25761–25776 di 63547 risultati

Nodo di sangue: Un’avventura di Anita Blake

Un’avventura di Anita Blake Vol. 1Anita Blake. Occhi e capelli neri, carnagione chiara, fisico atletico. Il suo lavoro è quello di Risvegliante presso la Animators Inc. di St. Louis: dietro compenso – e per un breve periodo – resuscita i morti (cosa molto utile, ad esempio nei processi per omicidio o nelle eredità contese). Ma Anita ha anche un secondo «impiego»: è una cacciatrice di vampiri autorizzata. Da qualche tempo, infatti, i vampiri sono stati legalmente riconosciuti: possono vivere, lavorare e avere contatti con gli umani, però, se qualcuno sgarra, ci pensa lei a sistemarlo con la sua Browning, caricata a proiettili placcati in argento. Non per nulla i vampiri l’hanno soprannominata la Sterminatrice… Eppure è proprio un vampiro quello che, in una soffocante mattina di luglio, si presenta nel suo ufficio e le fa una proposta quantomeno singolare: occuparsi del serial killer che sta terrorizzando la città e che si accanisce esclusivamente sui vampiri. Soltanto grazie a lei, alle sue doti e alla sua esperienza, sarà possibile individuarlo e mettere fine alla strage. Anita è decisa a rifiutare, però, quella sera stessa, incontra Jean-Claude, un potentissimo vampiro che, senza mezzi termini, la ricatta: o lei accetta l’incarico oppure la sua amica Catherine morirà. E così, per Anita, comincia una caccia inquietante in un universo oscuro, popolato da esseri sfuggenti e mutevoli, determinati a tutto pur di controllare lei e le sue facoltà: lo stesso Jean-Claude, al cui fascino è quasi impossibile resistere; Nikolaos, la potentissima Master della città, che ha più di mille anni, ma conserva l’aspetto di una deliziosa fanciulla; Phillip, l’intrigante umano che ha bisogno di essere succhiato quasi a morte dai vampiri… Imprigionata in una ragnatela di inganni e di trappole, senza potersi fidare di niente e di nessuno, Anita dovrà muoversi con cautela e sfoderare tutto il suo coraggio (oltre che il suo crocifisso) per sopravvivere. Perché è molto difficile sapere chi o che cosa è in agguato là fuori, nelle profonde, caldissime notti di St. Louis. E spesso, per scoprirlo, si è costretti a stringere un pericoloso nodo di sangue…

Nodo di sangue

Benché sia una “cacciatrice di vampiri”, Anita Blake riceve nel suo ufficio proprio la visita di uno di essi, latore di una singolare richiesta d’aiuto: soltanto lei, infatti, può fermare il serial killer che, da qualche tempo, circola per St. Louis e si accanisce proprio sui vampiri. Anita rifiuta seccamente, ma quella sera stessa incontra un affascinante e potentissimo vampiro, Jean Claude, che, senza mezzi termini, la ricatta: o lei accetta l’incarico oppure la sua migliore amica morirà. E così la caccia comincia.
**

Nodo alle budella

Paul Blondel sogna tutte le notti un piccolo uomo grigio. Quella figura, che non conosce e non sa da dove tragga origine, è diventata un incubo che gli impedisce di trovare riposo. Per dargli corpo, Blondel rivive le ultime settimane della propria vita, da quando, piccolo truffatore, ha conosciuto Jeanne, una ragazza bellissima, nata per la passione, e per amore di lei ha fatto il passo più lungo della gamba, aumentando la portata delle proprie truffe, e finendo in una banda dedita a furti e rapine. Il piccolo uomo grigio si materializzerà in seguito, quando Blondel avrà finito di ricordare. E l’incubo, fino ad allora riservato ai sogni, prenderà una nuova forma e cambierà per sempre le sue giornate costringendolo a una fuga senza speranza da chi lo ha tradito, da chi gli addebita anche i crimini che non ha commesso, e soprattutto dalla propria sconfitta di uomo. Ultimo capitolo della *Trilogie Noire*, *Nodo alle budella*, finora inedito in Italia, ne è l’atto finale amarissimo e disperato, uno dei vertici assoluti dell’intera opera narrativa di Léo Malet.
«C’era un solo cuore, e stavo per sputarlo fuori; un solo stomaco, e talmente chiuso che non si sarebbe più aperto. Ricominciavo, molto semplicemente – e seriamente – a farmela sotto».

