23937–23952 di 65579 risultati

Scritti esistenzialisti

La raccolta degli scritti teoretici del filosofo Nicola Abbagnano (1901 – 1990) è stata pubblicata con il titolo di Scritti esistenzialisti e curata da Bruno Maiorca, studioso di filosofia contemporanea. Oggi esce per Utet in formato digitale, completa di apparato critico integrato tramite collegamenti ipertestuali.

(source: Bol.com)

La scordanza

A Muggera, un piccolo paese della Basilicata, il mondo sembra essersi fermato: le donne alternano le preghiere del rosario alle formule per scacciare il malocchio; gli uomini sono pronti a uccidere per uno sguardo di troppo; nel bosco, nascoste tra i calanchi, le fattucchiere preparano filtri d’amore. E poi c’è un ruscello, una “fiumara”, che per chi l’attraversa segna il confine invisibile tra dentro e fuori, tra vita e morte, tra ricordo e dimenticanza. Caterina sogna di oltrepassare quel ruscello, raggiungere l’altra riva e lasciarsi tutto alle spalle: è troppo bella, troppo giovane, per restare in un posto senza futuro. Ma a casa ha una famiglia che l’aspetta – un marito, una madre anziana, due bambini piccoli. Quale donna, al suo posto, avrebbe il cuore di abbandonarli? Caterina non sa rispondere a questa domanda, finché non incontra Nadir. Un uomo brutale, selvaggio, che vive da solo tra i sassi senza acqua né elettricità; un uomo che non ha nulla da offrirle, se non l’occasione di invertire il passo e fuggire. È così che inizia questa storia, con una fuga. Perché soltanto fuggendo si può scoprire cosa resta di una persona quando sceglie di recidere tutti i legami della sua vita. Quello raccontato da Dora Albanese è un Sud feroce e contraddittorio, impastato di magia oscura. E lei ci tende la mano per rivelarne i segreti, regalandoci un romanzo intenso, viscerale, che si interroga sul senso più profondo della femminilità.
**
### Sinossi
A Muggera, un piccolo paese della Basilicata, il mondo sembra essersi fermato: le donne alternano le preghiere del rosario alle formule per scacciare il malocchio; gli uomini sono pronti a uccidere per uno sguardo di troppo; nel bosco, nascoste tra i calanchi, le fattucchiere preparano filtri d’amore. E poi c’è un ruscello, una “fiumara”, che per chi l’attraversa segna il confine invisibile tra dentro e fuori, tra vita e morte, tra ricordo e dimenticanza. Caterina sogna di oltrepassare quel ruscello, raggiungere l’altra riva e lasciarsi tutto alle spalle: è troppo bella, troppo giovane, per restare in un posto senza futuro. Ma a casa ha una famiglia che l’aspetta – un marito, una madre anziana, due bambini piccoli. Quale donna, al suo posto, avrebbe il cuore di abbandonarli? Caterina non sa rispondere a questa domanda, finché non incontra Nadir. Un uomo brutale, selvaggio, che vive da solo tra i sassi senza acqua né elettricità; un uomo che non ha nulla da offrirle, se non l’occasione di invertire il passo e fuggire. È così che inizia questa storia, con una fuga. Perché soltanto fuggendo si può scoprire cosa resta di una persona quando sceglie di recidere tutti i legami della sua vita. Quello raccontato da Dora Albanese è un Sud feroce e contraddittorio, impastato di magia oscura. E lei ci tende la mano per rivelarne i segreti, regalandoci un romanzo intenso, viscerale, che si interroga sul senso più profondo della femminilità.

