26097–26112 di 62912 risultati

L’infanzia di Gesù

“Finalmente posso consegnare nelle mani del lettore il piccolo libro da lungo tempo promesso sui racconti dell’infanzia di Gesù. Non si tratta di un terzo volume, ma di una specie di piccola “sala d’ingresso” ai due precedenti volumi sulla figura e sul messaggio di Gesù di Nazaret. Qui ho ora cercato di interpretare, in dialogo con esegeti del passato e del presente, ciò che Matteo e Luca raccontano, all’inizio dei loro Vangeli, sull’infanzia di Gesù. Un’interpretazione giusta, secondo la mia convinzione, richiede due passi. Da una parte, bisogna domandarsi che cosa intendevano dire con il loro testo i rispettivi autori, nel loro momento storico – è la componente storica dell’esegesi. Ma non basta lasciare il testo nel passato, archiviandolo così tra le cose accadute tempo fa. La seconda domanda del giusto esegeta deve essere: è vero ciò che è stato detto? Riguarda me? E se mi riguarda, in che modo? Di fronte a un testo come quello biblico, il cui ultimo e più profondo autore, secondo la nostra fede, è Dio stesso, la domanda circa il rapporto del passato con il presente fa immancabilmente parte della stessa interpretazione. Con ciò la serietà della ricerca storica non viene diminuita, ma aumentata. Mi sono dato premura di entrare in questo senso in dialogo con i testi. Con ciò sono ben consapevole che questo colloquio nell’intreccio tra passato, presente e futuro non potrà mai essere compiuto e che ogni interpretazione resta indietro rispetto alla grandezza del testo biblico.” (Benedetto XVI)

L’indizio fra le braci

Non capita a tutti di ricevere in eredità, grazie ad uno zio buonanima, un’eterogenea collezione di oggetti di ogni tempo e di ogni paese. Questa volta il fortunato è un amico di Frank e Joe. che alla fine dell’inventario si ritrova tra le braccia addirittura… uno scheletro. Di plastica, per fortuna. L’opinione dei tre giovani è che si tratti di roba di scarso valore, tranne qualche pezzo di relativo interesse archeologico. Ma c’è quancuno che assolutamente non è d’accordo; anzi, è tanto interessato ad entrare in possesso di certi misteriosi medaglioni, che non si fa scrupolo di ricorrere prima all’inganno e poi alla forza. Questo qualcuno ha l’inconsueta abitudine di bruciare frammenti di esotico legno qua e là. dove gli capita: magari anche all’interno di un prezioso sarcofago egizio. Inizia così un’intricata avventura che alla fine vedrà Frank e Joe attraversare le secolari foreste peruviane, nel tentativo di scoprirel’affascinante mistero di un’antica città sepolta.

L’indiziata

San Francisco si prepara ad accogliere tra banchetti e contestazioni il primo ministro israeliano, in procinto di concludere un trattato di pace con i palestinesi. L’avvocato David Wolfe, ebreo americano, in corsa per l’elezione al Congresso, ha organizzato una cena in suo onore. Hana, la donna palestinese con la quale ha avuto una relazione segreta ai tempi dell’università, sarà tra i contestatori insieme al marito Saeb, dal quale ha avuto una figlia. Ma quando il primo ministro viene ucciso in un attentato e il nome di Hana emerge tra i sospettati, Hana chiede l’aiuto di David che si troverà di fronte a una scelta difficile tra la sua carriera e la difesa di una donna che non riesce a dimenticare, ma la cui innocenza non è provata. Per arrivare in fondo al caso più intricato che gli sia mai capitato, David si reca in Israele e in Cisgiordania, dove si convince dell’innocenza di Hana e scopre il coinvolgimento nell’attentato dell’Iran e dei circoli dell’ebraismo ultra-ortodosso. Le accuse contro Hana hanno un solo responsabile, suo marito Saeb, che ha scoperto di non essere il vero padre della loro bambina e vuole vendicarsi. In un serrato interrogatorio David lo costringerà a fare intuire la verità a giudici e giuria, anche se solo l’intervento del dipartimento di Stato scagionerà definitivamente Hana.

