26481–26496 di 65579 risultati

La sposa perfetta

DEWARENNE DYNASTY – Vol. 5. Inghilterra, 1822 – Nell’alta società londinese non v’è dama più bella, raffinata ed elegante di Lady Blanche Harrington. Eppure l’affascinante gentildonna sembra incapace di provare anche la minima emozione, e a ventotto anni non ha mai conosciuto l’amore, la gioia, la passione. L’unico uomo che è riuscito a suscitare la sua curiosità, è anche l’unico che non l’ha mai corteggiata: il tenebroso Rex de Warenne, un eroe di guerra che vive in solitudine in Cornovaglia. Nella speranza che da quel blando interesse possa nascere qualcosa di più, le amiche di Blanche la spingono con un sotterfugio dritta tra le braccia del chiacchierato gentiluomo, ed è così che tra i due giovani sboccia, improvviso e imprevedibile, un tenero sentimento. Ma l’oscuro passato di Blanche torna a tormentare la giovane, trascinandola sull’orlo della follia, minacciando di distruggere la sua vita e l’amore appena trovato…
I romanzi della serie:
1) La sposa americana
2) Ballo in maschera
3) La scelta di Eleanor
4) Lezioni di galateo
5) La sposa perfetta
6) Passione gitana
7) Scandalo e passione
8) La promessa

La sposa pakistana

In seguito a uno dei massacri interetnici che hanno accompagnato la ‘spartizione’ tra India e Pakistan, una ragazzina del Punjab si ritrova adottata da un uomo delle montagne del Kohistan. Dopo la morte della moglie e dei figli, l’uomo ha lasciato il suo villaggio e si è trasferito, in compagnia della piccola Zaitoon, a Lahore. Preso, però, dalla nostalgia delle sue montagne, l’uomo decide di dare in sposa Zaitoon a un giovane della sua tribù. Tutto separa i due sposi e, dopo un’ardente prima notte, il giovane marito comincia a imporre la sua autorità alla piccola sposa, con una violenza direttamente proporzionale alla passione e alla gelosia che lo ispira.
**

La sposa normanna

Scozia, 1235 – Lady Marianne, nata e cresciuta in Normandia, non avrebbe mai immaginato che la situazione potesse degenerare fino a quel punto. Oltre ad aver giurato fedeltà a re Alessandro, per cementare quell’alleanza suo fratello ha addirittura promesso in sposa lei a un vecchio e disgustoso scozzese! Disposta a tutto pur di sottrarsi a quella sorte ingrata, Marianne accetta di seguire Adair MacTaran, un intrepido highlander dal fascino tenebroso che la conduce a Lochbarr. Per vincere l’ostilità con cui il clan di Adair l’ha accolta e salvare la propria reputazione, irrimediabilmente compromessa da quell’avventata fuga, Marianne convince il giovane guerriero a sposarla e col passare del tempo conquista sia l’amore del marito che il ri-spetto e l’affetto della gente del clan. La felicità sembra a portata di mano, ma l’ombra del tradimento incombe su Lochbarr.
**
### Sinossi
Scozia, 1235 – Lady Marianne, nata e cresciuta in Normandia, non avrebbe mai immaginato che la situazione potesse degenerare fino a quel punto. Oltre ad aver giurato fedeltà a re Alessandro, per cementare quell’alleanza suo fratello ha addirittura promesso in sposa lei a un vecchio e disgustoso scozzese! Disposta a tutto pur di sottrarsi a quella sorte ingrata, Marianne accetta di seguire Adair MacTaran, un intrepido highlander dal fascino tenebroso che la conduce a Lochbarr. Per vincere l’ostilità con cui il clan di Adair l’ha accolta e salvare la propria reputazione, irrimediabilmente compromessa da quell’avventata fuga, Marianne convince il giovane guerriero a sposarla e col passare del tempo conquista sia l’amore del marito che il ri-spetto e l’affetto della gente del clan. La felicità sembra a portata di mano, ma l’ombra del tradimento incombe su Lochbarr.

