22113–22128 di 62912 risultati

L’uomo giusto al numero sbagliato

Quando riceve un SMS anonimo che le chiede di raggiungerla in un bar malfamato nel centro di New Orleans, convinta che il mittente sia sua sorella e pensando che abbia perso la ragione, May Wexler decide di andare in suo soccorso. Perché Jenny dovrebbe trovarsi in un locale per motociclisti? E infatti Jenny non è in quel bar con i suoi bambini, e l’unica a finire nei guai è proprio May. Con le sue espadrillas rosa e l’amato Chihuahua nella borsetta, in quel postaccio salta all’occhio come un’insegna al neon. E quando qualcuno inizia a sparare, non ha altra scelta che seguire il massiccio uomo barbuto che sembra l’unico disposto ad aiutarla. May si ritrova così alla Bourbon Street Boys, l’agenzia di sicurezza privata gestita dal muscoloso Ozzie, che non solo le offre protezione (e anche un lavoro), ma senza barba si rivela un’eccitante distrazione. Presto May si renderà conto che il malvivente armato che la sta cercando non è il suo unico problema.
Un numero di telefono sbagliato l’ha messa in questo pasticcio… potrebbe averla condotta anche dall’uomo giusto?
**

L’uomo che parlava solo

Un uomo di mezza età, irresoluto, abbandonato dalla giovane amante, ripercorre la propria vita alla ricerca di un senso possibile. Un’opera di Lalla Romano salutata al suo apparire, nel 1961, da autorevoli consensi, che viene oggi riproposta come un classico del Novecento italiano a una nuova generazione di lettori.

L’uomo che non poteva morire e altri misteri

L’UOMO CHE NON POTEVA MORIRE di L. Ron Hubbard – Rischiare la vita è un inferno, rischiare di non poter morire è l’inferno di Clayton McLean, prigioniero di una trappola diabolica.
L’UOMO LIQUIDO di C.B. Gilford – Aveva puntato tutto sull’esperimento di smaterializzazione: ma le conseguenze furono allucinanti…
L’UOMO STOCASTICO – di Robert Silverberg – Prevedere il fututo, per chi lavora in un’agenzia statistica, è cosa di tutti i giorni. Ma prevedere veramente il futuro può diventare una maledizione senza scampo.
Copertina di Marvin Mattelson

Uomini e computer

La storia dell’informatica a partire dai primi passi compiuti dall’uomo nel campo della matematica e del calcolo assistito, per arrivare a Internet e ai supercalcolatori; un cammino lungo il quale si incontrano personaggi animati da passione e voglia di conoscenza, uomini che hanno saputo produrre invenzioni geniali o creare aziende oggi conosciute a livello mondiale. Un libro attraverso cui ogni lettore potrà soddisfare innumerevoli curiosità e nel quale l’esperto e l’appassionato troveranno notizie e approfondimenti su argomenti poco trattati dalla stampa specializzata, con uno sguardo approfondito sulla storia dell’informatica italiana corredato dai documenti e dalle immagini fotografiche dell’archivio storico di IBM Italia.

(source: Bol.com)

L’umanita’ e’ scomparsa

Un uomo si sveglia, solo, in una città assolutamente deserta. Non ci sono voci, rumori, nessuna traccia di esseri viventi. Eppure case, macchine e utensili di tutti i giorni sono intatti e funzionano normalmente. Poco a poco, il senso di disagio e straniamento che pervade il protagonista di questo celebre racconto dà corpo a una domanda angosciosa, paralizzante: *che fine* *ha fatto il genere umano?* Quale mistero si cela dietro la sua improvvisa e inspiegabile scomparsa? Ancora una volta il tocco magistrale di Rod Serling trasforma un ottimo *thriller* di fantascienza in qualcosa di più, in un racconto – anzi una serie di racconti – dove l’ignoto e il quotidiano si fondono con assoluto realismo.
**INDICE**

**IL GRANDE CASEY**
Ind Nighty Casey |
**CLAUSOLA DI ANNULLAMENTO**
Escape Clause |
**SOLO UNA PASSEGGIATA**
Malking Pistance |
**FEBBRE**
Walking Distance |
**L’UMANITA’ E’ SCOMPARSA**
Wudre is Evory Body |
**ARRIVANO I MOSTRI IN VIA DEGLI ACERI**
The Monsiores Are Dive an Maple Strei |
**EDWARD RODMAN SERLING – L’autore**
|
**REPLICANTI, GIOCHI, LABIRINTI – LA FANTASCIENZA DI PHILIP K. DICK** **- Philip Kendred Dick è uno di quei grandi autori troppo spesso citati a sproposito. Vediamo di rendergli giustizia a dieci anni dalla morte – Documenti**
|
DELIO ZINONI
**UOMO E ANGELO**
Angelman (1992) |
JESSIE THOMPSON
**LE RADICI DELLA FANTASIA – In libreria**
|
SILVANO BARBESTI

