2321–2336 di 62912 risultati

Le cento migliori ricette di Natale

Il Natale conserva, con le sue ritualità, il compito di mantenere l’idea dell’indissolubilità dei legami familiari, dell’integrità del focolare domestico; e molte sono le ricette che lo rendono solenne. Dai grandi classici regionali agli allestimenti di fantasia, in questo volume troverete cento ricette per il pranzo più importante dell’anno.
Emilia Valli
laureata in filosofia e insegnante, esperta gastronoma, vanta la collaborazione a diversi periodici specializzati e la pubblicazione di decine di libri di educazione alimentare e di ricettari di cucina, nei quali alla scelta degli ingredienti si abbina una nota di raffinata fantasia legata alla genuinità della tradizione italiana. Con la Newton Compton ha pubblicato, tra l’altro, 500 ricette di pasta fresca, 1000 ricette di carne rossa, 500 ricette con le verdure, 1000 ricette con la frutta, La cucina del Veneto, La cucina del Friuli e 501 ricette di biscotti e dolcetti. **
### Sinossi
Il Natale conserva, con le sue ritualità, il compito di mantenere l’idea dell’indissolubilità dei legami familiari, dell’integrità del focolare domestico; e molte sono le ricette che lo rendono solenne. Dai grandi classici regionali agli allestimenti di fantasia, in questo volume troverete cento ricette per il pranzo più importante dell’anno.
Emilia Valli
laureata in filosofia e insegnante, esperta gastronoma, vanta la collaborazione a diversi periodici specializzati e la pubblicazione di decine di libri di educazione alimentare e di ricettari di cucina, nei quali alla scelta degli ingredienti si abbina una nota di raffinata fantasia legata alla genuinità della tradizione italiana. Con la Newton Compton ha pubblicato, tra l’altro, 500 ricette di pasta fresca, 1000 ricette di carne rossa, 500 ricette con le verdure, 1000 ricette con la frutta, La cucina del Veneto, La cucina del Friuli e 501 ricette di biscotti e dolcetti.

Le cento migliori ricette di cocktail

Questo è un libro di cui difficilmente troverete l’uguale: una guida pratica, rapida e divertente. 100 ricette per preparare cocktail: oltre a quelli classici, ce ne sono tanti altri capaci di stimolare la vostra immaginazione e il vostro palato. Per conquistare il favore dei vostri ospiti e fare la delizia delle vostre feste… Luigi e Olga Tarentini Troianisi interessavano di cucina anche prima di incontrarsi, ma dopo essersi conosciuti hanno sviluppato sempre più questa passione. Luigi, Cerimoniere della Presidenza del Consiglio, è stato secondo Capital «l’ingegnere culinario a cui si deve la rinascita gastronomica di Palazzo Chigi». Olga, americana di origine cecoslovacca, si occupava di pranzi diplomatici.

Il cattivo fratello

“Ogni uomo è come una corda nell’immenso strumento del creato”. Queste parole dell’enigmatico detective Vanadium colpiscono profondamente Enoch Cain, che solo poche ore prima ha ucciso la moglie Naomi. Spezzando infatti quella vita – cioè scegliendo, come il suo omonimo biblico, la via dell’omicidio – Cain ha introdotto una dissonanza che si rifletterà su infinite altre corde. E la nascita in circostanze drammatiche, e nello stesso giorno, di due bambini lo persuade che il suo destino dipenderà da un neonato con un “dono” misterioso…

Il Caso Kodra

Milano, una fredda sera di gennaio. Una donna viene investita sotto casa da un’auto che fugge; di lì a poco muore al Policlinico, dopo aver pronunciato una sola parola incomprensibile, forse un nome. Paola, Pola, ma potrebbe essere anche Paolo, tanto la voce era flebile, sostiene l’infermiera che l’ha assistita. La nebbia è fitta, sulla città e sulle indagini: non ci sono testimoni attendibili e il caso sta per essere archiviato. Ma il nome di via Catalani, la strada in cui è avvenuto l’incidente, evoca nel vice commissario Giulio Ambrosio ricordi e nostalgie. Decide così di occuparsi direttamente del caso, in cui qualcosa non torna: forse non si è trattato solo di una sventura, forse la povera signora Kodra non è stata vittima di un pirata della strada ma di un assassino. Chi era Anna Kodra? Chi poteva volerla morta? E perché?

Le case del brivido

Nelle ore più cupe della notte le finestre cigolano, un rumore di passi si ode sulle scale, una porta inizia lentamente ad aprirsi, comincia il terrore! Dall’orrore della storia di Stephen king che non vi consentirà più di guardare la porta chiusa di un armadio senza provare un brivido di paura, alla sanguinosa soluzione dell’enigma di Lizzie Borden descritto da Robert Bloch, all’agghiacciante visione del Diavolo nascosto dietro la maschera dell’innocenza infantile come ce la racconta William F. Nolan, ecco diciassette storie del terrore scritte dai migliori autori di questo genere.

