24721–24736 di 65579 risultati

Abbai 33. Le barzellette del veterinario

Le statistiche ci dicono che in Italia 25 milioni di persone convivono con animali. Punto di riferimento di tutti questi possessori di cani, gatti ma anche serpenti, tartarughe, pappagalli ecc. è il veterinario, sempre più spesso visto oltre che come esperto per risolvere qualsiasi problema di salute, anche come guru e consigliere. E allora, che cosa meglio delle barzellette del veterinario per sorridere e divertirsi con i nostri amici non umani?
**
### Sinossi
Le statistiche ci dicono che in Italia 25 milioni di persone convivono con animali. Punto di riferimento di tutti questi possessori di cani, gatti ma anche serpenti, tartarughe, pappagalli ecc. è il veterinario, sempre più spesso visto oltre che come esperto per risolvere qualsiasi problema di salute, anche come guru e consigliere. E allora, che cosa meglio delle barzellette del veterinario per sorridere e divertirsi con i nostri amici non umani?

A New York per sempre

Il ritmo travolgente di New York. Sì, purtroppo un matrimonio di convenienza è l’unico escamotage legale che ha Kelsey per rimanere nella “Grande Mela” e non tornare a casa alla scadenza del permesso di soggiorno. Simpatico e aitante, Frank le sembra proprio l’uomo giusto al momento giusto, a parte… a parte una strana scossa elettrica che lei sente ogni volta che si guardano negli occhi. New York, del resto, è l’ideale per una luna di miele bizzarra e romantica, anche se succede un imprevisto tutto speciale: lei e Frank…

A colloquio con Gaspare Spatuzza

‘Non voglio cercare giustificazioni… Vorrei solo raccontare la storia di un ragazzo che a dodici anni è già dentro Cosa Nostra’Nella sua testimonianza diretta e pulsante, raccolta dall’autrice in una località segreta, Gaspare Spatuzza si racconta e ripercorre la storia di un giovane della periferia palermitana attratto e cooptato da Cosa Nostra. Dell’organizzazione criminale condivide per molto tempo la logica e la spietata crudeltà, divenendo reggente del mandamento mafioso e ritagliandosi uno spazio di rilievo nelle stragi degli anni novanta. Da uomo d’onore diventa poi risoluto collaboratore di giustizia quando, dopo l’arresto, chiama in causa delicate responsabilità politiche e scardina l’impianto processuale di tre procedimenti giudiziari. Un lungo viaggio narrativo che è anche catarsi personale, in cui si mescolano denuncia sociale, conversione religiosa, ricerca faticosa di una nuova dimensione di vita.
(source: Bol.com)

A bordo dei dischi volanti

Il 20 novembre 1952, George Adamski riuscì a stabilire per la prima volta un “contatto” personale con un essere venuto da un altro mondo abitato, e il 13 dicembre 1952 poté scattare fotografie a pochi metri dello stesso disco volante che aveva portato sulla terra il suo visitatore. In questo libro Adamski racconta quanto è avvenuto in seguito. Incomincia con il primo incontro, avvenuto il 18 febbraio 1953, con un secondo extraterrestre, il quale lo conduce su un ricognitore venusiano che, a sua volta, lo porta ad un’astronave-madre. In seguito, il 22 aprile 1953, Adamski viene condotto a bordo di un ricognitore saturniano e di un’astronave-madre saturniana. Adamski narra ciò che è avvenuto a bordo di quelle navi spaziali e ciò che gli hanno detto gli uomini e le donne venuti dallo spazio.
**

I 7 peccati mortali della fs

LA più singolare antologia sin ora ideata da Isaac Asimov: ACCIDIA = Vela 25 di Jack Vance – LUSSURIA = Guardone di Judith Merrill – INVIDIA = Il caso dell’assassino invisibile di Henry Slesar – ORGOGLIO = Il correttore di bozze di Isaac Asimov – IRA = Inversione direzionale di Roger Zelazny – GOLA = L’uomo che mangiava il mondo di Frederik Pohl – AVARIZIA = Margine di profitto di Poul Anderson.