Nobody

A Scarborough, una località di mare dello Yorkshire, viene trovato il corpo di una studentessa brutalmente assassinata. Per mesi la polizia brancola nel buio alla ricerca non solo di un autore, ma anche di un movente. Fino a quando un nuovo omicidio scuote gli abitanti della cittadina. Questa volta la vittima è una donna anziana. Le modalità dell’assassinio, tuttavia, sono le stesse e la poliziotta incaricata delle indagini si convince che il nesso fra gli omicidi sia da ricercare nel passato delle due famiglie. E, con l’aiuto di un diario trovato per caso, si imbatte in una vicenda accaduta più di mezzo secolo prima, quando in paese era arrivato insieme agli sfollati da Londra durante i bombardamenti, un bambino di cinque anni apparentemente orfano, ritardato e che si era subito attaccato a una ragazzina di poco maggiore. Brian era il suo nome: questo era tutto ciò che si sapeva di lui. Da tutti era stato ‘battezzato’ Nobody e da tutti era stato maltrattato per anni, atrocemente. A Scarborough tutti avevano cercato di dimenticare questa brutta storia. Ma ognuno, in cuor suo sapeva che un giorno o l’altro sarebbe saltata fuori…

(source: Bol.com)

La nobil casa: un romanzo di Hong Kong contemporanea

La vicenda prodigiosamente intricata giocata a un’infinità di livelli che si intersecano sino a formare un quadro ricco di dettagli, ha per vera protagonista la città di Hong Kong, la regina dell’Oriente. Asiatici,europei, americani, australiani e russi vi si incontrano e vi si scontrano, legati e divisi da scambi commerciali, lealtà, leggende, odi atavici, rivalità, complotti. Ovunque l’odore del denaro, l’inebriante e pericolosa molla che scatena tutti i personaggi, dai grandi tai-pan delle compagnie straniere ai più umili servitori. Ovunque inquietanti e infide, splendide donne mosse da passioni, amori e interessi. E ovunque, i cinesi di Hong Kong, con le loro superstizioni, il loro spirito pratico, il loro fatalismo.

Niente e così sia

“La vita cos’è?” Alla vigilia della partenza per il Vietnam come inviata de “L’Europeo”, nel 1967, Oriana Fallaci tenta di rispondere alla domanda della sorellina Elisabetta: “La vita è il tempo che passa tra il momento in cui si nasce e il momento in cui si muore”. Ma la risposta le sembra incompleta e l’interrogativo la accompagna durante il viaggio. Arrivata a Saigon, la Fallaci si trova immersa in un’atmosfera surreale, e giorno dopo giorno annota nel suo diario l’insensatezza della guerra: dalla battaglia di Dak To all’offensiva del Tet, fino all’assedio della capitale vietnamita, Oriana racconta gli orrori del conflitto, descrivendo la crudeltà che la circonda in pagine struggenti e memorabili. Quando, dopo un anno, la Fallaci torna in Toscana e ritrova la piccola Elisabetta, una risposta per lei ce l’ha. “La vita è una condanna a morte. E proprio perché siamo condannati a morte bisogna attraversarla bene, riempirla senza sprecare un passo, senza temer di sbagliare, di romperci noi che siamo uomini, né angeli né bestie, ma uomini.” Un libro considerato un classico della letteratura, un romanzo di guerra che è un inno alla vita.

Il nido dei calabroni

Un imprendibile serial killer, che si firma marchiando le sue vittime con la vernice arancione, sta terrorizzando la citt&agrave di Charlotte. Toccher&agrave a Virginia West, energico vicecapo della polizia cittadina, il compito di fermarlo.Un nuovo indimenticabile personaggio dalla scrittrice che ha dato vita a Kay Scarpetta.