Ultramar

La Conquista del Nuovo Mondo fu l’opera di un Giano bifronte, un balletto sul filo del cinismo e dell’utopia. Di fronte all’enormità della scoperta, gli europei rimasero letteralmente senza parole. La Natura americana e la Cultura europea sembravano irrimediabilmente incommensurabili. Tutti gli aspetti del Nuovo Mondo richiedevano una definizione appropriata, che le categorie concettuali europee non erano in grado di fornire, se non per approssimazione: l’oceano venne provvisoriamente chiamato “Mar tenebroso’, il puma fu battezzato “leone di montagna’, gli stessi indigeni furono chiamati “indios’, anche se non si trattava nemmeno lontanamente di abitanti delle Indie. Per “prendere’ il Nuovo Mondo, prima di tutto bisognava “comprenderlo’ e i soli che avessero le parole giuste per farlo, gli stregoni delle nuove terre, erano i giuristi. La cultura giuridica fu insomma il sistema di comunicazione, l’interfaccia tra il Vecchio Mondo medievale e il Nuovo Mondo la cui scoperta inaugurava l’età moderna. Abituati per mestiere ad avere orrore delle approssimazioni, i giuristi iniziarono a distinguere, a discutere, a definire. Questo libro ripercorre la storia di quelle parole e del loro potere demiurgico e distruttivo.

(source: Bol.com)

L’ultimo inverno

Chi non è rimasto almeno una volta incantato dal mondo misterioso dei venditori ambulanti, dai loro carretti così carichi di oggetti semplici, ingegnosi, meccanici, che essi sapevano riparare grazie a un’arte tramandata da tempo immemorabile? È questo il mondo da cui proviene George Washington Crosby; è questo il mondo a cui ritorna mentre, steso su un letto d’ospedale al centro del soggiorno della sua casa nel New England, si prepara a concludere la sua vita circondato dai famigliari e accompagnato dal tintinnio dei suoi orologi cui per anni si è dedicato come meticoloso restauratore. Meravigliosi meccanismi di tutte le epoche e fogge che sono stati a lungo il legame, negato ma indissolubile, con il mondo della sua infanzia e di suo padre Howard, un uomo silenzioso, sognante, poetico, il quale stentatamente manteneva quattro figli e una moglie insoddisfatta girovagando con il suo carro pieno di mercanzie tra i boschi del Maine. Il carro arrivava insieme al suo solitario guidatore a offrire spazzole, polvere dentifricia, calze di nylon, crema da barba, lucido da scarpe, manici di scopa, pentole, e persino gioielli da quattro soldi a donne rudi e senza più sogni, a uomini che finivano troppo presto le loro scorte di gin e sigarette, a eremiti in un mondo dominato dalle stagioni, dal sole e dal gelo, dagli alberi, dai laghi e dai ruscelli, da leggende e da poche parole. Mentre le funzioni vitali lo abbandonano, George ritrova Howard così come non aveva mai permesso a se stesso di immaginarlo, e di quell’uomo simile a un veggente rivede anche i segni dell’incurabile e misteriosa malattia: l’epilessia. Un dramma che era quasi in sintonia con quella natura imprevedibile e spesso impetuosa in cui il venditore ambulante viveva immerso: un eccesso di energia, di elettricità lo colpiva così come il fulmine colpisce il bosco, e lo lasciava stordito e sanguinante dopo angosciosi minuti trascorsi sul pavimento a scalciare, rovesciare le lampade, sbattere la testa sulle assi, mentre i denti mordevano un bastoncino. Oppure le dita del figlio, di George adolescente che in seguito, per anni, non aveva più saputo se odiare o amare quel padre folle, ma che ora finalmente riesce a incontrare, e solamente ad amare. L’ultimo inverno è un romanzo d’esordio di rara potenza espressiva, dominato da un linguaggio plasmato dalla penna di un grande scrittore, un romanzo sull’America di ieri e di oggi che parla dell’amore tra un padre e un figlio, della fierezza della natura, del ricordo e della fantasia.