Uno scià alla corte d’Europa

L’ansia di viaggiare, di vedere, di conoscere «le storie vere» di altre genti; il desiderio di spogliarsi di un ruolo imposto dalla Storia, quello di essere re di Persia; il sogno di lasciare ai posteri un libro scritto di suo pugno. Sono queste le urgenze che spingono lo shah protagonista dell’ultimo romanzo di Kader Abdolah – ideale reincarnazione de *Il re* (Iperborea, 2012) – a lasciarsi tutto alle spalle e a partire. Finalmente potrà sottrarsi agli intrighi di corte, alle insidie delle spie di Russia e Regno Unito, alla reggia in cui vive segregato tra splendori secolari, per avventurarsi pacifcamente, primo della sua stirpe, in Europa, terra incognita e composita, abitata come il suo animo fragile da sentimenti contrastanti: amore e odio, ammirazione e invidia, pietà e ferocia.
Siamo a fine Ottocento e quello che lo attende è un viaggio pieno di sorprese, in un continente percorso dalle convulsioni della Rivoluzione Industriale, in cui Nadir incontrerà zar principi e imperatori, scrittori amati come Tolstoj e pittori d’avanguardia, Otto von Bismarck e la Regina Vittoria, dei quali ci rivelerà la vita privata e le debolezze che sfuggono ai libri di storia.
Ad accompagnarlo e a raccontarci il suo viaggio è Seyed Jamal, docente di Orientalistica all’università di Amsterdam che, dopo aver rinvenuto per caso il suo diario, si aggrega alla sua carovana insieme alla studentessa Iris.
In costante bilico tra realtà e fantasia, documentazione storica e favola, Abdolah ci sorprende ancora una volta con un romanzo di grande attualità, un viaggio nel viaggio attraverso la storia passata e presente d’Europa, in cui, con umorismo, ironia e disincanto, si sofferma, come sempre, a indagare fragilità e labirinti dell’animo umano, e a riflettere su problematiche attuali come l’immigrazione, la paura degli europei verso gli stranieri e gli attentati terroristici.

Schiava del suo cuore

Italia, 410 – Durante il sacco di Roma, la giovane patrizia Giulia Livia Rufa, assalita da due malviventi che approfittano del caos in cui è piombata la città, viene salvata da Wulfric, un gigantesco guerriero goto dai lunghi capelli biondi e dai profondi occhi verdi, che la porta con sé come sua schiava. Dapprima riottosa e ribelle, Giulia si rende conto a poco a poco che vivere tra i Visigoti e condividere le loro usanze non è poi così spiacevole, tanto che abbandona ogni proposito di fuga. Anzi, scopre di desiderare Wulfric più di quanto sarebbe lecito a una vergine. Ma il barbaro è destinato a diventare re e non può certo sposare una schiava romana. Al massimo potrebbe fare di lei la propria amante, una condizione che Giulia non è disposta ad accettare… o forse sì?
**
### Sinossi
Italia, 410 – Durante il sacco di Roma, la giovane patrizia Giulia Livia Rufa, assalita da due malviventi che approfittano del caos in cui è piombata la città, viene salvata da Wulfric, un gigantesco guerriero goto dai lunghi capelli biondi e dai profondi occhi verdi, che la porta con sé come sua schiava. Dapprima riottosa e ribelle, Giulia si rende conto a poco a poco che vivere tra i Visigoti e condividere le loro usanze non è poi così spiacevole, tanto che abbandona ogni proposito di fuga. Anzi, scopre di desiderare Wulfric più di quanto sarebbe lecito a una vergine. Ma il barbaro è destinato a diventare re e non può certo sposare una schiava romana. Al massimo potrebbe fare di lei la propria amante, una condizione che Giulia non è disposta ad accettare… o forse sì?

Scarlett

Scarlett è una donna forte, dedita completamente al figlio. I sensi di colpa per aver scelto un padre violento e non presente la tormentano e la tengono lontano dagli uomini, finché non arriva Arthur.
Purtroppo i muri che i due hanno costruito, sin da giovani, per proteggersi da una realtà difficile rischiano di allontanarli per sempre…
Una sera, mentre Scarlett è seduta su uno scoglio assorta nei suoi pensieri tormentati, arriva un biglietto in una bottiglia di vetro, portata da White, il delfino del parco acquatico dove lavora. Questo messaggio avrà il potere di cambiare gli avvenimenti.
**Achi **è uno scrittore nato del 1971 a Napoli. Con & MyBook ha pubblicato anche il racconto “**La forza di Essere**” e il romanzo “**Operazione P.I.C. Un mistero nelle isole partenopee**”. All’interno dell’e-book, scaricabile gratis, potrai trovare anche un interessante regalo.
Per saperne di più: https://www.achiofficial.it
**
### Sinossi
Scarlett è una donna forte, dedita completamente al figlio. I sensi di colpa per aver scelto un padre violento e non presente la tormentano e la tengono lontano dagli uomini, finché non arriva Arthur.
Purtroppo i muri che i due hanno costruito, sin da giovani, per proteggersi da una realtà difficile rischiano di allontanarli per sempre…
Una sera, mentre Scarlett è seduta su uno scoglio assorta nei suoi pensieri tormentati, arriva un biglietto in una bottiglia di vetro, portata da White, il delfino del parco acquatico dove lavora. Questo messaggio avrà il potere di cambiare gli avvenimenti.
**Achi **è uno scrittore nato del 1971 a Napoli. Con & MyBook ha pubblicato anche il racconto “**La forza di Essere**” e il romanzo “**Operazione P.I.C. Un mistero nelle isole partenopee**”. All’interno dell’e-book, scaricabile gratis, potrai trovare anche un interessante regalo.
Per saperne di più: https://www.achiofficial.it