L’indipendenza della signorina Bennet

Elizabeth la saggia, Lydia la mondana, Jane la bella, Mary la timida. Generazioni di lettrici hanno pianto, sperato, sognato insieme alle sorelle Bennet, indimenticabili protagoniste di “Orgoglio e pregiudizio”. Vent’anni dopo l’epilogo del romanzo della Austen, le ritroviamo qui al fianco di mariti devoti, distratti o crudeli; assediate dalla malinconia o dai pettegolezzi: impegnate a crescere i figli o a frequentare circoli alla moda; alle prese con le gioie, i dubbi e le debolezze del tempo che passa. Tutte tranne Mary, la più docile, la più riservata… Non si può dire che, fino a qui, la vita sia stata troppo generosa con lei: bruttina, ignorata dai pretendenti e inchiodata alle convenzioni, ha trascorso più di un decennio al capezzale di una madre capricciosa e malata. Ora, alla morte di questa, si ritrova improvvisamente sola e libera, con un futuro tutto da inventare. Sfidando le convenzioni e le proprie più profonde paure, Mary si getta in un’avventura imprevedibile, complicata e appassionante quanto la vita stessa.
**

Indietro Savoia!

Una storia irriverente, controcorrente, ricca di rivelazioni scomode e perfino sconvolgenti, che non lasciano scampo ai membri della Casa Sabauda. A cominciare da Carlo Alberto, fiero reazionario che solo controvoglia giunse a concedere la Costituzione. Ma il suo è solo il primo nome di una lunga carrelata che, fra conflitti di interessi e intrallazzi, tradimenti e meschinerie, nefandezze e autentiche atrocità, non risparmia nessuno.
(source: Bol.com)

L’indice della paura

È notte fonda quando il dottor Alex Hoffmann viene aggredito da uno sconosciuto che si introduce di nascosto nella sua residenza di Ginevra. A quarantadue anni Hoffmann è una leggenda: scienziato tra i più noti al mondo, è ora un ricco e potente uomo d’affari proprietario di una società che gestisce fondi d’investimento, e ha da poco creato un software sofisticatissimo e top secret, destinato a rivoluzionare i mercati finanziari di tutto il mondo. Nessuno dei suoi rivali sa come, ma il sistema che Hoffmann ha messo a punto e che ruota intorno al VIX – l’indice di volatilità, familiarmente chiamato dagli addetti ai lavori “indice della paura” – genera un incredibile ritorno in termini economici per i suoi clienti. Qualcosa, però, evidentemente non funziona: qualcuno vuole distruggerlo e l’aggressione del professore è solo il primo di una serie di accadimenti sconcertanti. Nel giro di ventiquattr’ore Hoffmann non è più lo stesso uomo e, mentre i mercati finanziari intorno a lui precipitano, ha inizio una lotta senza esclusione di colpi contro un avversario sconosciuto e per questo ancora più temibile. Ambientato nel competitivo mondo dell’alta finanza scosso dalla profonda crisi economica mondiale di questi ultimi anni, L’indice della paura è un thriller mozzafiato e di grande attualità che riconferma Robert Harris come uno straordinario narratore e un acuto osservatore della società contemporanea.

Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo

Yucatan, 1957. Strisciò con cautela lungo il pavimento circolare su cui era intagliato un calendario maya: un’enorme ruota composta da anelli concentrici di glifi incisi nella roccia. Di fronte a lui, al centro, c’era una grande statua a testa di serpente, incorniciata da piume di pietra, con le fauci aperte, irte di zanne, pronte a ingoiare gli incauti. La bocca era ampia abbastanza da permettere, a un uomo di strisciarvi dentro. Ma dentro, cosa c’era? Doveva saperlo. Se solo fosse riuscito a raggiungerla. Cercò di muoversi più veloce, ma il soffitto gli premeva sulla schiena” non poteva neppure sollevarsi su un gomito. La stanza era costruita in modo che il supplice si muovesse sul pavimento strisciando come un serpente, forse a immagine del dio maya Quetzalcoatl, il serpente piumato. L’attuale adoratore tuttavia non indossava piume, solo un paio di vecchi pantaloni kaki, una giacca di pelle sdrucita e un malconcio cappello di feltro marrone. “Indiana!” L’urlo era arrivato dalle scale alle sue spalle…
**

Indelebile

È un lunedì mattina e una scolaresca è in visita alla stazione di polizia di Grant County, in Georgia. D’un tratto due uomini fanno irruzione armati, sparano in pieno volto a un agente e con una raffica di colpi gettano nel panico i presenti, prendendoli in ostaggio. Eppure qualcosa fa pensare che i sequestratori abbiano un bersaglio preciso: Jeffrey Tolliver, capo della polizia, che giace a terra con un proiettile nella spalla. Sara Linton, medico legale e sua ex moglie, gli è accanto nel tentativo di tenerlo in vita. Mentre la tensione cresce, nella mente di Sara si fa strada il sospetto che il sequestro sia collegato con quanto accaduto dodici anni prima, quando lei e Jeffrey erano rimasti coinvolti in una vicenda torbida e sconvolgente. Ora sembra che quel lontano passato riaffiori per chiedere il conto di colpe mai espiate e tornare a riscuotere il suo tributo di sangue.

Indagini incrociate

La squadra investigativa ha chiuso: questa la giustificazione. Ma il vero motivo del trasferimento di John Rebus e di Siobhan Clarke è il loro notorio carattere difficile, che li ha resi scomodi a superiori e colleghi. A Gayfield Square, però, nessuno ha bisogno di un ispettore in più, e Rebus si ritrova a seguire, quasi informalmente, un caso d’omicidio a sfondo razzista nella bassa periferia della città, afflitta da problemi di droga, disoccupazione e ora anche immigrazione. Nel frattempo, Siobhan indaga sulla sparizione della figlia di una coppia benestante che qualche anno prima è stata coinvolta in un doloroso processo per lo stupro subito dalla sorella maggiore, poi morta suicida. Un terzo fronte investigativo si apre sul ritrovamento di due scheletri nello scantinato di un pub di Edimburgo: una donna e un neonato. Sebbene si scopra che le ossa della prima sono vecchie di un secolo e quelle del secondo siano in realtà di plastica, quasi seguendo un meccanismo inesorabile le tre indagini si intersecano saldandosi in un mistero ancor più fitto. Rebus e Siobhan, sempre alleati ma costantemente divisi da un filo di tensione, possono contare solo su se stessi. Sullo sfondo di una Scozia aspra e cupa, con la soluzione dei misteri si delinea un nuovo, appassionante ritratto al nero di Edimburgo quale solo Rankin è capace di tratteggiare.

Indagine su Tankur

Tankur è un pianeta che possiede una strana caratteristica: rivolge sempre la stessa faccia al proprio sole. Tre razze aliene abitano il pianeta, assieme agli umani, che vi sono sbarcati secoli addietro. La vita vi scorre, tra alti e bassi, con serena tranquillità: c’è persino una missione archeologica terrestre che sta studiando alcuni antichissimi manufatti alieni venuti alla luce. All’improvviso però qualcosa accade: in una costruzione d’origine non-terrestre vengono scoperti due cadaveri, e dell’indagine viene incaricato un detective terrestre, Ben Takent. Che subito si trova di fronte a una serie di misteri: chi può averli uccisi in una stanza che appare chiusa dall’interno? Chi è, e cosa vuole, la sua misteriosa cliente, che gli sta scandalosamente mentendo? Chi erano gli antichi abitatori di Tankur? Ed è proprio vero che si sono estinti? Tante domande che richiedono una risposta veloce, perché tempi gravi si preparano.
Copertina di Vicente Segrelles

