Visualizzazione di 157-168 di 90860 risultati

Paura alla Scala

Pubblicato nel 1949, dopo il successo de *Il deserto dei Tartari* e I sette messaggeri, *Paura alla Scala* é la seconda fortunata raccolta di racconti di Buzzati. Nell’arco delle venticinque storie che compongono il volume si dispongono, con esiti letterari altissimi, i grandi temi della narrativa dello scrittore bellunese: il senso di solitudine di fronte alla vastità e all’inaccessibilità del cosmo; l’attesa di qualcosa che rompa l’incanto della mediocrità cui ci sentiamo fissati; l’impressione che esista un destino più forte degli uomini, che pure tanto si affannano per poi scoprire quanto sono modesti rispetto alle loro presunzioni. Ma il quadro non é tutto desolazione: non mancano, infatti, anche la spinta all’elevazione, all’amore, alla speranza, al compimento. **

Pathfinder

Rigg è un giovane cacciatore di pellicce che possiede un insolito dono: può vedere nel passato di chi lo circonda, vedere le tracce lasciate dalle persone e seguirle a ritroso, esattamente come fa con gli animali. È un segreto, soltanto suo padre ne è a conoscenza. Rimasto solo, Rigg scoprirà tuttavia che il genitore gli ha tenuto nascoste molte altre cose riguardanti il suo potere, il suo passato, la sua identità. E soprattutto il suo destino. Perché Rigg non può semplicemente conoscere ciò che è stato, ha anche il potere di cambiarlo. A questo punto la minaccia più pericolosa arriva dal futuro: Rigg scopre infatti di essere una pedina cruciale nella lotta tra due fazioni, tra chi lo vuole re e chi lo vuole morto. Per salvarsi, dovrà mettere in discussione tutto ciò che crede di sapere, dare fondo a tutto il suo talento e soprattutto assumere il controllo della propria sorte.

Passione russa: I Grandi Storici Seduction

I principi di Kuban 3Londra, 1823 La Principessa Dasha, figlia dello zar e unica sopravvissuta della famiglia, si ritrova senza memoria a Londra, affidata alle cure e alla protezione del Principe russo Ruslan Pisarev, anche lui in esilio in Inghilterra. Dasha è tormentata dall’assenza di ricordi e arriva a dubitare della propria identità, ma sostenuta da Ruslan decide di tornare in patria e rivendicare il trono. Durante il viaggio, per non destare sospetti, i due si fingono una coppia sposata, stratagemma che permette loro di vivere liberamente la passione che da tempo tengono frenata. Quale sarà però il destino dei giovani amanti quando, arrivati a destinazione, Dasha prenderà davvero coscienza della propria identità?

Pachidermi e pappagalli: Tutte le bufale sull’economia a cui continuiamo a credere

Il dibattito pubblico italiano spesso è influenzato da luoghi comuni sull’economia che non trovano alcun fondamento nella realtà. Ce n’è di ogni genere. Ci sono le bufale sull’Europa, molto in voga in questo periodo, per cui l’euro altro non è che un complotto ordito da oscure potenze nord-europee per affamare i paesi mediterranei. Ci sono quelle sulle banche, che non prestano soldi perché se li vogliono tenere (per farci cosa poi non si sa) e che ci è toccato salvare con 60 miliardi di soldi pubblici. Ci sono le bufale sui tecnocrati, incapaci e, forse, corrotti, che ci hanno fatto entrare nell’euro a un cambio sbagliato (che ha fatto raddoppiare i prezzi) e che hanno deciso, di loro iniziativa, di impedire il finanziamento del deficit pubblico stampando moneta (da qui la rovina dei conti pubblici italiani). Ci sono quelle sulle pensioni, secondo cui i problemi di sostenibilità del sistema pensionistico italiano non derivano da forze demografiche (invecchiamento della popolazione, crollo delle nascite), ma dalla malvagità di qualche ministro di governi dell’austerità. E così via. Spesso nelle bufale ci sono elementi di verità. Ma è importante, se vogliamo capire l’economia del nostro paese e quella mondiale, saper distinguere questi elementi di verità dalle esagerazioni che vengono ad arte create da una martellante propaganda sui social e, sempre più, sui media tradizionali, per indirizzare l’opinione pubblica secondo strategie ben definite. Questo è quello che fa Carlo Cottarelli analizzando i pregiudizi e le fake news che inquinano il dibattito italiano, per separare quello che c’è di vero dalla propaganda e liberarci dallo sciame velenoso di idee sbagliate che si è diffuso negli anni dell’Italia “populista”. Senza dimenticare che esistono bufale più tradizionali, quelle dell’establishment, che pure sono fuorvianti. Il libro si chiude con un capitolo sulle “tecniche di disinformazione” perché, se si capisce come le bufale vengono preparate, diventa più facile non farsi prendere per il naso.