Scacco al visconte

Inghilterra, 1814. Nell Latham è una giovane aristocratica che vive dei magri proventi del suo lavoro di modista. Un giorno accetta di recapitare un pacco a casa del Conte di Narborough senza sapere che contiene un inquietante cappio di seta, e da quel momento si ritrova invischiata in una ragnatela di intrighi apparentemente senza via d’uscita. Quando Marcus, figlio ed erede del conte, rintraccia il messaggero che ha causato un simile scompiglio nella sua famiglia, non si aspetta certo di trovare una fanciulla così attraente e raffinata. E tanto meno di ritrovarsi costretto a scegliere fra onore e desiderio.

“Sayonara”, Sam Durrell

   

 Sam DurellTitolo originale Assignment Tokio© 1971 Gold Medal T2733© 1971 Arnoldo Mondadori Editore S.p.A., MilanoSegretissimo n. 402 (12 agosto 1971) Coperta illustrata da Carlo Jacono. Mondadori.TRAMARitorna Sam Durell, ¡I Caimano del servizio segreto statunitense, con una missionea dir poco esplosiva. Nelle acque giapponesi, vicino a un’isoletta di pescatori, è stato smarrito un piccolo contenitore, con dentro una sostanza che ha inquinato le acque e avvelenato gli abitanti della zona. I giapponesi, memori di Hiroshima, accusano Washington di aver volutamente provocato, a scopo sperimentale, ungenocidio in miniatura. Sam Durell viene inviato a Tokyo in compagnia di un grande scienziato perché investighi sull’oscura faccenda.Sull’isoletta è sopravvissuta una sola ragazza, Yoko, una pittrice, che è fuggita non si sa dove.Rintracciarla è estremamente importante, perché solo dal suo sangue si potrebbe cavare il siero per immunizzare dalla sostanza micidiale.Ma, naturalmente, Yoko non viene ricercata solo da Sam Durell. Altri servizi segreti si battono per essere i primi a mettere le mani sulla ragazza. Così, in una corsa frenetica contro il tempo, Sam Durell ci conduce, pagina dopo pagina, lungouna vicenda che ha il ritmo ossessivo di un tam-tam di morte e che sale in un crescendo di insostenibile drammaticità.Ancora una volta, Edward S. Aarons dà una dimostrazione delle sue grandi capacità divirtuoso della spy-story e di profondo conoscitore della natura umana

Saul

Saul, un coraggioso guerriero, fu incoronato re di Israele su richiesta del popolo e consacrato dal sacerdote Samuele, che lo unse in nome di Dio. Col tempo, però, Saul si allontanò da Dio finendo per compiere diversi atti di empietà. Allora Samuele, su ordine del Signore, consacrò re, un umile pastore: David. Questi fu chiamato alla corte di Saul per placare con il suo canto l’animo del re, e lì riuscì ad ottenere l’amicizia di Gionata, figlio del re, e la mano della giovane figlia di Saul, Micol.
David generò però una forte invidia nel re, che vide in lui un usurpatore e al tempo stesso vi vide la propria passata giovinezza. David venne perseguitato da Saul e costretto a rifugiarsi in terre dei filistei (e per questo accusato di tradimento).
La vicenda del Saul narra le ultime ore di vita del re e vede il ritorno di David, che da prode guerriero è accorso in aiuto del suo popolo, pur sapendo bene il rischio che ciò poteva comportare per la sua vita. David è pronto a farsi uccidere dal re, ma prima vuole potere combattere con il suo popolo.
Saul vedendolo lo vuole uccidere, ma dopo averlo ascoltato si convince a dargli il comando dell’esercito. David ad un certo punto commette però un errore, parlando di “due agnelli” in Israele, e ciò genera il delirio omicida di Saul verso il giovane. Saul poi spiega a Gionata la dura legge del trono, per la quale “il fratello uccide il fratello”. Davanti al re arriva il sacerdote Achimelech, che porta a Gionata la condanna divina e lo mette al corrente dell’avvenuta incoronazione di David. Il re fa uccidere il sacerdote, e da lì egli andrà sempre più verso il delirio.
Nell’ultimo atto, Saul prevede in un incubo la propria morte e quella dei suoi figli e con una visione piena di sangue si ridesta, e coglie la realtà dei fatti: i Giudei li stanno attaccando, e l’esercito israelita non riesce a difendersi. A questo punto Saul ritrova sé stesso, e uccidendosi riconquista l’integrità di uomo e di re.

