23089–23104 di 65579 risultati

La fine!

Breve collana della durata di solo otto numeri contenente storie del mondo mutante Marvel.

La fine di Suwan!

L’artiglio Giallo ha riportato in vita sua nipote Suwan fondendo il suo corpo con l’anima di una principessa egiziana. La ragazza, trasfigurata dalla malvagità di Fan-Le-Tamen, sembra rispondere alle aspettattive dello zio alleandosi con il pericoloso criminale cinese. Nel frattempo Capitan America e Falcon, catturati dagli schiavi dell’Artiglio Giallo, dopo l’uscita di scena del criminale e della sua malvagia nipotina, riescono a fuggire da una mortale trappola ritornando brevemente nei loro panni civili. Sistematosi provvisoriamente nell’ufficio di Sam Wilson, Capitan America incontra Peggy Carter, il primo amore di Steve ai tempi della Seconda Guerra Mondiale, più che mai decisa, dopo una lunga amnesia, a tornare insieme al nostro eroe. Cap gli spiega che i giorni in cui stavano insieme appartengono a un passato ormai lontano, tralasciando però di dirgli di aver intrapreso una relazione con sua sorella Sharon. Risolto provvisoriamente questa faccenda Capitan America e Falcon visitano il convalescente Nick Fury, il quale, agonizzante, riesce ad avvertire i due eroi del piano dell’Artiglio Giallo di impossessarsi dell’elivelivolo dello SHIELD. Cap e Falcon si precipitano nella fortezza volante ma giunti al suo interno cadono vittime dei vapori di un gas soporifero per mezzo del quale l’Artiglio Giallo è riuscito a occupare la base. Quando tutto sembra perduto, Suwan, che ha conservato l’odio per lo zio, colpisce l’Artiglio Giallo il quale, con le poche forze rimaste, inverte l’incantesimo, riduce Suwan in polvere, trasferisce in sè stesso lo spirito del Fan-Le-Tamen e infine abbandona l’elivelivolo sottraendosi così alla cattura.

Fantasmi a Manhattan

Lo scontro con Mr. Jinx si conclude apparentemente con la morte di quest’ultimo, non prima però che anche Martin Mystère venga ucciso (senza trucco e senza inganno), investito da un camion.

Evasione

Accusato di omicidio da una misteriosa organizzazione, Capitan America, attualmente rinchiuso nella cella di una prigione, viene raggiunto da un gruppo di uomini che tentano di farlo evadere. Cap si rifiuta di seguirli, vuole affrontare il processo per potersi scagionare dell’accusa, ma i suoi “soccoritori” non sono dello stesso avviso e utilizzano un gas soporifero per stordirlo e trascinarlo via con la forza. Al suo risveglio, l’eroe a stelle e strisce, scoperto che gli uomini che lo hanno fatto evadere fanno parte della stessa organizzazione che sta tentando di screditarlo, si oppone ai criminali mettendoli in fuga. Ritrovatosi latitante suo malgrado Cap decide di seguire una traccia che lo conduce a una fabbrica di proprietà di Quentin Harderman. Nel frattempo, Falcon, attualmente in Wakanda, dopo aver indossato il costume progettato da Pantera Nera che gli permette di volare, insieme a T’Chala cerca di liberare Leyla Taylor finita nella mani di Faccia di Pietra e la sua gang di malavitosi. Nonostante una prima incertezza dovuta all’inesperienza di volo, Falcon, aiutato da Pantera Nera, riesce a raggiungere il boss malvitoso, liberare la sua compagna e fermare i criminali che vengono consegnati alla polizia locale. Salutato e ringraziato Pantera Nera, Falcon, insieme a Leila, torna a casa scoprendo che il suo compagno di avventure è accusato di omicidio e ricercato dalla polizia. Convinto della infondatezza delle accuse, Falcon raggiunge Capitan America ribadendogli il suo appoggio. Un istante più tardi si presenta Moonstone che con il suo raggio laser riesce a stordire i due eroi.

L’esercito di terracotta

È in atto un complesso intrigo che coinvolge il governo cinese, una giovane giapponese, un gruppo di mercenari addestrati in Corea del Sud, una potente multinazionale, una donna mysteriosa che risiede in un’inaccessibile fortezza e, naturalmente, Martin Mystère, che dovrà sventare un folle piano di conquista.

Eredità di sangue

Gilberto Derras è un vecchio arrogante, avaro e cattivo. Vive in una grande villa isolata con quattro nipoti che odiano lo zio e aspettano solo di ereditare il suo denaro. Quando il vecchio muore e il notaio apre il testamento si scopre un quinto erede: Diabolik!

E’ sempre più buio

Capitan America e Falcon, riusciti a penetrare in incognito all’interno della base dell’Impero Segreto, vengono ricevuti dal Numero Uno, il capo incappucciato della misteriosa organizzazione. Esposto alle due “reclute” la volontà di soverchiare il sistema politico e sociale degli Stati Uniti, il Numero Uno si fa consegnare il congegno sottratto dalla Brand Corporation. Condotti nella loro stanza, i nostri due eroi, grazie a un presentimento indotto di Falcon, indossano i loro costumi riuscendo a evitare in tempo una pericolosa trappola mortale. Resosi conto di essere stati scoperti, Capitan America e Falcon, affrontano un enorme robot da combattimento, riunendosi poco più tardi a Charles Xavier, Ciclope e Marvel Girl, penetrati nel frattempo all’interno della base sotterranea. I nostri eroi, inoltrandosi tra i corridoi della struttura, giungono in un laboratorio al cui interno trovano prigionieri gli altri membri degli X-Men che, insieme a tanti altri mutanti, sono legati a uno strano macchinario predisposto a prosciugargli la loro energia vitale. Mentre i mutanti, confusi e debilitati, vengono subito liberati, nella sala irrompe il Numero Uno insieme agli altri membri incappucciati. Nella successiva battaglia, Capitan America e compagni affrontano i loro avversari ma cadono sotto i colpi di un arma atomica che il Numero Uno spara contro i nostri eroi.

Dylan Dog n. 389: La sopravvissuta

Sally è una cliente davvero particolare del nostro Indagatore dell’Incubo, tanto sfortunata da incappare in drammatiche disavventure quanto fortunata da riuscire sempre ad uscire indenne…
Mentre incombe la terribile minaccio della meteora, L’Indagatore dell’Incubo è alle prese con Sally, una ragazza che, suo malgrado, si ritrova di frequente al centro di terribili incidenti… A Dylan Dog il compito di scoprire com’è possibile che sia sempre lei l’unica a portare a casa intatta la pelle.