La sposa liberata

Incapace di sopportare l’infelicità del figlio, il professor Rivlin tenta di riallacciare i legami con la famiglia dell’ex nuora. Iniziano cosí le sue indagini, e le sue visite, per venire a capo di un enigma che lo fa macerare nell’ansia. Il professore ebreo, tuttavia, non riuscirà a risolvere il mistero da solo, e gli arabi, temuti e amati, arriveranno ad aiutarlo. Ambientato tra il 1998 e il 1999, quando ancora erano vive le speranze di pace e l’Autonomia palestinese compiva i primi passi in Cisgiordania, La sposa liberata conferma ancora una volta la maestria narrativa e poetica di Abraham Yehoshua, ponendolo tra i maggiori scrittori della letteratura mondiale.

La sposa liberata

Dopo appena un anno di matrimonio Galia ha ripudiato il marito Ofer. Che segreto inconfessabile si nasconde dietro il loro divorzio? Yohanan Rivlin, padre di Ofer, non si è mai rassegnato all’infelicità del figlio, ed è deciso a scoprire la verità a qualunque costo. Ma il professore ebreo non riuscirà a risolvere il mistero da solo, e gli arabi, temuti e amati, arriveranno ad aiutarlo. Ambientato tra il 1998 e il 1999, quando ancora erano vive le speranze di pace, “La sposa liberata” è un’allegoria del destino di due popoli sempre in guerra.
**

La sposa in nero

Ken Bliss è un giovane uomo felice e innamorato, prossimo alle nozze, quando un giorno una donna vestita di nero, misteriosa quanto bella, lo viene a cercare. Poco dopo Ken inspiegabilmente precipita dalla terrazza e muore. Mitchell è uno spiantato senza arte né parte, senza sogni e senza amori, ma quando una bellissima donna avvolta in un manto nero lo invita a teatro e poi gli offre da bere, crede che la fortuna si sia finalmente accorta di lui. Peccato che quel bicchiere gli sia fatale. Nel corso di un paio d’anni gli omicidi si susseguono. E sempre, sulla scena del delitto, l’ombra di una donna in nero. Chi è? È lei a uccidere quegli uomini che non hanno apparentemente nulla in comune tra di loro? E soprattutto, perché? Pubblicato nel 1940, La sposa in nero ha ispirato il regista Frangois Truffaut che nel 1968 ne ha tratto un memorabile film con Jeanne Moreau nei panni della protagonista Julie.
**

La sposa e la vendetta

Fin dal suo arrivo sull’isola di Alba, il principe Imriel de la Courcel ha dovuto lottare: per conquistarsi il rispetto della popolazione locale, per vincere la diffidenza dei nobili di corte, per non soccombere alla disperazione dovuta alla lontananza da Sidonie, il suo grande amore perduto, cui ha rinunciato per sposare Dorelei mab Breidaia… Eppure anche un matrimonio combinato può regalare lampi di felicità; quando la moglie gli annuncia di essere incinta, infatti, il cuore di Imriel si accende di gioia e di speranza. Sentimenti che però non hanno nessun valore per Berlik, lo stregone del misterioso popolo dei Maghuin Dhonn, convinto che un giorno quel bambino distruggerà il regno di Alba. Così, in un atto d’inaudita ferocia, Berlik uccide Dorelei e il figlio che lei porta in grembo. Sconvolto, Imriel trova nella vendetta l’unica ragione di vita e, non appena viene a sapere che lo stregone è fuggito dall’isola, raduna un manipolo di guerrieri albani e si lancia al suo inseguimento. Sebbene il viaggio si riveli ben presto difficoltoso ed estenuante, il principe non ha nessuna intenzione di arrendersi, nemmeno quando scopre che Berlik si nasconde a Vralia, una terra selvaggia e pericolosa, dove l’inverno non ha mai fine e i boschi celano oscure insidie…
**

