26129–26144 di 62912 risultati

Incas. La scelta di Anamaya

Dopo la conquista dell’impero inca, gli spagnoli assetati d’oro impongono la loro legge e la loro religione. E chi, come Anamaya, aveva creduto nella possibilità di una convivenza pacifica, vede crollare le proprie illusioni. Mentre gli incas preparano la rivolta, la fanciulla incontra il suo Gabriel forse per l’ultima volta: presto il sangue scorrerà, dividendo per sempre i loro due popoli.

Incas. L’ombra del puma

Perù, anno 1532. Un manipolo di soldati spagnoli sbarca su una costa sperduta, alla ricerca del mitico El Dorado. Ha così inizio uno dei più grandi genocidi della storia. Ma sullo sfondo di sanguinose battaglie e crudeli razzie, si impone la figura fragile e coraggiosa di Anamaya, ragazza inca dai misteriosi occhi azzurri, capace di lottare contro gli invasori, di innamorarsi di uno di loro, e di vivere fino in fondo un sentimento crudelmente contrastato.

L’incanto dell’ombra

Lo scenario è così noto e normale da apparire quasi banale: la città di Londra, la campagna inglese e la Francia, al di là della Manica, con le sue coste e i suoi villaggi turistici, e tutto, in questa storia, inizia come una delle tante storie d’amore che quotidianamente sbocciano in ogni angolo del mondo: un giornalista in vacanza, Richard Grey, incontra una ragazza, Susan, che deve raggiungere il fidanzato, un altro inglese, Niall, in un villaggio francese. Tutto normale, anche l’avventura che li unisce durante il viaggio. Ma chi è Niall? E perché Richard Grey viene coinvolto in un incidente e perde la memoria? E chi è l’ombra… il fantasma… il nulla… che grava su ogni azione, su ogni parola, su ogni ricordo, senza che nessuno possa vederlo?

L’incanto dei sensi

Nella Britannia selvaggia e flagellata dalle guerre,Sierra realizza che, per sopravvivere a tempi così duri, occorre inchinarsi al volere dei potenti. Lo spietato re sassone, infatti, l’ha risparmiata perché lei ha il dono della chiaroveggenza e vuole che diventi l’apprendista del boia. Costretta a carpire i segreti dei prigionieri, lentamente il suo cuore si raffredda finché nelle segrete del castello non viene rinchiuso, in quanto capo dei ribelli, l’aitante e valoroso Dryston. Per piegare la resistenza dell’indomito guerriero, Sierra riaccende tutta la sua sensualità e trova così la chiave per vendicarsi, liberarsi e tornare a sperare in un futuro migliore di giustizia e serenità. Ma, soprattutto tra le braccia di Dryston, proverà il brivido inebriante e l’incanto della passione.

Incanto

Mariarosa è una donna giovane e fragile, profondamente depressa. Un giorno, senza più speranze, cerca conforto alle sue sofferenze ritirandosi a pregare in una chiesa. All’uscita le viene incontro un cane. Sembra invitarla a seguirlo e la conduce a un casolare isolato in aperta campagna, in mezzo al grano. Qui vive un anziano contadino che accoglie la donna e la ascolta. Nei gesti e nelle parole di quell’uomo ancora capace di assaporare le piccole autentiche gioie quotidiane, la giovane trova il riflesso dei propri sogni e desideri, la strada per riconciliarsi con l’esistenza e riconquistare la serenità. Una giornata triste si trasforma così in puro incanto e una magia permette a Mariarosa di rinascere a una vita piena e ricca di senso riscoprendo un mondo che credeva perduto.

L’incantesimo

Inghilterra 1658

Mentre lui si avvicinava, Caitlin si sentiva preda di uno strano incantesimo. Nella nebbia, l'uomo sembrava avvolto da una luce sottile, come l'aura di un dio. Ma quando udì la sua voce capì che si era sbagliata. Era un inglese, una canaglia inglese, e doveva morire.