P.S. Mi Manchi

**Dall’autrice bestseller del Wall Street Journal
Sutter e Melrose non si sopportano, ma il destino li ha sempre messi l’uno sulla strada dell’altra…**
Cara Melrose,
la prima volta che ti ho incontrata, eri una sconosciuta. La seconda volta, la mia coinquilina. La terza volta, hai chiarito che stavi per diventare la più grande spina nel fianco che avessi mai conosciuto. Canti troppo forte sotto la doccia e usi tutta l’acqua calda. Sei prepotente da morire. Mi rendi la vita molto complicata. Ma per quanto ci provi, non riesco a smettere di pensare a te. Non riesco a smettere di desiderarti. Stavo per dirtelo. Stavo per ingoiare il mio orgoglio, lasciar perdere i miei modi da bastardo e mostrarti un lato di me che nessun altro ha mai visto prima… ma poi c’è stata una confessione che ha cambiato tutte le carte in tavola; una bomba nucleare che mi ha fermato. Come ho fatto a non prevederlo, non lo saprò mai.
Sutter
P.S. Mi manchi.
**Winter Renshaw**
è una inguaribile ottimista. Vive da qualche parte negli Stati Uniti ed è molto difficile vederla senza un quaderno e il suo laptop. Quando non scrive, pensa a quello che dovrebbe scrivere. Ha un marito, tre figli, il carlino più pigro mai vissuto al di qua del Mississippi e un altro cucciolo che si è impossessato di tutte le sue scarpe. I suoi libri sono diventati bestseller del «Wall Street Journal» e hanno conquistato il cuore delle lettrici. La Newton Compton ha pubblicato *P.S. Ti odio da morire* e *P.S. Mi manchi*. **

Otto detective

Per scrivere un giallo bisogna seguire regole precise. Ci devono essere almeno una vittima, due sospettati, un omicida e un detective. Grant McAllister, professore di matematica, ha messo a punto la ricetta del giallo perfetto e ha scritto sette racconti, ciascuno dei quali rivela un ingrediente. Questo venticinque anni fa, perché ora vive da solo su un’isola sperduta del Mediterraneo aspettando la fine dei suoi giorni. Finché non bussa alla porta Julia Hart, una editor brillante e ambiziosa che vuole ripubblicare il libro di McAllister e “rinfrescare” quei vecchi racconti gialli insieme a lui. Una coppia a dir poco curiosa: un autore che fugge dal suo passato e un’editor che invece è pronta a scandagliarlo. Più si inoltra nella lettura però, più Julia è preda dell’inquietudine: in quelle pagine ci sono troppe cose che non tornano, troppe incongruenze; difficile far credere a un occhio allenato come il suo che si tratti di semplici errori. Sembrano piuttosto indizi disseminati qua e là che fanno riferimento a un vero omicidio. Un omicidio rimasto irrisolto per trent’anni. Se Julia intende decifrare il mistero nascosto in quelle righe dovrà combattere contro un avversario molto astuto. Otto detective di Alex Pavesi è una lettura gratificante e di grande intelligenza oltre che una splendida lettera d’amore ai classici del giallo; la riprova che le migliori detective story rompono ogni regola. **