Indagine mortale

Frank Behr è assetato di verità e vendetta: il suo migliore amico e mentore è stato ucciso senza apparente motivo e senza lasciare indizi. Frank giura a sé stesso che, a prescindere da quanto impegno la polizia metterà nel risolvere il caso, lui utilizzerà ogni minuto, ora, giorno e mese necessari a trovare le belve che hanno commesso quell’omicidio. Ma prima che le sue indagini finiscano inesorabilmente in un vicolo cieco, un’agenzia d’investigazioni private lo contatta per proporgli un caso molto delicato: la scomparsa di due dei suoi migliori detective. Behr accetta e da ex polizotto metterà in moto tutti i suoi vecchi contatti e le poche informazioni raccolte non gli eviteranno una ricerca nei recessi più oscuri della città. Il mondo sommerso della criminalità di Indianapolis lo risucchierà in una rete complessa di alleanze e rivalità, dove brutalità e ferocia sono le regole per la sopravvivenza. Ma proprio muovendosi in questo torbido sistema, creato da una potentissima famiglia criminale, Behr si confronterà con una rivelazione scioccante che collega i due detective scomparsi all’omicidio del suo amico fraterno.Dall’autore di Senza traccia, un nuovo, avvincente caso per Frank Behr, stretto nella morsa del suo passato e dei suoi affetti più profondi; un caso personale, straziante e più pericoloso che mai.

(source: Bol.com)

L’indagine del tenente Gregory

Da cimiteri, obitori e camere ardenti spariscono misteriosamente i cadaveri. Un poliziotto, nella nebbia di un’inquietante Londra, deve risolvere un mistero che ha del fantastico e in cui sembra delinearsi addirittura la presenza del sovrannaturale. Ma ecco venirgli in aiuto un collega esperto in una delle scienze più moderne e più lontane dal clima delle storie gotiche: la statistica. Così la matematica, con le sue inflessibili certezze, fatte di numeri e logica, si contrappone all’ipotesi irrazionale e spaventosa suggerita dalla sparizione dei cadaveri. Ma non è detto che la spiegazione del mistero sia meno spaventosa e terribile delle sue agghiaccianti premesse…
La prima traduzione, dall’originale polacco (*Sledztwo*, 1959), di un altro dei capolavori di uno dei più grandi scrittori polacchi del Novecento.

Indagine al faro. Me, mum & mistery: 6

Emily partecipa con Jamie a una gita al faro di Brymm, ma al momento di tornare a casa scoppia un violento nubifragio, che blocca la comitiva sull’isola. Nel frattempo a Blossom Creek e in tutta la regione viene diramato un comunicato della polizia: un pericoloso assassino è evaso dal carcere, ed è stato avvistato proprio sul traghetto per Brymm! Linda, eccezionalmente, si allea con l’ispettore Mulberry: devono trovare un modo per raggiungere l’isola nonostante la tempesta, per fermare il criminale e salvare Emily e Jamie. Età di lettura: da 9 anni.
**

L’incubo. Quando il confine fra sogno e realtà non esiste più, il risultato è qualcosa di terribile…

Greg Donner, un giovane scrittore, s’innamora di Ginny Winters, una bellissima giovane dal misterioso passato, ma stranamente è la Ginny Winters protagonista di un suo incubo ricorrente dove egli continua a inseguirla nello scenario agghiacciante e irreale di una Chicago deserta. Una mattina, Greg Donner si risveglia nei panni di un certo Richard Iles, un maestro di scuola ricoverato in una clinica del Kentucky. Non solo Iles è sposato con una donna chiamata Ginny Winters, ma presto scopre che la sua identità di Greg Donner è solamente un… Un incubo terrificante, un gioco di scatole cinesi all’inseguimento della realtà. Ma la realtà di chi?