500 ricette di insalate e insalatone

Fresche, gustose, facili e velociFino a poco tempo fa quando si diceva insalata si pensava automaticamente a lattuga, pomodoro, sale, olio e aceto: una combinazione classica, una tradizione che andava ad affiancarsi a un qualsiasi secondo piatto. Oggi questo concetto gastronomico è stato rivoluzionato: gli ingredienti si sono diversificati e moltiplicati per costruire ricchi e coloratissimi piatti unici. Leggere, facilmente digeribili, ricche di acqua, fibre, sali minerali e vitamine, povere di grassi, spesso arricchite dalla presenza di alimenti proteici, le insalate rivestono un ruolo di primo piano nella dieta mediterranea e hanno il pregio di poter essere realizzate in pochissimo tempo e consumate dovunque. Variano a seconda delle abitudini regionali e delle stagioni, che condizionano naturalmente la scelta delle verdure che le compongono. Combinare gli ingredienti giusti richiede creatività e buon gusto, ma anche il condimento vuole un certo impegno: una equilibrata emulsione di liquidi e di aromatizzanti è quasi sempre il segreto di una insalata appetitosa. Alle verdure, poi, si può aggiungere tutto ciò che la fantasia suggerisce: dalla pasta alla carne, dal pesce alla frutta, dal formaggio alle uova.Alba Allottasommelier, scrive di enogastronomia su riviste specializzate. Autrice di diversi libri di cucina tradotti in varie lingue, è da anni impegnata nella scoperta e nella valorizzazione dei sapori perduti della cucina mediterranea, soprattutto attraverso il recupero della tradizione orale e della gastronomia popolare. Con la Newton Compton ha pubblicato, tra l’altro, 1001 ricette da cucinare almeno una volta nella vita, 101 ricette da preparare al tuo bambino, La cucina siciliana, Il cucchiaio di cioccolata, 500 ricette di insalate e insalatone, 500 ricette senza grassi, 500 ricette con i legumi, 500 ricette di riso e risotti.
(source: Bol.com)

5 cose che tutti dovremmo sapere sull’immigrazione (e una da fare)

Perché ci muoviamo
Perché si muovono loro
Perché arrivano in questo modo
Perché proprio qui? E per fare cosa?
Perché la diversità ci fa paura. E ci attrae
Una cosa da fare (da cui discendono tutte le altre)
**
### Sinossi
Perché ci muoviamo
Perché si muovono loro
Perché arrivano in questo modo
Perché proprio qui? E per fare cosa?
Perché la diversità ci fa paura. E ci attrae
Una cosa da fare (da cui discendono tutte le altre)