Ottimisti Di Natura

Siamo convinti che il nostro matrimonio sarà “per sempre”. Pensiamo che le malattie esistano, ma non per noi. Prevediamo che il Paese andrà in rovina, ma noi troveremo una via di fuga. Ci riteniamo guidatori eccellenti, non come tutti gli altri che sono un pericolo costante. Spesso l’esperienza e le statistiche dicono il contrario, ma noi continuiamo a crederci. Perché? Gli esperimenti sul cervello e i risultati delle ricerche condotte dalla neuroscienziata Tali Sharot hanno dato un contributo essenziale alla comprensione delle basi biologiche dell’ottimismo e delle distorsioni che esso genera, svelando i “trucchi” che il cervello umano adotta per indurci a guardare il mondo con lenti rosa, e farci vivere di conseguenza. “Illuminante, un libro alla Oliver Sacks” The Village Voice

Oro sporco: Jack Reacher e Will Trent

Una novella adrenalinica da due tra i più affermati scrittori di thriller del momento. JACK REACHER e WILL TRENT Il doppio dell’azione Il doppio della suspense Will Trent è sotto copertura a Fort Knox. La sua missione: investigare su un omicidio commesso ventidue anni prima. Il nome del sospettato? Jack Reacher. Ma anche Jack Reacher è in missione a Fort Knox. Il suo obiettivo è smantellare una pericolosa organizzazione criminale che opera dall’interno dell’esercito americano. Solo che sulla sua strada si frappone Will Trent. Ma quella che si sta giocando, in realtà, è una partita molto più importante e pericolosa, che né l’agente segreto né l’ex ufficiale della polizia militare avrebbero mai potuto prevedere. L’unico modo per uscire indenni da una situazione così spinosa è unire le forze e collaborare. Sempre che riescano a fidarsi l’uno dell’altro… QUESTA NOVELLA CONTIENE ANCHE IL PROLOGO E IL PRIMO CAPITOLO DE L’ULTIMA VEDOVA, IL NUOVO ROMANZO DI KARIN SLAUGHTER. Praise per Karin Slaughter “Adoro i personaggi di Karin Slauhter. Ti prendono per mano e ti conducono attraverso l’oscurità del male.”- Sandrone Dazieri “Personaggi, trama e ritmo perfetti. Karin Slaughter non ha rivali.”- Michael Connelly “Non ci sono romanzi migliori dei suoi.”- Jeffery Deaver Praise per Lee Child “I suoi libri danno dipendenza.” – George R.R. Martin “Jack Reacher è il James Bond dei giorni nostri.” – Ken Follett “Il protagonista più forte mai inventato.” – Stephen King

Orgoglio

Sono passati cinque anni dall’ultima volta che l’ho vista.
Cinque anni da quando abbiamo perso tutto.
Cinque anni da quando ho venduto la mia anima al diavolo, spezzandole il cuore per salvarla.
Il sacrificio e la solitudine sono stati quasi insopportabili… e ora lei è tornata.
Non mi è concesso vederla né parlare con lei, non mi è permesso desiderarla, aprirebbe solo vecchie ferite mai guarite.
Ma non riesco a starle lontano e ripeto a me stesso che voglio solo rivederla un’ultima volta, sapere che il mio sacrificio non è stato vano.
La mia anima è oramai perduta, ma farei qualsiasi cosa per riaverla, anche se questo potrebbe farle ancora più male.

Opere. Collezione di 20 libri

Le opere fondamentali del pensiero filosofico di tutti i tempi. In ebook, le traduzioni che hanno definito il linguaggio filosofico italiano del Novecento. Opere presenti in questa collezione: Vita di Aristotele di Diogene Laerzio, Secondi Analitici, Confutazioni sofistiche, Fisica, Del cielo, Della generazione e della corruzione, Dell’anima, Piccoli trattati di storia naturale, Parti degli animali, Riproduzione degli animali, Metafisica, Etica Nicomachea, Grande etica, Etica Eudemia, Politica, Trattato sull’economia, Retorica, Poetica, Costituzione degli Ateniesi, Frammenti.

