del business.
Nel racconto sfilano una miriade di personaggi: dagli ex compagni di squadra come Floyd Landis, che per primo ha rotto il muro dell’omertà sul doping, alla massaggiatrice Emma O’Reilly, che ne ha confermato le dichiarazioni; dal preparatore atletico Michele Ferrari, accusato di spingere all’uso di sostanze proibite, al direttore sportivo Johan Bruyneel che quell’uso ha avallato; fino a Travis Tygart che, a nome dell’agenzia antidoping statunitense, si è battuto senza mai arrendersi e con i pochi mezzi a disposizione – vero Davide contro Golia – per smantellare quel raffinato e blindatissimo sistema di corruzione, spionaggio e tecnologie all’avanguardia che ha permesso ad Armstrong prima di entrare nella leggenda e, qualche anno dopo, di diventare il simbolo di uno dei più grandi scandali nella storia dello sport.

Il tesoro scomparso

Buongiorno ragazzi. Sono sempre io, Alfred Hitchcock, pronto a servirvi su un piatto d’argento la terza avventura degli ormai celebri Tre Investigatori, Jupiter Jones, Pete Crenshaw e Bob Andrews. Una storia alquanto incredibile, almeno per chi si rifiuta di ammettere l’esistenza degli gnomi, dei folletti, e degli altri innumerevoli spiritelli malvagi. Eppure gli gnomi esistono veramente, e compaiono in questo giallo mantenendo fede alla tradizione fiabesca che li vuole avidi di ricchezze, di gioielli e di tesori. Anche I Tre Investigatori in un primo momento rifiutano di considerare possibile la loro esistenza: ma in breve dovranno ricredersi a loro rischio e pericolo. Mi rendo conto che questa mia presentazione può apparire alquanto caotica, ma vi prego di credere che non è affatto facile presentare delle cose che non dovrebbero esistere, ma che a quanto pare esistono ugualmente. Comunque, se volete chiarirvi le idee, non vi resta che precipitarvi a leggere questo volume. Alfred Hitchcock

Il Tesoro del Tempio

In terra d’Israele, nell’Aprile 2000 viene ritrovato su un altare sacrificaleil corpo di un archeologo orribilmente mutilato. Peter Ericson, questo era ilsuo nome, era sulle tracce di un tesoro seguendo le indicazioni di uno deimanoscritti trovati a Qumran. L’inchiesta dell’omicidio viene affidata daiservizi segreti israeliani ad Ary Cohen, il protagonista del romanzo “Qumran”.Ora lo studioso ebreo vive nelle grotte del Mar Morto, che ospitano anche lasetta degli Esseni, creduta estinta fin dai tempi dell’antichità e che ora loha eletto suo Messia. Con l’aiuto del padre paleologo, David Cohen, e di Jane,una giovane archeologa, si mette sulle tracce di un secondo manoscritto che loporta, fino al Medioevo, al tempo delle Crociate e dell’Inquisizione.

Terrestri Alla Prova

Una volta l’Uomo si misurava con altri uomini o con “le forze della Natura”; e in questa lotta, da cui usciva ora vittorioso e ora sconfitto, dava prova del suo valore alla restante umanità e agli Dei. Ora gli uomini stanno per diventare qualcosa di più e di meno dell’Uomo con la maiuscola, unico essere pensante dell’universo: stanno per diventare – e in fantascienza sono già diventati da un pezzo – i Terrestri. E in quanto tali dovranno dare prova del loro valore non solo alla restante umanità e agli Dei, ma… agli Altri. Come ci giudicheranno? Che prova sapremo dare di noi? I cinque racconti di questa antologia propongono ciascuno una situazione in cui ne va del nostro buon nome. Ma nello sceglierli, naturalmente, il solo “buon nome” a cui abbiamo avuto riguardo è stato quello di Urania, impegnata a pubblicare sempre e soltanto il meglio… Per il resto, non siamo di quelli per cui “il Terrestre ha sempre ragione”, né di quelli per cui è già scontato che la nostra umanità non vale molto e che dovremo “metterci al passo con le Specie più progredite”. INDICE
SPEDIZIONE DI SOCCORSO Rescue Party (1964) ARTHUR C. CLARKE
MEGLIO ANDARSENE, DAL TERZO PIANETA… Survey of the third planet (1966) KEITH ROBERTS
RAPPRESENTANTE DELLA TERRA Representative from Earth (1966) GREG BENFORD
NAVE ZOO Hiding Place (1964) POUL ANDERSON
DAN STEVENSON NON MOLLA The Edge of the Sea (1957) ALGIS BUDRYS

Terre pericolose. La fantascienza catastrofica 1919/1979

Un’antologia dedicata al pianeta più affascinante della fantascienza: la Terra. Una Terra « pericolosa » perchè teatro di strani eventi: invasioni cosmiche e morbi orrendi, biforcazioni nel tempo ed esperimenti scientifici sconsiderati, conflitti immensi e apparizioni enigmatiche; una Terra che nelle sue viscere nasconde creature mostruose, e sulla superficie alimenta società strane, distopie e anti-utopie. Insomma, il più imprevedibile pianeta dell’universo, protagonista assoluto di un romanzo (il famoso « Time Trap » di Henry Kuttner, che valse la prima accusa di immoralità nella storia della fantascienza), di quindici racconti stranieri e quattro storie italiane. In appendice, due saggi e una bibliografia completa sui « pericoli del futuro ». Illustrazioni dei migliori artisti specializzati.
Murray Leinster: « Le fuga del grattacielo» (1919);
G. Peyton Wertenbaker: «La Camera della Vita » (1929);
Chad Oliver e Charles Beaumant: « L’ultima parola » (1956);
J. Scott Campbell: « Pellicola di morte » (1948);
Howard Fast: «La ferita » (1969);
Philip K. Dick: « L’Uomo Dorato» (1954);
Allen Kirn lang: « L’esperto ospite » (1951);
Richard Stockham: « La valle » (1954);
William Tenn: « Giu, tra i morti » (1954);
R. A. Lafferty: « Un pomeriggio su Eretz » (1976);
Fritz Leiber: « Piu tardi di quel che credete > (1950);
Henry Kuttner: « La Trappola del Tempo» (1938);
Jack Vance: « Il ritorno della causalità » (1957);
Brian W. Aldiss: « Le eresie del Dio Immane » (1966);
Arthur C. Clarke: « Se mai ti dimenticassi, o Terra… » (1951);
Gustavo Gasparini: « L’Ora della Vendetta » (1966);
Paolo Mompellio: « Il signor Ballard, suppongo » (1979);
Enrico Ranfili: « Esplosione C. T. » (1978);
Renato Pestriniero: « Inquinamento acustico » (1979);
Dionisio Castello: « Il futuro minacciato »;
Alan E. Nourse: « Lo shock del futuro ».

Terre del finimondo

Le terre del finimondo sono le foreste amazzoniche che si estendono a sud di Bahia: viluppi fantastici di piante e animali, luoghi di meraviglie e portenti, di pericoli fatali. All’inizio del secolo, quelle regioni vennero aggredite dai coloni che le disboscarono per farvi sorgere le loro piantagioni di cacao. Sono queste le vicende cui il giovane Amado, rampollo di una famiglia di fazendeiros, dedicò una serie di romanzi nota come il “ciclo del cacao”, di cui questo volume rappresenta la seconda tappa. Grande protagonista rimane la foresta, con i suoi tronchi centenari, paradiso di uccelli e rifugio di giaguari: due famiglie se la contendono in una saga di violenza e di morte.
**