44 microstorie di fantascienza

“In ogni buon racconto, lungo o breve che sia, c’è sempre un nocciolo, un punto essenziale. Il lettore può non cercarlo consapevolmente, ma se non c’è ne sentirà la mancanza. Nei racconti lunghi e complessi, il nocciolo può essere occultato sotto strati di accessori: intrecci complicati, sottotrame, descrizioni, dissertazioni. Ma nel racconto breve tutto viene eliminato tranne il nocciolo, che si presenta al lettore senza orpelli, e come un ago soffiato da una cerbottana resterà conficcato in lui a lungo. Eccovi qui una cinquantina di aghi, ciascuno lanciato dalla cerbottana di un maestro in questo campo.” (Dall’introduzione di Isaac Asimov). – Abbiamo diviso le microstorie scelte da Asimov, Greenberg e Olander in due fascicoli, di cui ecco il primo. Il secondo uscirà fra quattro settimane.
INDICE
UN COLPO DI MANO A Loint of Paw (1957) ISAAC ASIMOV IL GIOCATTOLO Plaything (1974) LARRY NIVEN IL BISCOTTO DELLA SFORTUNA The Misfortune Cookie (1970) CHARLES E. FRITCH POSSO VOLERE, VOGLIO POTERE I Wish I May, I Wish I Might (1973) BILL PRONZINI FTL FTL (1974) GEORGE R. R. MARTIN INFINITESIMA TRACCIA Trace (1964) JEROME BIXBY L’INGEGNOSO PATRIOTA The Ingenious Patriot AMBROSE BIERCE ZOO Zoo (1958) EDWARD D. HOCH IL DESTINO DI MILTON GOMRATH The Destiny of Milton Gomrath (1967) ALEXEI PANSHIN IL DIAVOLO E IL TROMBONE The Devil and the Trombone (1948 / 1975) MARTIN GARDNER IL PARVENU Upstart (1976) STEVEN UTLEY COME TUTTO FINI’ How It All Went (1976) GREGORY BENFORD HARRY PROTAGONIST, DRENATORE DI CERVELLI Harry Protagonist, Brain-Drainer (1964) RICHARD WILSON TOM L’INDISCRETO Peeping Tommy (1965) ROBERT. F. YOUNG PARTENDO DA ZERO Starting from Scratch (1953 / 1954) ROBERT SHECKLEY CORRIDA Corrida (1968) ROGER ZELAZNY LA MICIDIALE MISSIONE DI PHINEAS SNODGRASS The Dreadly Mission of Phineas Snodgrass (1962) FREDERIK POHL UN’OFFERTA MIGLIORE Fire Sale (1964) LAURENCE M. JANIFER GARANTITA CONTRO OGNI RISCHIO Safe at Any Speed (1967) LARRY NIVEN LE MASCHERE The Masks (1959) JAMES BLISH INGENUITA’ Innocence (1974) JOANNA RUSS PARENTELE Kin (1956) RICHARD WILSON LA LUNGA NOTTE The Long Night (1961) RAY RUSSELL BABBO NATALE Sanity Claus (1974) EDWARD WELLEN SE NON FUNZIONA SUBITO, CHE VADA ALL’INFERNO! If at First You Don’t Succeed, to Hell with It! (1972) CHARLES E. FRITCH LA DOMANDA The Question (1968) LAURENCE M. JANIFER / DONALD E. WESTLAKE LA DONNA PERFETTA The Perfect Woman (1953 / 1954) ROBERT SHECKLEY IL SISTEMA The System (1968) BEN BOVA ESILIO ALL’INFERNO Exile To Hell (1968) ISAAC ASIMOV MARTA Martha (1976) FRED SABERHAGEN KINDERGARTEN Kindergarten (1963) FRITZ LEIBER PAESAGGIO CON SFINGI Landscape with Sphinxes (1963) KAREN ANDERSON PRIMO E UNICO GIORNO DI SCUOLA The Happiest Day of Your Life (1970) BOB SHAW I MONDI DI MONTY WILLSON The Worlds of Monty Willson (1971) WILLIAM F. NOLAN PULCINELLA Punch (1963) FREDERIK POHL IL PROFESSORE Doctor (1960) HENRY SLESAR L’UOMO DEL FUTURO The Man from When (1966) DANNIE PLACHTA IL SALICE PIANGENTE Crying Willow (1973) EDWARD RAGER SUPREMAZIA POSTALE Mail Supremacy (1974) HAYFORD PEIRCE L’ERRORE Mistake (1976) LARRY NIVEN LONTANO DA CASA Far from Home (1958 / 1959) WALTER S. TEVIS SPADE DI IFTHAN Swords of Ifthan (1973) JAMES SUTHERLAND SANGUE D’ARGENTO Argent Blood (1967) JOE L. HENSLEY MANIE DI COLLEZIONISTI Collector’s Fever (1964) ROGER ZELAZNY

Le 39 chiavi

La raccolta completa della serie di avventure firmata dai più importanti scrittori americani. La caccia al tesoro più pericolosa di sempre è iniziata. Accetti la sfida? Quando Amy e Dan Cahill vengono convocati per la lettura del testamento di nonna Grace, non immaginano che da quel momento la loro vita cambierà. Dovranno infatti decidere se accettare l’eredità di un milione di dollari oppure rinunciarvi e ottenere il primo degli indizi con cui scoprire il segreto della loro famiglia. Amy e Dan non ci pensano due volte. Accettano la sfida e si trovano coinvoltI in una pericolosa caccia al tesoro intorno al mondo per svelare il segreto delle 39 chiavi e conquistare il potere che esse custodiscono. Una caccia al tesoro senza esclusione di colpi e che non permette passi falsi.

(source: Bol.com)

14 modi per innamorarsi

14 modi per innamorarsi by AA.VV.
Che si creda al destino, alla fortuna o all’amore a prima vista, ogni storia d’amore ha un suo preciso punto di partenza. Ed è proprio quell’attimo speciale in cui tutto inizia l’oggetto di questa romantica raccolta di racconti firmata da alcune delle autrici young adult più amate e di successo oggi, come Nicola Yoon, autrice di Noi siamo tutto, bestseller n. 1 del New York Times, Jennifer Armentrout, Huntley Fitzpatrick, Katharine McGee, Kass Morgan, Sara Shepard e tante altre. Quattordici storie che altro non sono che una straordinaria celebrazione del «primo incontro » e delle mille imprevedibili strade che l’amore è in grado di trovare per raggiungerti. Perché può sorprenderti a una festa, al tuo primo giorno di stage, quando il tuo cuore è ancora a pezzi e sei convinta che non t’innamorerai mai più, in una tavola calda davanti a un tè freddo mentre gli altri s’ingozzano di torta di mele, su un vagone della metropolitana – complice uno sguardo rubato -, in una biblioteca polverosa o, persino, in fila ai controlli di sicurezza in aeroporto. Ma una cosa è certa: qualunque forma abbia, che si tratti di un amore romantico, divertente, struggente, epico e memorabile, o semplice e spontaneo come la quotidianità, sarà speciale e varrà la pena averlo vissuto, sempre.