Omicidio Sul Genova-Milano

Non sembra morto, l’uomo ben vestito e calvo appoggiato con la tempia al finestrino del regionale veloce Genova-Milano. In realtà Marco Deovich, stimato professore universitario, ha lasciato la vita terrena molto prima di giungere nella cattedrale metallica della stazione Centrale. Dopo averlo avvelenato, il suo assassino ha percorso tutte e dieci le carrozze del treno scambiando sguardi e parole con diversi compagni di viaggio, e seminando qua e là frammenti di un piano raffazzonato. Incrociando l’anziana e attenta signora Ilde, mamma Paola con la dolce Susanna, un capannello di dietologi in trasferta, un commesso fotografo, un capotreno con le basette scolpite e un ragazzo nero con l’iPod. Occhi buoni per risolvere un delitto all’apparenza facile facile, soprattutto per un poliziotto d’esperienza come Elia Marcenaro. Uno che non sa stare lontano dai guai, il commissario. Perché non era stato pianificato un suo coinvolgimento nel caso Deovich. Anzi, era previsto che per un po’ se ne stesse coperto e lontano dai guai nel capoluogo lombardo, in un piccolo appartamento affacciato sull’Hangar Bicocca, con l’unico compito di proteggere la piccola Eleonora Giulia da chi la stava minacciando. Impegno da assolvere in distacco temporaneo presso il commissariato milanese di Garibaldi Venezia. Ma le cose non vanno sempre come dovrebbero, i binari non procedono sempre nella direzione più lineare. E sui treni, a volte, sembra di vedere solo brave persone.
**Daniele Grillo** nasce a Genova il 7 gennaio 1979. Laureato in Giornalismo, editoria e comunicazione multimediale, da oltre tredici anni racconta la sua Liguria sulle pagine de “Il Secolo XIX”, settore Cronaca. Da un paio di anni collabora con Cisco, ex voce dei Modena City Ramblers, in qualità di coautore di alcuni testi.
**Valeria Valentini** nasce a Genova il 10 giugno 1978. Una laurea in Chimica, lavora all’Asl come micologa e ispettore di Igiene. Il loro romanzo d’esordio, *L’isola delle chiatte* (II ed.), è stato pubblicato da Fratelli Frilli Editori nel 2012. La seconda indagine del commissario Marcenaro, *Il dolore del fango* (Fratelli Frilli Editori 2014), ha meritatoil Marchio Microeditoria di Qualità all’omonima rassegna di Chiari. *L’inedito di De André* , (Fratelli Frilli Editori 2016), è stato ristampato due volte a pochi mesi dall’uscita. L’anno successivo, sempre per i tipi della Fratelli Frilli Editori, è uscito *La scommessa del* *centravanti* , noir ambientato nel mondo del calcio tra le città di Genova e Chiavari. A firma dei due autori, all’interno dell’antologia *44 gatti in noir* (Fratelli Frilli Editori 2018) è stato pubblicato il racconto *Fino all’ultima* *goccia*.
Dalla penna di Daniele Grillo è nato anche il personaggio del maresciallo Corrado Pacone, protagonista dei racconti *Il cielo capovolto* e *La casa delle bambole* , entrambi segnalati al concorso Gialli sui laghi e pubblicati nelle due antologie *Delitti di lago* e *Delitti di* *lago* vol. 3, editi da Morellini (2014 e 2017). Nel 2019 Daniele Grillo ha partecipato con un nuovo lavoro di narrativa, *Il grande Hans* , al concorso nazionale Romanzo Italiano, indetto da Rtl 102.5 e Mursia, classificandosi tra i primi dieci su un migliaio di opere.