La sposa di Sherbrooke

Douglas Sherbrooke, conte di Northcliffe, ha necessità di prendere moglie e dare alla casata un legittimo erede. Alexandra Chambers, secondogenita del duca di Beresford, è innamorata di lui fin da quando era una ragazzina, ma la scelta ricade sulla bellissima sorella maggiore Melissande. E tanto è impaziente il conte di impalmare quell’affascinante creatura che, seppur inviato in Francia per una missione, incarica il cugino Tom di organizzargli il matrimonio per procura. Sfortunatamente, però, le cose non vanno secondo i piani, e al ritorno Douglas si ritrova sì sposato, ma con Alexandra. Come se non bastasse, nelle stanze nuziali del castello ha ripreso a manifestarsi lo spirito della Sposa Vergine…
(source: Bol.com)

La sposa del vento

Dragonslayer lo chiamano, è il pirata più famigerato di tutti i mari, l’incubo ricorrente di ogni capitano. Pochi però sanno che sotto i terribili panni del brigante si cela l’uomo che un tempo fu il cavaliere più brillante della corte d’Inghilterra, il campione di re Carlo II, il sogno di ogni dama; lord Pierce DeForte.
Accecato dal suo desiderio per una donna, l’aitante nobile è caduto vittima delle perfide macchinazioni dei suoi nemici, che lo volevano morto. Dall’attimo della sua rovina, Pierce ha vissuto solo per vendicarsi di tutti quelli che lo hanno tradito, compresa la bellissima Rose, che gli aveva fatto perdere la testa a tal punto.
Figlia di un ricchissimo piantatore della Virginia, Rose Woodbine era giunta nel 1670 alla corte di re Carlo…. ed era incappata in un indesiderato matrimonio con lo splendido e pericoloso Pierce, un uomo che lei aveva appassionatamente odiato….fino a innamorarsene.
Ora, a bordo del vascello pirata, nel vortice di una tempesta che scuote il mare e gli animi, al cospetto di colui che più la odia al mondo, Rose scopre di non essere la sua vedova, bensì la sua indifesa prigioniera, costretta a sottomettersi alla sua furia, al suo volere… e allo struggente sentimento che ancora le stringe il cuore…..

La sposa del nord

Stati Uniti, 1865 – Quando arriva alla fattoria del suo vecchio amico e compagno d’armi Charlie, Roan Devereaux non si aspetta certo di trovarvi soltanto Katherine, rimasta a mandare avanti l’allevamento di cavalli dopo la morte del padre. Fiera e indipendente, abituata a cavarsela in ogni circostanza e a nascondere la propria avvenenza sotto abiti informi e incolori, fin dal primo istante Kate esercita su di lui uno strano fascino, al punto che Roan decide di fermarsi per un po’ a darle una mano prima di riprendere il cammino. Ma a poche ore dalla partenza, un presentimento lo convince a tornare da lei, giusto in tempo per salvarla dall’aggressione di un pretendente un po’ troppo focoso. Restio a lasciarla lì, sola e indifesa, impulsivamente le propone di sposarlo e di accompagnarlo a River Bend, la piantagione della sua famiglia che non vede da moltissimo tempo. Inizia così il lungo e avventuroso viaggio di Kate e Roan verso la Louisiana, alla scoperta di un amore capace di superare ogni ostacolo e pregiudizio.
**
### Sinossi
Stati Uniti, 1865 – Quando arriva alla fattoria del suo vecchio amico e compagno d’armi Charlie, Roan Devereaux non si aspetta certo di trovarvi soltanto Katherine, rimasta a mandare avanti l’allevamento di cavalli dopo la morte del padre. Fiera e indipendente, abituata a cavarsela in ogni circostanza e a nascondere la propria avvenenza sotto abiti informi e incolori, fin dal primo istante Kate esercita su di lui uno strano fascino, al punto che Roan decide di fermarsi per un po’ a darle una mano prima di riprendere il cammino. Ma a poche ore dalla partenza, un presentimento lo convince a tornare da lei, giusto in tempo per salvarla dall’aggressione di un pretendente un po’ troppo focoso. Restio a lasciarla lì, sola e indifesa, impulsivamente le propone di sposarlo e di accompagnarlo a River Bend, la piantagione della sua famiglia che non vede da moltissimo tempo. Inizia così il lungo e avventuroso viaggio di Kate e Roan verso la Louisiana, alla scoperta di un amore capace di superare ogni ostacolo e pregiudizio.