(source: Bol.com)

Ultimo Alito Di Vita

Alfredo Milleri è un latin lover italiano, trovandosi in vacanza a Parigi ha l’occasione di conoscere una bella signora di nome Diana Fulton e decide di sottrarla al suo amante di nome Serge Pellier nonché di diventare il suo più assiduo frequentatore. I suoi piani riescono con il successo sperato ma quello che non riesce a prevedere e che si innamorerà perdutamente della donna nonché la reazione furiosa e violenta, perpetrata ai suoi danni, dallo stesso Pellier. Diana, a sua volta, ricambia la passione di Alfredo ma, a seguito di una notte d’amore, la mattina seguente, dopo avergli lasciato un piccolo biglietto d’addio, fugge via lontano, con l’intento di non rivederlo più. Alfredo, risvegliatosi, dopo aver letto il biglietto, rimane sconcertato dall’atteggiamento assunto da Diana e pertanto, alfine di chiederle una spiegazione in merito all’abbandono, la cerca in ogni dove, scontrandosi con realtà molto crudeli ed esperienze violente come uno scontro a fuoco contro dei sicari e la dura reclusione in un carcere della Bosnia. Dopo alcune dolorose vicissitudini, Alfredo, al termine della sua vana ricerca, conosce Lucilla, la sorella gemella di Diana e nel vedere sul suo viso i lineamenti della sua amata, finisce con l’innamorarsi di lei. Ma il destino vuole che Alfredo vada in un locale a luce rosse, dove Lucilla si esibisce come spogliarellista e lui, nel riconoscerla, rimane deluso e sconcertato. Dopo un duro confronto tenuto nel camerino, la ragazza, messa alle strette, gli confida il suo penoso segreto. Alfredo, a quel punto, lascia il locale e per tutta la notte non riesce a chiudere occhio, tenuto sveglio dai suoi numerosi pensieri. L’indomani mattina decide di portarsi all’aeroporto, per imbarcarsi sul primo aereo che parte per l’Italia ma qualcosa lo costringe a terra, impedendogli di partire.

Gli ultimi saranno i primi

Protagonista di una vita avventurosa ed esaltante, lo scrittore e filantropo Dominique Lapierre ripercorre in questo emozionante racconto l’intero percorso della sua esistenza e ci restituisce uno sguardo diretto, ma pieno di fiducia, sulle piaghe e le contraddizioni del nostro mondo: classe 1931, Lapierre è stato testimone dei principali avvenimenti del Novecento come inviato di ”Paris Match”, conoscendo così i grandi del pianeta, da De Gaulle a Ben Gurion, da Giovanni Paolo II a Nelson Mandela. Poi, dopo l’incontro con l’India e con Madre Teresa, per Lapierre ha avuto inizio una seconda vita al servizio degli ultimi della Terra, che con il loro coraggio e generosità gli hanno fatto scoprire l’incredibile realtà della ”Città della gioia”. Grazie alla sua straordinarietà, il racconto di Lapierre rappresenta una toccante lezione di carità e di fede, e permette di immergersi nell’appassionante esistenza di chi con il suo impegno ha restituito a migliaia di esseri umani la dignità e una speranza per il futuro.

(source: Bol.com)

Gli ultimi giorni di Lucio Battisti

Questo non è un romanzo e nemmeno una raccolta di racconti: sono esperienze psichiche tragiche e sovrannaturali, ma al tempo stesso vere. Alla fine degli anni ’90, un giovane professore di lettere si trova ad affrontare una grave traversia economica, comincia una lunga peregrinazione senza scopo per finire disoccupato, al termine di un’altalena ciclotimica. L’amministratore delegato di una dotcom milanese conduce una vita al di sopra delle proprie possibilità e reagisce alla crisi del settore tecnologico con una società truffaldina di servizi pornografici. Il partner in affari scomparirà misteriosamente, in una busta di plastica trasparente, in un bordello di Lugano. Una spia francese seduce una matematica sovietica minorenne…
**
### Sinossi
Questo non è un romanzo e nemmeno una raccolta di racconti: sono esperienze psichiche tragiche e sovrannaturali, ma al tempo stesso vere. Alla fine degli anni ’90, un giovane professore di lettere si trova ad affrontare una grave traversia economica, comincia una lunga peregrinazione senza scopo per finire disoccupato, al termine di un’altalena ciclotimica. L’amministratore delegato di una dotcom milanese conduce una vita al di sopra delle proprie possibilità e reagisce alla crisi del settore tecnologico con una società truffaldina di servizi pornografici. Il partner in affari scomparirà misteriosamente, in una busta di plastica trasparente, in un bordello di Lugano. Una spia francese seduce una matematica sovietica minorenne…

Ultime notizie sull’evoluzione umana

… siamo i padroni (incontrollati) del pianeta, ma dentro di noi c’è sempre quel bipede barcollante che, intorno a 2 milioni di anni fa, iniziò a sviluppare un cervello abnorme e poi, circa 200 mila anni or sono, divenne Homo sapiens e si diffuse ovunque
Pillole di evoluzione umana. Da prendere una alla volta o anche tutte insieme. Per aiutarci a comprendere meglio noi stessi e il posto dell’uomo nella natura. Da Lucy ai Neanderthal, dall’enigmatico Homo naledi a Ötzi: attraverso una serie di istantanee scattate nel panorama della paleoantropologia degli ultimi anni, con la piacevole e sapiente guida di un noto scienziato-divulgatore, conosceremo i nostri parenti estinti e i tanti antenati che abbiamo nel tempo profondo. Un puzzle complesso e avvincente le cui tessere sono come pagine strappate di un libro da restaurare, quello della nostra preistoria.