La Casa Della Freccia

Una sera, in una stanza di Maison Grenelle, si sentono strani rumori e una parola soffocata. La mattina dopo la padrona di casa, la ricca signora Harlowe, viene trovata morta. Anche se tutto fa pensare a una morte naturale, il cognato accusa di omicidio Betty, la giovane nipote della signora. Il furto di una preziosa collana, lo spostamento di un volume, la testimonianza di una dama di compagnia e, infine, il ritrovamento di una freccia avvelenata rendono la situazione di Betty sempre più difficile, anche se in suo aiuto è arrivato da Londra il suo avvocato James Frobisher. Sarà l’infallibile ispettore Hanaud, della Surete francese, a venire a capo di una vicenda che coinvolge antichi amori e una banda di ricattatori.

La casa dei mai nati

Il matrimonio di Conrad e Joanna è ih crisi. Lui è convinto che la colpa sia della vita frenetica che fanno a Los Angeles, e della pressione a cui li sottopone il lavoro di lei, manager di una multinazionale. Conrad sogna di andare a vivere in campagna, e appena gli si presenta l’occasione acquista, nel Wisconsin, un’antica casa che nell’Ottocento ospitava ragazze madri in procinto di partorire. Convince la moglie a seguirlo, ma ben presto Joanna accetta un incarico che la terrà lontana per due mesi. Solo nella grande villa ricca di memorie e di segreti, Conrad riceve dall’inquilino precedente un oggetto che appartiene alla casa: un album di fotografie color seppia dove, tra levatrici e ragazze incinte, Conrad riconosce senza ombra di dubbio Joanna, che lo fissa con uno sguardo pieno d’odio. È l’inizio di un lungo incubo che – tra apparizioni, fantasmi, creature in carne e ossa e ossessioni – dà vita thriller inquietante.

Carnacki: L’indagatore dell’occulto

Fra camere stregate e manieri infestati da spettri, dove si odono sibili sinistri e presenze d’oltretomba, Thomas Carnacki conduce le sue indagini al confine fra l’ *étrange* e il *merveilleux*. Senza mai tralasciare un approccio razionale ai casi che gli vengono affidati, e senza celare le proprie paure, Carnacki si avvale di strumenti stravaganti come il *pentacolo elettrico* o le formule arcane del *Rituale Saamaa*. Ed è, ogni volta, in grado di sciogliere il mistero, liberando antiche dimore da infestazioni e uomini terrorizzati da possessioni animalesche, oppure, più semplicemente, svelando astuti inganni orditi da bibliofili cleptomani o spasimanti delusi.
Dotato di un intuito alla Sherlock Holmes (con cui è letterariamente imparentato), Thomas Carnacki appartiene alla schiera di *ghost hunters* e *occult detectives* nati in area anglofona tra il diciannovesimo e il ventesimo secolo, prosecuzione romanzesca delle mode spiritistiche *fin de siècle*.
Nove racconti in cui l’indagatore dell’occulto, conversatore instancabile, raccoglie nello studio del quartiere londinese di Chelsea i quattro soliti amici, per narrare dopo cena, tra una boccata di pipa e l’altra, le sue appassionanti avventure.

Il Cammino Dell’uomo

Così Hermann Hesse scriveva a Martin Buber: “Tra i suoi scritti, Il cammino dell’uomo è indubbiamente quanto di più bello io abbia letto. La ringrazio di cuore per questo dono così prezioso e inesauribile. Lascerò che mi parli ancora molto spesso”. Un autentico capolavoro in miniatura, il cui messaggio si rivela inesauribile proprio perché parla al cuore di ogni uomo, in ogni tempo e in ogni situazione. Un libro che obbliga a pensare e invita a imboccare il cammino dell’autentica crescita umana in armonia con gli altri uomini e con il mondo intero.

La camera chiara

Il volume raccoglie una serie di riflessioni, considerazioni, digressioni sul tema della fotografia. “Medium bizzarro, nuova forma di allucinazione: falsa a livello della percezione, vera a livello del tempo”, la fotografia viene scrutata non in sé, ma attraverso un certo numero di casi.

Cambio di paradigma. Uscire dalla crisi pensando il futuro

Per uscire da una crisi serve un cambio di paradigma. Bisogna cambiare regole e prospettive, adeguare il proprio sguardo a un modo nuovo di interpretare la realtà. E prima che si stabilisca un nuovo paradigma, una nuova normalità, esiste un momento in cui tutte le possibilità sono aperte. Mauro Magatti è uno dei più importanti sociologi contemporanei, sempre più presente nel dibattito pubblico, e dimostra che ci troviamo esattamente in quel momento. Il 2008 ha segnato l’inizio di una crisi economica che si è rivelata anche politica e culturale e ha portato alla fine di un’epoca. Fino ad allora il neoliberismo era stato il modello al quale avevamo affidato le nostre prospettive di crescita economica e di benessere. Ora quel modello è saturo, perché non più capace di rispondere alle esigenze di un mercato globale sempre più selvaggio e sregolato, né alla degenerazione della politica, sempre più populista e nazionalista. Ma questa, spiega Magatti, è una grande occasione. Perché se le vecchie regole non sono più valide, questo è il momento in cui possiamo inventarne di nuove. L’importante è avere chiara una direzione. E la direzione è quella della rinuncia alla cieca economia del consumo, per giungere a uno scambio sostenibile. “Solo la combinazione tra sostenibilità e logica contributiva può permettere di ricostruire su basi nuove il rapporto tra economia e società che il neoliberismo ha col tempo mandato in frantumi. E così rispondere alla domanda sulla natura della prossima crescita economica, nel quadro di una nuova stagione della democrazia.”