La sposa del diavolo

Quando Devil, il ribelle rampollo della ricca e potente famiglia Cynster, viene sorpreso in atteggiamento compromettente con la governante Honoria Wetherby, lui spiazza tutti chiedendole di sposarlo. Nessuno avrebbe mai immaginato che uno degli scapoli più corteggiati d’Inghilterra si sarebbe fatto incastrare così facilmente. D’altro canto, nessuno avrebbe mai immaginato che Honoria non accettasse. Perché nonostante Devil le piaccia ardentemente, per lei il vero amore è un’altra cosa…

La sposa americana

DEWARENNE DYNASTY – Vol. 1. Inghilterra, 1812 – Da quando, ancora bambino, è stato testimone del brutale assassinio del padre, il valoroso capitano della Marina inglese Devlin O’Neill è ossessionato da un solo pensiero: vendicarsi. Così, con feroce determinazione, dedica ogni istante della propria vita a distruggere il colpevole di quell’orribile delitto, il Conte di Eastleigh. Diventa l’amante di sua moglie, lo riduce quasi sul lastrico, si appropria delle sue eleganti residenze, e infine rapisce la giovane nipote del gentiluomo, Virginia Hughes, con il proposito di rovinarle la reputazione. Innamorata di Devlin e convinta di poter spegnere la sete di vendetta che lo anima, Virginia accetta così di prestarsi a un gioco che si rivelerà incredibilmente crudele. Ma O’Neill non ha fatto i conti con la dolcezza di quella coraggiosa fanciulla americana.
I romanzi della serie:
1) La sposa americana
2) Ballo in maschera
3) La scelta di Eleanor
4) Lezioni di galateo
5) La sposa perfetta
6) Passione gitana
7) Scandalo e passione
8) La promessa

Sposa a Natale (I Romanzi Classic)

Per mantenere la promessa fatta all’anziano padre, il ricchissimo Edgar Downes è intenzionato a sposarsi entro Natale con una lady titolata. Londra è piena di signorine graziose e qualificate, ma a catturare la sua attenzione è una giovane vedova, lady Helena Stapleton. Per la verità, niente di lei aderisce al profilo ideale della futura madre dei suoi figli, eppure Edgar è attratto da tanta bellezza e intelligenza. Helena è a sua volta intrigata da quell’uomo affascinante, ma sa che un’unione tra loro non è contemplabile. Una notte di passione è tutto ciò che si possono concedere, tuttavia il destino sembra avere altri piani. E, dopotutto, Natale è un momento dell’anno davvero speciale…

Sposa a metà (I Romanzi Oro)

Il matrimonio può diventare la più sensuale delle seduzioni. Come tutti gli uomini della nobile famiglia Bedwyn, il colonnello Aidan è tanto orgoglioso quanto pieno di coraggio, e in più ha un cuore appassionato e fedele. Ed è proprio la fedeltà alla promessa fatta a un amico morente, quella di proteggerne la sorella Eve, a portarlo a Ringwood Manor. Ma mai si sarebbe aspettato di trovare una donna tanto fiera e indipendente da rifiutare il suo aiuto, e che gli insinua nel cuore sensazioni inaspettate. Quando però Eve rischia di restare senza casa, Aidan sarà costretto a farle un’offerta che lei non potrà permettersi di rifiutare…