L’incantesimo di Silverthorn

La guerra tra i mondi di Midkemia e Kelewan si è conclusa: il Regno delle Isole si prepara a vivere un periodo di pace e a festeggiare il matrimonio tra il principe Arutha di Krondor e la principessa Anita. Ma la tragedia è in agguato: nel giorno delle nozze, la principessa e colpita da una freccia imbevuta di un’erba velenosa nota come Silverthorn, così rara e misteriosa che tutti i rimedi conosciuti per contrastare i suoi effetti risultano inutili. E mentre la vita della giovane si spegne lentamente, Arutha si convince che l’unica speranza per salvarla sia spingersi fino nella lontana Sarth, dove sorge un’antica abbazia che custodisce più conoscenze di qualsiasi altro luogo del Regno. Così, in compagnia di un mercenario. di un menestrello e di un giovane ladro, il principe si mette in cammino…

L’incantesimo dello spirito

Il principe Boleso, confinato nelle remote terre del Nord perché considerato pazzo, è stato ucciso mentre tentava di violentare una nobildonna nel corso di una cerimonia sacrilega. Tuttavia quel delitto è sospetto perché, con il sacro re del Dominio ormai moribondo, il principe Boleso era il legittimo pretendente al trono. Così, oltre al compito di portare il cadavere fino al luogo di sepoltura, Lord Ingrey viene incaricato di arrestare l’assassina, Lady Ijada, e di scortarla fino alla capitale del regno perché sia processata. Il viaggio si rivela subito pieno di insidie e pericoli, e Ingrey scopre suo malgrado che l’unica persona di cui si può fidare veramente è proprio la sua prigioniera: perché una terribile maledizione incatena l’anima dell’uomo, e un destino infausto si compirà se lui non riuscirà a riscattare il proprio spirito e la propria coscienza.
**

L’incantesimo dei Druidi. La saga di Deverry

Due mercenari viaggiano insieme nel regno di Deverry, in cerca del proprio destino: il nobile Rhodry, esiliato dalla corte di Aberwyn, che ancora non conosce la sua vera discendenza, e Jill, fiera e appassionata “daga d’argento”, che sospetta appena la forza dei suoi misteriosi poteri. I due giovani non sanno che la salvezza del regno è nelle loro mani, nel loro amore e nel coraggio che devono trovare per affrontare i tenebrosi signori del male e convincere uomini ed elfi a unire di nuovo le loro forze…

L’inattesa piega degli eventi

L’Epopea Fantastorica Italiana è una fortunata invenzione dello scrittore Enrico Brizzi, inaugurata nel 2008 con il romanzo “L’inattesa piega degli eventi” e proseguita con i volumi “La Nostra guerra” e “Lorenzo Pellegrini e le donne”. In questa trilogia l’autore immagina uno scenario alternativo per il nostro Paese: il regime fascista ha rotto l’alleanza con la Germania per schierarsi al fianco degli Alleati e, al termine della seconda guerra mondiale, si è guadagnato un posto al tavolo dei vincitori. Di conseguenza, gli italiani non si sono mai liberati della dittatura: Mussolini e i suoi gerarchi sono infatti rimasti saldi al potere. Nel 1960 la Repubblica – laica e littoria – d’Italia gode di prestigio e benessere, ma all’interno dei suoi confini l’atmosfera è greve: delazione e conformismo sono all’ordine del giorno, i dissidenti vengono mandati al confino e, ai vertici dello Stato, già si trama in vista della successione all’anziano dittatore. Al giornalista sportivo Lorenzo Pellegrini, tuttavia, il futuro sembra sorridere: sulla soglia dei trent’anni si appresta a seguire le Olimpiadi di Roma, l’occasione che potrebbe segnare una svolta nella sua carriera. A causa di un’inopportuna relazione amorosa, viene invece spedito a seguire le ultime giornate della Serie Africa, una lega che raduna il meglio del calcio eritreo, etiope e somalo sotto l’egida della Federcalcio di Roma. Quello che doveva essere un castigo si trasforma in una possibilità di rinascita.