Calda follia

**DEPARTMENT 6 – Vol. 1**
Una notte di passione, un ti amo caduto nel vuoto… Tra Rachel Jessop e Nate Ferrentino, agenti dell’organizzazione di sicurezza Department 6, c’è un muro di disagio eretto dopo un episodio del passato. Questa barriera invisibile dev’essere abbattuta per forza quando ai due viene affidata una missione delicata: fingersi sposati per infiltrarsi in una setta di fanatici e assicurare alla giustizia Ethan Wycliff, che si fa chiamare il Santo, ma si comporta come un demonio. Nel torrido deserto dell’Arizona, fra oscuri segreti, riti scabrosi, misteriose scomparse, divampa nuovamente la passione fra Rachel e Nate. Ma quando il Santo mette gli occhi su Rachel, la situazione si complica… Bisogna fermare Ethan prima che altre persone muoiano, e la prossima vittima potrebbe essere proprio lei, Rachel. **
### Sinossi
**DEPARTMENT 6 – Vol. 1**
Una notte di passione, un ti amo caduto nel vuoto… Tra Rachel Jessop e Nate Ferrentino, agenti dell’organizzazione di sicurezza Department 6, c’è un muro di disagio eretto dopo un episodio del passato. Questa barriera invisibile dev’essere abbattuta per forza quando ai due viene affidata una missione delicata: fingersi sposati per infiltrarsi in una setta di fanatici e assicurare alla giustizia Ethan Wycliff, che si fa chiamare il Santo, ma si comporta come un demonio. Nel torrido deserto dell’Arizona, fra oscuri segreti, riti scabrosi, misteriose scomparse, divampa nuovamente la passione fra Rachel e Nate. Ma quando il Santo mette gli occhi su Rachel, la situazione si complica… Bisogna fermare Ethan prima che altre persone muoiano, e la prossima vittima potrebbe essere proprio lei, Rachel.

Brucio

“Il fuoco. La stanza invasa dalle fiamme, le grida, la paura. Ogni rumore mi crepita nelle orecchie come legna spezzata da un calcio. Il fumo mi annebbia la vista. Le narici invase, il respiro sempre più corto, disperato. Non riesco a gridare, ci provo, ma non riesco. Cerco mia madre, cerco mio padre, cerco Anna.” L’incendio di quella notte gli ha sfigurato il volto e si è portato via tutto. Di quel Tommy bambino non è rimasta che l’ombra, l’unica cosa di cui gli altri non sembrano aver paura, provare ribrezzo. Da allora Tommy passa da una famiglia affidataria all’altra, su e giù per l’Italia. Ogni volta, però, insieme a lui arrivano le complicazioni. Del resto, se hai una faccia come la sua, non puoi “che essere un poco di buono, un delinquente, un ladro, un potenziale omicida”. E poi la gente ha un bel dire che l’aspetto non conta. Magari andrà meglio stavolta, ora che è approdato in un paesino di provincia come ce ne sono milioni, rassicurante: “Case attaccate a case, palazzi che si strusciano con altri palazzi, e strade che ti ributtano sempre verso il centro casomai dovessi perderti”. E che ad accoglierlo ci sono i Cotta, brave persone: madre avvocato, padre pompiere, un figlio diciassettenne suo coetaneo. Ma quando i guai li hai cuciti addosso c’è poco da fare. Succede così che, a poche ore dal suo arrivo, Tommy assista per caso a un rocambolesco tentativo di furto in un negozio e che venga arrestato da un ispettore di polizia in pattuglia che lo crede coinvolto, e che da quel momento gli darà il tormento. A scuola non va certo meglio, ma almeno lì c’è Sally, occhi scuri e l’aria di una “come di passaggio”, che “un attimo c’è, un attimo dopo potrebbe non esserci”. Conoscerla per Tommy è come tornare a respirare. Con lei accanto il futuro fa meno paura e tutto sembra possibile. Anche per lui. Se solo non fosse la nipote dell’ispettore che l’ha arrestato quella notte. E se solo quel tranquillo paesino a due passi da Asti in cui tutto sembra perfetto non nascondesse mostruosità che proprio lui si ritroverà, suo malgrado, a svelare. Con *Brucio* , Frascella sonda il labile confine tra giovinezza ed età adulta, tra ingenuità e colpa, tra la luce della purezza e l’ombra nera della corruzione. E ci regala un personaggio meravigliosamente complesso, negli eccessi così come nelle fragilità, strafottente e coraggioso nel suo tener testa a un destino che con lui – non c’è dubbio – ha picchiato veramente duro.