Splendore

“Avremo mai il coraggio di essere noi stessi?” si chiedono i protagonisti di questo romanzo. Due ragazzi, due uomini, due incredibili destini. Uno eclettico e inquieto, l’altro sofferto e carnale. Una identità frammentata da ricomporre, come le tessere di un mosaico lanciato nel vuoto. Un legame assoluto che s’impone, violento e creativo, insieme al sollevarsi della propria natura. Un filo d’acciaio teso sul precipizio di una intera esistenza. I due protagonisti si allontanano, crescono geograficamente distanti, stabiliscono nuovi legami, ma il bisogno dell’altro resiste in quel primitivo abbandono che li riporta a se stessi. Nel luogo dove hanno imparato l’amore. Un luogo fragile e virile, tragico come il rifiuto, ambizioso come il desiderio. L’iniziazione sentimentale di Guido e Costantino attraversa le stagioni della vita, l’infanzia, l’adolescenza, il ratto dell’età adulta. Mettono a repentaglio tutto, ogni altro affetto, ogni sicurezza conquistata, la stessa incolumità personale. E ogni fase della vita rende più struggente la nostalgia per quell’età dello splendore che i due protagonisti, guerrieri con la lancia spezzata, attraversano insieme. La voce narrante del protagonista ha la limpidezza poetica, l’ingenua epicità dei grandi inetti della letteratura, s’impenna funambolica, s’immerge tragica e gioiosa nelle mille insenature di questo romanzo che è insieme classico e sperimentale. Un romanzo che cambia forma come cambia forma l’amore. Scortica pregiudizi, ci espone alla vertigine, ci libera. Ha la solitudine, l’audacia, la virulenza malinconica di tutti gli amori non perdonati, che inseguono l’illusione di uno splendore possibile. Un romanzo che non somiglia a nessun romanzo, perché una storia d’amore non somiglia a nessun’altra storia d’amore. Ma la storia di Guido e Costantino è anche un viaggio attraverso i molti modi della letteratura, un caleidoscopio di suggestioni che attraversa l’archeologia e la contemporaneità… una Roma ventriloqua, lacustre, gli echi della mitologia greca, e una Londra turbìna di stravaganze. Osa addentrarsi nelle pieghe più scomode dell’amore, che sovrasta gli uomini stessi che lo provano, quello che gli artisti da sempre cercano di catturare perché trova nella propria bellezza la ragione di esistere, al di sopra di ogni giudizio. Margaret Mazzantini ci affida un romanzo ipnotico, dotato di una luce che ti fucila alle spalle, che avanza con l’urgenza folle e anticonformista di un narratore che rivendica il diritto di trasformare la vergogna in bellezza. Il diritto della letteratura, quello di risvegliarci lasciandoci nello stupore di un fragoroso sogno. Perché il vero scandalo sarebbe non aver cercato se stessi. E alla fine sappiamo che ognuno di noi può essere soltanto quello che è. E che il vero splendore è la nostra singola, sofferta, diversità.
**
### Sinossi
“Avremo mai il coraggio di essere noi stessi?” si chiedono i protagonisti di questo romanzo. Due ragazzi, due uomini, due incredibili destini. Uno eclettico e inquieto, l’altro sofferto e carnale. Una identità frammentata da ricomporre, come le tessere di un mosaico lanciato nel vuoto. Un legame assoluto che s’impone, violento e creativo, insieme al sollevarsi della propria natura. Un filo d’acciaio teso sul precipizio di una intera esistenza. I due protagonisti si allontanano, crescono geograficamente distanti, stabiliscono nuovi legami, ma il bisogno dell’altro resiste in quel primitivo abbandono che li riporta a se stessi. Nel luogo dove hanno imparato l’amore. Un luogo fragile e virile, tragico come il rifiuto, ambizioso come il desiderio. L’iniziazione sentimentale di Guido e Costantino attraversa le stagioni della vita, l’infanzia, l’adolescenza, il ratto dell’età adulta. Mettono a repentaglio tutto, ogni altro affetto, ogni sicurezza conquistata, la stessa incolumità personale. E ogni fase della vita rende più struggente la nostalgia per quell’età dello splendore che i due protagonisti, guerrieri con la lancia spezzata, attraversano insieme. La voce narrante del protagonista ha la limpidezza poetica, l’ingenua epicità dei grandi inetti della letteratura, s’impenna funambolica, s’immerge tragica e gioiosa nelle mille insenature di questo romanzo che è insieme classico e sperimentale. Un romanzo che cambia forma come cambia forma l’amore. Scortica pregiudizi, ci espone alla vertigine, ci libera. Ha la solitudine, l’audacia, la virulenza malinconica di tutti gli amori non perdonati, che inseguono l’illusione di uno splendore possibile. Un romanzo che non somiglia a nessun romanzo, perché una storia d’amore non somiglia a nessun’altra storia d’amore. Ma la storia di Guido e Costantino è anche un viaggio attraverso i molti modi della letteratura, un caleidoscopio di suggestioni che attraversa l’archeologia e la contemporaneità… una Roma ventriloqua, lacustre, gli echi della mitologia greca, e una Londra turbìna di stravaganze. Osa addentrarsi nelle pieghe più scomode dell’amore, che sovrasta gli uomini stessi che lo provano, quello che gli artisti da sempre cercano di catturare perché trova nella propria bellezza la ragione di esistere, al di sopra di ogni giudizio. Margaret Mazzantini ci affida un romanzo ipnotico, dotato di una luce che ti fucila alle spalle, che avanza con l’urgenza folle e anticonformista di un narratore che rivendica il diritto di trasformare la vergogna in bellezza. Il diritto della letteratura, quello di risvegliarci lasciandoci nello stupore di un fragoroso sogno. Perché il vero scandalo sarebbe non aver cercato se stessi. E alla fine sappiamo che ognuno di noi può essere soltanto quello che è. E che il vero splendore è la nostra singola, sofferta, diversità. 