La nevicata dell’85

Milano, inverno 1985. Un’eccezionale nevicata, che sembra non finire mai, seppellisce la città. L’ex maresciallo dei carabinieri Pietro Binda non si accontanta di godersi la pensione e ha deciso di mettere a frutto la sua esperienza alla sezione Omicidi collaborando con uno studio legale. Un giorno una giovane procuratrice gli chiede aiuto: suo nonno è morto per aver fatto abuso di medicinali ma lei non riece a farsene una ragione e sospetta che possa essere stato ucciso. Binda, molto scettico, accetta di indagare, anche per sconfiggere l’apatia in cui è piombato dopo la morte della moglie Rachele e la partenza del figlio per l’Inghilterra. Sistemato un fax in casa, l’ex maresciallo incomincia così la sua attività di investigatore privato.

La neve se ne frega

Il mondo è pulito. Le risorse rispettate. I bisogno soddisfatti. Un soffice rigore governa l’esistenza. Tutto secondo i diritti e i doveri del Piano Vidor. Siamo in un altrove temporale e nel migliore dei mondi possibili, sia pure a fronte di un controllo totale. Il Piano Vidor ha a cuore il benessere e la felicità delle coppie e infatti DiFo e Natura sono felici, secondo programma. Lavorano, fanno l’amore, frequentano amici, si lasciano intrattenere dalle forme di spettacolo consentite. Spendono insomma il tempo che è stato dato loro in sorte, con appassionata diligenza. Ma quel tempo, apparentemente così simile al nostro, è segnato da una profonda alterazione socio-biologica che ha a che fare con il mistero del nascere, del venire al mondo. DiFo e Natura sono destinati a imbattersi in quel mistero e ad aprire una fatale contraddizione nel paradiso del Piano Vidor.
*La neve se ne frega* è un romanzo provocatorio, appassionato, generoso. Dribbla la fantascienza e inventa un mondo che finisce per dar forma a una innamorata nostalgia per l’uomo così com’è, per il mondo come noi lo soffriamo, lo conosciamo e non sappiamo cambiarlo. E’ un romanzo d’amore.
“Grazie per la neve che sta scendendo. Mi è sempre piaciuta, ma adesso mi sembra proprio puntuale. Tempestiva. Porta pulizia. Porta bianco. Costringe all’attenzione. Ai tempi lunghi. Lima rumori e colori. Lima le bave dei sensi. Ce n’è bisogno. Ancora per un po’.”

La neve era sporca

Frank ha diciannove anni ed è figlio dell’attraente tenutaria di una casa di appuntamenti in una città del Nord durante l’occupazione nazista. Freddo, scostante, insolente, solitario, Frank vuole in segreto una cosa sola: iniziarsi alla vita. E crede che il modo migliore per farlo sia uccidere qualcuno senza ragione. Con sbalorditiva sicurezza, Simenon entra nella testa di questo personaggio al limite fra l’abiezione e una paradossale innocenza e intorno a lui fa vivere, fino a dargli una presenza allucinatoria, il mondo della neve sporca, la sordida scena di una città dove tutto è tradimento, rancore, doppio gioco.
**

La neve cade sui cedri

Nel passato di Ishmael Chambers e di Hatsue Miyamoto c’è un amore intenso e appassionato, vissuto in segreto nell’abbraccio di un imponente cedro cavo sullo sfondo della lussureggiante isola di San Piedro, negli Stati Uniti. Poi, la seconda guerra mondiale divide bruscamente le loro vite: Ishmael ha combattuto per il suo Paese, ha perso un braccio ed è tornato sull’isola a dirigere il giornale locale; Hatsue, invece, si è sposata con un pescatore di salmoni, di origine giapponese. Ora, nel presente dei due ex amanti, che è il 1954, c’è un delitto che incombe drammaticamente sulle loro vite divise: il marito di Hatsue è accusato di omicidio. E mentre un’eccezionale nevicata rende difficili le indagini e sulla comunità dell’isola si abbatte la bufera dei pregiudizi, delle differenze culturali ed etniche, e dei rancori, Ishmael e Hatsue si ritrovano, ancora una volta, pericolosamente vicini l’uno all’altra, fino alla scoperta di un’inquietante verità…