In viaggio contromano

“Diciamolo pure: mio marito e io non siamo di quelli che viaggiano per ‘espandere la mente’”. Proprio così, Ella e John sono due persone semplici. Nessuna vergogna a confessare che Disneyland, per loro, è una meta importante. Ci sono stati con i figli quando erano bambini. Ci vogliono tornare adesso che hanno ottant’anni, sono quasi bisnonni e sono pieni di acciacchi infernali. Hanno deciso di mollare la chemio, non drammatizzare sull’Alzheimer e regalarsi un grande viaggio: “Alla nostra età nessuno apprezza la leggerezza, proprio quando ce ne sarebbe più bisogno”. Attraversare l’America seguendo la storica Route 66: Illinois, Missouri, Oklahoma, Texas, New Mexico, California; una galoppata che sfiancherebbe chiunque. In barba a ogni cautela, a ogni divieto, decidono di fare del camper – un Leisure Seeker del 1978 – la propria casa ambulante. Lungo il percorso, ovviamente ne succedono di ogni. Più di una volta, i figli minacciano di farli braccare dalla polizia: “Dovremmo tornare a casa… perché? Più medicine? Più cure? Più dottori?” Un viaggio contromano il loro, fatto di cocktail vietati, hippie irriducibili, diapositive all’alba, malviventi messi in fuga e, perché no? anche un angolino di sesso. Un grande inno alla Strada: uno straordinario caleidoscopio in cui si mescolano ciò che si vede e ciò che accade; quello che è stato, quello che hanno amato, che ancora sognano…

In un vicolo cieco (Il Giallo Mondadori)

Un attentato dinamitardo in una via di Londra. È la risposta di un gruppo anarchico ai soprusi e alla corruzione della polizia. Ma agli occhi di Thomas Pitt, in forza ai Servizi di Sicurezza lanciati all’inseguimento dei responsabili, nella vicenda c’è un dettaglio che stride: trovare morto il capo del gruppo, ucciso da una mano misteriosa, e scoprire che è figlio di un membro del Parlamento. Una pista che conduce dagli ambienti clandestini dell’eversione fino ai palazzi del governo. Là muove le sue pedine la Confraternita, una società segreta che trama per piegare ai suoi fini l’ordine costituito. In una Londra sull’orlo del caos, poteri e contropoteri si fronteggiano senza esclusione di colpi, mentre l’Impero britannico si avvia a un destino che sembra ormai ineluttabilmente segnato.

In un vicolo cieco

Gli Slabaugh sono una famiglia prospera e laboriosa della comunità amish. Ma un orribile incidente porta alla morte i genitori e lo zio, lasciando orfani i quattro ragazzi. Il capo della polizia Kate Burkholder, nata e cresciuta Amish, sa che per loro sarà ancora più duro perdere l’innocenza e affrontare il dolore. E quando scopre che una delle vittime ha subìto una ferita alla testa prima del decesso, si immerge con determinazione in un’indagine di omicidio, forse legato ai recenti casi di persecuzione della minoranza amish. I superiori le affiancano John Tomasetti, collega, amante e amico, e davanti a una nuova missione insieme, Kate sarà costretta a rendersi conto di quanta profondità ci sia nel loro rapporto e dove potrebbe portarli. Ma non è la sola superficie oltre la quale dovrà andare. Kate dovrà scavare anche nel suo passato di Amish per trovare la forza di spezzare il silenzio di una comunità chiusa, protettiva, ostile a ogni intervento esterno, che nasconde molte verità insidiose.
Un thriller appassionante, in cui il pericolo e l’azione sono resi ancora più intensi dalle atmosfere rarefatte che circondano i protagonisti.

In un incubo di follia

Alex sta attraversando gli Stati Uniti in auto, in compagnia di Colin, il fratellino della moglie. I due sono diretti a San Francisco, dove la donna li attende nella nuova casa. Lungo l’autostrada, il ragazzino nota un furgone che li tallona costantemente e, per gioco, immagina che si tratti dell’FBI. Ma a poco a poco il divertimento si trasforma in terrore: chi li insegue è infatti uno psicopatico, deciso a eliminarli. La polizia appare indifferente o incredula davanti agli appelli di Alex e, intanto, il folle li ha preceduti in California…