Uno splendido disastro

Uno splendido disastro è un caso editoriale unico, un fenomeno mondiale. La rete è invasa di commenti, schiere di lettori reclamano un secondo capitolo, dilagano forum dedicati ai due romantici protagonisti. Venduto a una delle più importanti case editrici americane dopo un’asta agguerrita ha scalato la classifica del «New York Times» rimanendo per settimane ai primi posti. La Warner Bros ne ha acquisito i diritti cinematografici. Sentimenti inconfessabili, lotte interiori, passione proibita fanno di Uno splendido disastro un romanzo di cui è difficile non diventare dipendenti.**Jamie McGuire** è autrice delle serie:
**Uno splendido disastro**
1 – Uno splendido disastro
2 – Il mio disastro sei tu
3 – Un disastro è per sempre
4 – Uno splendido sbaglio
5 – Un indimenticabile disastro
6 – L’amore è un disastro
7 – Il disastro siamo noi
**La storia di Erin e Weston**
1 – Una meravigliosa bugia
2 – Un magnifico equivoco
3 – Un’incredibile follia
Camicetta immacolata e coda di cavallo. Abby Abernathy sembra la classica ragazza timida e studiosa. Ma in realtà è una ragazza in fuga. In fuga dal suo passato, dalla sua famiglia, da un padre in cui ha smesso di credere. E ora che è arrivata alla Eastern University per il primo anno di università, ha tutta l’intenzione di dimenticare la sua vecchia vita e ricominciare da capo. Travis Maddox di notte guida troppo veloce sulla sua moto, ha una compagna diversa per ogni festa e attacca briga con molta facilità. Dietro di sé ha una scia di adoratrici disposte a tutto per un suo bacio. C’è una definizione per quelli come lui: Travis è il ragazzo sbagliato. Abby lo capisce subito appena i suoi occhi incontrano quelli profondi di lui e sente uno strano nodo allo stomaco: Travis rappresenta tutto ciò da cui ha solennemente giurato di stare lontana. Ma lei no, non ci cadrà come tutte, lei sa quello che deve fare, quel ragazzo porta solo guai. Ma quando, a causa di una scommessa fatta per gioco, i due si ritrovano a dover condividere lo stesso tetto per trenta giorni, Travis dimostra un’inaspettata mistura di dolcezza e passionalità. Solo lui è in grado di leggere fino in fondo all’anima tormentata di Abby e capire cosa si nasconde dietro i suoi silenzi. Solo lui è in grado di dare una casa al cuore sempre in fuga della ragazza. Ma Abby ha troppa paura di affidargli la chiave per il suo ultimo e più profondo segreto…
(source: Bol.com)