Neve

Investita da una tormenta di neve, la città è un miscuglio di etnie e fazioni politiche. Ci sono turchi, curdi, georgiani, nazionalisti laici e integralisti religiosi. C’è la polizia segreta, c’è l’esercito e ci sono i terroristi islamici. Ka inizia la sua indagine, mentre la neve continua a cadere e le strade vengono chiuse. Kars è isolata. In città, Ka rivede dopo diversi anni Ipek, una compagna di università molto bella. Ka se ne innamora e sogna di portarla con sé in Germania. Per realizzare questo sogno, farà di tutto. La situazione precipita quando una compagnia di teatro mette in scena un dramma degli anni Venti, scritto in sostegno della laicità dello Stato fondato da Atatürk, dove una donna, coraggiosamente, brucia il chador in pubblico. Durante lo spettacolo alcuni giovani del liceo religioso inscenano una protesta. E la serata finisce nel sangue. Ka viene coinvolto suo malgrado. È uno spettatore imparziale, ma molto confuso. Non sa nemmeno rispondere alla domanda: credi in Dio? Sostiene che a Kars ha ritrovato Allah, ma poi l’unica cosa che gli interessa è la ricerca, molto occidentale, della felicità. Il dilemma di Ka ruota intorno al confronto tra Occidente e Islam.

Netocka Nezvanova

“Mio padre non me lo ricordo. Morì quando avevo due anni. Mia madre si sposò un’altra volta. Questo secondo matrimonio le portò molte amarezze, benché fosse stato fatto per amore. Il mio patrigno era un musicista. Ebbe un destino assai singolare: fu l’uomo più strano, più meraviglioso ch’io abbia mai conosciuto.” Inizia così “Netocka Nezvanova”, qui proposto nella traduzione di Igor Sibaldi, con introduzione e prefazione di Fausto Malcovati.
**

Nessuno. L’Odissea raccontata ai lettori d’oggi

Dopo aver divulgato la filosofia greca, i miti greci, la fisica, l’informatica, l’Iliade, Luciano De Crescenzo ora affronta l’Odissea. Odisseo (o Ulisse che dir si voglia) è sempre stato l’eroe prediletto dallo scrittore napoletano, per quelle qualità e quelle umane debolezze che l’hanno reso il personaggio più suggestivo della letteratura di tutti i tempi. Odisseo è infatti una perfetta metafora delle condizioni umane, alle prese con un destino spesso avverso, ma mai rassegnato, grazie alle mille risorse offertegli dal proprio “multiforme ingegno”.
**

Nessuno lo saprà

Non sarà un coast to coast da New York a Los Angeles, ma anche il più modesto “da costa a costa” dal Tirreno all’Adriatico può riservare sorprese, generare avventura, produrre mito. Basta uscire dal centro abitato – e già non è facile – e imboccare la prima strada bianca che sale in mezzo ai colli per rendersi conto che smarrirsi è un’eventualità più che concreta, che un cane randagio non è proprio una minaccia da nulla, che individuare il posto ideale per piantare la tenda può richiedere assai più tempo del previsto, che neppure trovare un agglomerato di case munito di bar è così ovvio e che niente, per la verità, è più come prima, scontato come prima. Tre settimane di marcia ed ecco un mondo imprevedibile, così dietro casa e così assolutamente remoto, tutto da raccontare. Enrico Brizzi parte con il fratello e poi completa il percorso in compagnia di tre amici. Al resoconto delle avventure del minuscolo drappello si aggiungono, sulla pagina, impressioni, visioni, suggestioni e storie che il territorio, vero protagonista del libro, lascia sgorgare così, in maniera quasi spontanea. Il libro non è un manuale pratico, benché contenga itinerari e consigli; non è, o non è fino in fondo, un semplice diario di viaggio, nonostante contenga resoconti sinceri e tanta onestà. Non è un libro concepito per pagare un debito a suggestioni letterarie, benché sia indubbia l’influenza di scrittori-camminatori come Thoreau e Chatwin. È semplicemente un libro concepito con felicità, con freschezza, con la purezza e il respiro dell’aria aperta.