14 modi per innamorarsi

Che si creda al destino, alla fortuna o all’amore a prima vista, ogni storia d’amore ha un suo preciso punto di partenza. Ed è proprio quell’attimo speciale in cui tutto inizia l’oggetto di questa romantica raccolta di racconti firmata da alcune delle autrici young adult più amate e di successo oggi, come Nicola Yoon, autrice di Noi siamo tutto, bestseller n. 1 del New York Times, Jennifer Armentrout, Huntley Fitzpatrick, Katharine McGee, Kass Morgan, Sara Shepard e tante altre. Quattordici storie che altro non sono che una straordinaria celebrazione del ‘primo incontro ‘ e delle mille imprevedibili strade che l’amore è in grado di trovare per raggiungerti. Perché può sorprenderti a una festa, al tuo primo giorno di stage, quando il tuo cuore è ancora a pezzi e sei convinta che non t’innamorerai mai più, in una tavola calda davanti a un tè freddo mentre gli altri s’ingozzano di torta di mele, su un vagone della metropolitana – complice uno sguardo rubato -, in una biblioteca polverosa o, persino, in fila ai controlli di sicurezza in aeroporto. Ma una cosa è certa: qualunque forma abbia, che si tratti di un amore romantico, divertente, struggente, epico e memorabile, o semplice e spontaneo come la quotidianità, sarà speciale e varrà la pena averlo vissuto, sempre.

(source: Bol.com)

Ziggy Stardust. La vera natura dei sogni

Ziggy Stardust, la più nota creazione di David Bowie, è un personaggio immaginario e il titolo del concept album del 1972 vetta del glam rock, genere che mischiava musica e performance. Negli anni dello sbarco sulla luna e delle musiche di Space Oddity (1969), delle atmosfere di 2001: Odissea nello spazio (1968), l’idea di poter fuggire verso altre dimensioni è un sogno condiviso, una fissazione generale. Ziggy è l’inviato dallo spazio che porta alla ribalta il gran reame dell’adolescenza: un brivido di ribellione immaginaria entra nelle camerette della piccola borghesia, nelle case popolari delle periferie. La sua identità aliena, multisessuale, aggressiva, incarna lo spirito dei tempi. Le avanguardie alla fine degli anni Sessanta lavorano sullo scontro degli elementi, sulla fusione violenta di suggestioni lontane tra loro: cultura, camp, melodramma, teatro kabuki, gli occhi di Malcolm McDowell in Arancia meccanica, tutto partecipa alla definizione di una creatura che seduce le folle, il messia di una rivoluzione che dura una stagione sola – il tempo che passa tra la sua ascesa e la sua caduta – portatore di una nuova visione della musica e della realtà. Un libro che è un omaggio a uno dei più grandi talenti artistici di tutti i tempi.
**

Zettel

Questi *Zettel* (foglietti) raccolgono osservazioni in gran parte ritagliate da altri scritti (secondo un procedimento abituale di Wittgenstein) e ordinati dallo stesso autore. I lavori da cui sono tratti coprono praticamente tutto l’arco della produzione che segue il *Tractatus* e c’è da chiedersi se Wittgenstein non intendesse utilizzarli – dopo i manoscritti composti nella seconda metà degli anni ’40 e pubblicati nel 1981 col titolo *Bemerkungen über die Grundlagen der Psychologie* – come traccia di quella «ricerca sui fondamenti della matematica» preannunciata nel capitolo finale delle Ricerche filosofiche.
Gli *Zettel* riprendono, quasi unificandoli, i temi di fondo del pensiero di Wittgenstein, primo fra tutti quello della neutralizzazione della psicologia. Qui però tale neutralizzazione, che tende a recuperare una nozione di esperienza libera da ogni riferimento agli stati interni, ha per scopo la ricerca di un punto d’incontro fra grammatica della matematica e grammatica dell’esperienza in cui si rintracciano i tratti essenziali di quella «grammatica profonda del linguaggio», che Wittgenstein non cessò mai di cercare e la cui nozione, debitamente adattata, è uno dei tanti motivi di continuità fra il *Tractatus* e il dopo *Tractatus*.
Mettendo in problema la legittimità storica e teorica della netta contrapposizione tra «primo» e «secondo» Wittgenstein, il saggio introduttivo di Mario Trinchero propone alcuni modelli interpretativi sia del *Tractatus* sia della produzione successiva, che consentono di mettere in evidenza la sostanziale continuità del pensiero wittgensteiniano e il significato di questo libro.