Il sapore della vendetta

Primavera in Styria. E vuol dire guerra. C’erano stati diciannove anni di sangue. Lo spietato Granduca Orso è in lotta con l’Alleanza degli Otto, e insieme hanno macchiato di rosso la terra bianca. Mentre gli eserciti avanzano, le teste rotolano e le città sono in fiamme, dietro le quinte bancari, preti e forze antiche e oscure giocano una partita mortale per scegliere chi sarà fatto re. La guerra potrebbe essere un inferno, ma per Monza Murcatto, la Serpe di Talins, la mercenaria più celebre e temuta alle dipendenze del Duca Orso, è un modo dannatamente buono per fare soldi. Le sue vittorie, però, l’hanno resa troppo famosa, per i gusti del suo committente. Tradita, buttata giù da una battaglia e lasciata a morire, la ricompensa di Murcatto è un mucchio di ossa rotte e una fame ardente di vendetta. A qualunque costo, sette uomini dovranno morire. Tra i suoi alleati: l’ubriacone meno affidabile della Styria, il prigioniero più pericoloso, un assassino ossessionato dai numeri e un barbaro che vuole solo fare la cosa giusta. Il numero dei suoi nemici è almeno la metà della nazione. E tutto questo prima che l’uomo più pericoloso del mondo venga mandato a cercarla e a finire il lavoro che il Duca Orso ha iniziato… Primavera in Styria. E vuol dire vendetta.

Saperla lunga

Forse non tutti sanno che è proprio come scrittore che Woody Allen ha esordito, e che a 19 anni era già tra i più ricchi e famosi autori americani di battute e sceneggiature. Pubblicato per la prima volta nel 1966, Saperla lunga, è il suo primo libro, una irresistibile raccolta di “pastiches”, di variazioni “alla maniera di…” — come li ha definiti Umberto Eco — che nascono dagli ingredienti più diversi. I miti mutuati dai mass media, le mode e le idiosincrasie culturali dell’America degli anni Sessanta sono capovolti, svuotati, stravolti da una comicità che unisce humor yiddish, una vena di follia surreale e le personali ossessioni metafisiche di Allen.

La sanguinosa storia dei serial killer: i casi più inquietanti che hanno terrorizzato l’Italia del XIX e XX secolo

Negli ultimi anni, il fenomeno serial killer è entrato prepotentemente nel nostro paese, facendo sì che prendessimo coscienza di una realtà creduta dominio quasi unico degli Stati Uniti. Terra di paradossi in cui accadono fatti, nel bene e nel male, considerati impossibili, o quantomeno lontani anni luce, dalla vecchia Europa. Invece non è così. Nel nostro paese i casi sono, e sono stati, numerosi, e non solo a partire dal XX secolo. Infatti le prime fonti che possediamo risalgono al XIX secolo, ma è certo che crimini del genere si sono verificati anche in un passato più lontano.

La sanguinosa storia dei serial killer

Negli ultimi anni, il fenomeno serial killer è entrato prepotentemente nel nostro paese, facendo sì che prendessimo coscienza di una realtà creduta dominio quasi unico degli Stati Uniti. Terra di paradossi in cui accadono fatti, nel bene e nel male, considerati impossibili, o quantomeno lontani anni luce, dalla vecchia Europa. Invece non è così. Nel nostro paese i casi sono, e sono stati, numerosi, e non solo a partire dal XX secolo. Infatti le prime fonti che possediamo risalgono al XIX secolo, ma è certo che crimini del genere si sono verificati anche in un passato più lontano.