You

Avrei potuto perdonare la sua vanità se non avesse mortificato la mia.
Quattro anime diverse, quattro prospettive, quattro diversi caratteri che intrecciandosi daranno vita a un’unica storia.
Ambiziosa, riservata e con un fidanzato perfetto, Alison è ossessionata dal passato. In particolare dal passato della famiglia che non ha più. Tuttavia a soli ventisei anni il suo futuro sembra già lastricato di successi: una laurea in linguaggio e letteratura romantica con una specializzazione in storia medioevale, un incarico prestigioso all’Università di Harvard, un matrimonio felice con Cole… o almeno così sembra, sino a quando non apre la porta sbagliata.
E poi c’è Giorgia, una ragazza molto più matura dei suoi diciotto anni, con una madre sciocca ed invadente, un lavoro da cameriera in un Grill di una piccola città di mare e cosa ancor più importante, è la sorella di Alison.
Sarà proprio grazie a lei che Alison conoscerà Drake.
Lui invece è il classico cattivo ragazzo, tutto fascino e sregolatezza. Artista ribelle, pieno di piercing e tatuaggi, è la persona più orgogliosa, arrogante e insopportabile che Alison abbia mai conosciuto. Eppure nonostante la sua ritrosia, riesce ad accendere in lei una passione incontrollabile, che, contro ogni previsione, sembra reciproca.
Ma quello che nascerà tra Alison e Drake è l’inizio di amicizia difficile o la storia di un amore vero?

Yeruldelgger. Tempi selvaggi

È inverno inoltrato e la steppa è avvolta nella morsa dello dzüüd: le temperature si aggirano sui meno trenta, un vento gelido imperversa e il paesaggio è spazzato da tormente di neve. Sembra di respirare vetro. È la leggendaria sciagura bianca, che al suo passaggio lascia dietro di sé una scia di cadaveri. Milioni di vittime, uomini e animali. Da un cumulo di carcasse congelate, incastrata fra un cavallo e una femmina di yak, sbuca la gamba di un uomo. È solo il primo di una serie di strani ritrovamenti. Nel frattempo, in un albergo di Ulan Bator, viene assassinata la prostituta Colette, delitto del quale è accusato proprio il commissario Yeruldelgger. E poi c’è la scomparsa del figlio di Colette, le cui tracce porteranno il commissario fino in Francia, in una fitta trama di giochi di potere dei servizi segreti, loschi affari dei militari e corruttela della politica. Yeruldelgger non ha più niente da perdere ed è pronto a uccidere. Il fuoco va sconfitto col fuoco, proprio come si fa quando scoppiano gli incendi nella steppa: si creano muri incendiari. E intanto, la neve continua a ricoprire la Mongolia… Secondo capitolo della trilogia di Yeruldelgger, Tempi selvaggi non deluderà le aspettative. Il commissario più amato del momento è tornato. Su Yeruldelgger è stato scritto: ‘Mongolia immensa, spirituale, nera, nel romanzo rivelazione di Ian Manook. Un racconto inesauribile, che risuona ben oltre la rivelazione del male e lo svelamento del colpevole. L’esordio di Manook impone lo spassante scenario mongolo nell’immaginario del poliziesco, così come vent’anni fa Mankell impose la Svezia’. Roberto Iasoni, ‘Corriere della Sera’ ‘Ian Manook mette in scena un giallo dai sapori forti, in un paese ricco di contraddizioni. L’autore è molto abile a trascinare il lettore in una trama violenta e in luoghi esotici. Un romanzo giallo e al tempo stesso un libro di viaggio’. Brunella Schisa, ‘il Venerdì di Repubblica’ ‘Fazi fa delle indagini del commissario Yeruldelgger la sua scommessa per le letture sotto l’ombrellone e non è difficile capire fin dalle prime righe perché la puntata è vincente’. Cristina Nadotti, ‘la Repubblica’ ‘Il thriller di Manook è un magnifico reportage in un mondo perlopiù sconosciuto’. Fabrizio D’Esposito, ‘Il Fatto Quotidiano’ ‘Il futuro del noir? Uno sbirro stile Gengis Khan’. Caterina Maniaci, ‘Libero’

(source: Bol.com)