Il sangue non è acqua

Le riunioni familiari sono spesso una tragedia, ma nessuno della famiglia Farricorto può certo immaginare l’incubo che li attende in quella sperduta isola della Sardegna. C’è di mezzo un’eredità e questo basta: per essa si è disposti a sopportare tutto, anche i parenti serpenti. Non una catena di omicidi, però. Intrappolati nella vecchia villa di famiglia come tonni nella camera della morte, con nella testa soltanto quella strana nenia e volti di familiari sconosciuti, persino sognare può essere un inferno, figurarsi capire chi ti vuole morto e perché. Non resta che cercare negli altri il segno della colpa o fidarsi: in fondo, si sa, il sangue non è acqua. Sempre che la salvezza non giunga prima dal mare.

Sam Durell Operazione sonno

In Arizona, un certo Tom Everett, addetto a un distributore, viene brutalmente malmenato prima che qualcuno si decida a tagliargli la gola. Nell’Indiana, un certo John Miller viene ucciso esattamente allo stesso modo. A New York, un certo Perry Hayward va incontro a una morte orribile. In Louisiana, un certo Peter Labouisse viene mutilato e poi ammazzato. Il Dipartimento K non ha altra soluzione: ricorrere a Sam Durell e distaccarlo all’Ufficio Speciale.
Ci penserà Sam, a dipanare questa matassa di violenza e a risalire a ciò che l’ha originata. A quanto pare, gli omicidi sono frutto di un intrigo internazionale, alla base del quale… Ma è meglio non anticipare i tempi. È meglio lasciarsi prendere per mano da Sam Durell e condurre, in un vortice di violenza e di paura, fino alle paludi dove è in agguato il vero micidiale nemico.

Sam Durell operazione “Sigrid”

In tutto il mondo, fatta eccezione per la Cina,si assiste a un preoccupante fenomeno atmosferico,quasi un ritorno all’era glaciale.
In un castello in Fiandra si riuniscono i delegati di tutti i paesi colpiti dall’allarmante fenomeno.
La CIA, naturalmente, può inviare come «osservatore» solo un asso dei suoi servizi:Sam Durell, il «Caimano» dell’intrigo internazionale
Tempo prima, uno scienziato svedese, Gustaffsen,aveva annunciato di essere riuscito a creare dei razzi che avrebbero potuto sconvolgere il clima del mondo. Poco dopo, Gustaffsen è stato rapito a Hong Kong dai cinesi.
L’equazione, almeno nella sua prima parte,sembra risolta: è lo svedese, al servizio di Pechino, a lanciare i razzi che sconvolgono l’atmosfera terrestre.
Sam Durell ha una missione precisa:deve scovare il sommergibile dal quale partono i razzi. È affiancato da una stupenda ragazza bionda, Sigrid,che ha tutta l’aria della vichinga e che pare decisa a non dimenticare di essere prima di tutto una donna.
Sam Durell, da parte sua, non ha mai dimenticato di essere prima di tutto un uomo…

Sam Durell e la regina delle Amazzoni

Zone scelte in tutto il mondo vengono misteriosamente avvelenate. Sam Durell viene incaricato dal suo governo di prendere parte a un’asta durante la quale verrà venduta la formula del veleno che minaccia di distruggere la terra. ll luogo in cui si svolgerà l’asta viene tenuto segretissimo dagli istigatori del complotto, ma Durell e tutti gli altri agenti incaricati della cosa seguono una pista che da Ginevra passa dall’Etiopia e sfocia nelle Amazzoni. Con Sam si muovono Willie Wells, l’agente portoghese Agosto e Belmont. Tutti, però, hanno la sensazione di essere strumentalizzati e costretti a giocare un gioco grottesco. Finalmente, raggiungono la località dell’asta al seguito di O’Hara, che sostiene di essere solo un accompagnatore innocente, una pedina poco importante mossa da altri. Il piano dell’organizzatore della faccenda è di vendere la formula a chi offrirà di più, e poi sterminare tutti i presenti. Ma Sam Durell, che non è certo nuovo a trabocchetti del genere, sa di non potersi fidare di nessuno, neanche di quelli che gli sono più vicini. Tanto più che -il luogo stesso in cui si svolge l’azione è di per sé pericolosissimo e infido, con le sue bo-scaglie e le sue bellissime donne.