L’ultima notte

**Se vuoi superare il limite 
Devi vivere senza freni
Dall’autrice della serie bestseller *The Storm***
Quando ha deciso di seguire la sua passione e diventare un meccanico di auto da corsa, Andressa “Andi” Amaro si è imposta una sola regola: mai innamorarsi di un pilota. Ha degli ottimi motivi per stare alla larga da quegli individui egocentrici e narcisisti e non intende infrangere il suo proposito. Carrick Ryan è la star della Formula 1. Un viso angelico e un corpo in grado di far sciogliere qualunque donna lo hanno fatto diventare uno degli uomini più desiderati in pista. E il suo accento irlandese non fa che renderlo ancora più irresistibile. Sull’asfalto e nella vita, è uno che spinge sull’acceleratore. Perché accontentarsi di una vita in prima quando puoi andare al massimo? Quando a Andi viene offerto un posto da sogno nel mondo glamour della F1, lascia la sua casa in Brasile, sicura di poter gestire uno sbruffone come Carrick. E invece durante il loro primo incontro volano scintille. Adesso che Carrick si è messo in testa di averla, non ha nessuna intenzione di arrendersi finché non avrà convinto Andi a superare tutti i suoi limiti.
**Un’autrice bestseller di New York Times, USA Today e Wall Street Journal**
«Wow wow wow. Quanti battiti può raggiungere il cuore?»
«Alla fine del libro la scrittrice dice che la storia di Andi e Carrick l’ha colpita come un treno merci. Bene, questa è esattamente la sensazione che provo io dopo aver finito di leggere questo libro. Imperdibile.»
**Samantha Towle**
Ha iniziato a scrivere mentre aspettava il primo figlio. La Newton Compton ha pubblicato il suo romanzo d’esordio *Nonostante tutto ti amo ancora*, la serie bestseller* The Storm* (*The Bad Boy, The Wild Boy, Lover Boy*) e i romanzi* Troppe volte vorrei dirti di no* e* L’ultima notte*. Vive con il marito e i figli nell’East Yorkshire.
**
### Sinossi
**Se vuoi superare il limite 
Devi vivere senza freni
Dall’autrice della serie bestseller *The Storm***
Quando ha deciso di seguire la sua passione e diventare un meccanico di auto da corsa, Andressa “Andi” Amaro si è imposta una sola regola: mai innamorarsi di un pilota. Ha degli ottimi motivi per stare alla larga da quegli individui egocentrici e narcisisti e non intende infrangere il suo proposito. Carrick Ryan è la star della Formula 1. Un viso angelico e un corpo in grado di far sciogliere qualunque donna lo hanno fatto diventare uno degli uomini più desiderati in pista. E il suo accento irlandese non fa che renderlo ancora più irresistibile. Sull’asfalto e nella vita, è uno che spinge sull’acceleratore. Perché accontentarsi di una vita in prima quando puoi andare al massimo? Quando a Andi viene offerto un posto da sogno nel mondo glamour della F1, lascia la sua casa in Brasile, sicura di poter gestire uno sbruffone come Carrick. E invece durante il loro primo incontro volano scintille. Adesso che Carrick si è messo in testa di averla, non ha nessuna intenzione di arrendersi finché non avrà convinto Andi a superare tutti i suoi limiti.
**Un’autrice bestseller di New York Times, USA Today e Wall Street Journal**
«Wow wow wow. Quanti battiti può raggiungere il cuore?»
«Alla fine del libro la scrittrice dice che la storia di Andi e Carrick l’ha colpita come un treno merci. Bene, questa è esattamente la sensazione che provo io dopo aver finito di leggere questo libro. Imperdibile.»
**Samantha Towle**
Ha iniziato a scrivere mentre aspettava il primo figlio. La Newton Compton ha pubblicato il suo romanzo d’esordio *Nonostante tutto ti amo ancora*, la serie bestseller* The Storm* (*The Bad Boy, The Wild Boy, Lover Boy*) e i romanzi* Troppe volte vorrei dirti di no* e* L’ultima notte*. Vive con il marito e i figli nell’East Yorkshire.

L’ultima notte di Willie Jones

Ottobre 1943. Mentre il sole tramonta su St. Martinville, Louisiana, Willie Jones deve affrontare le ultime ore della sua vita: a mezzanotte in punto verrà giustiziato sulla sedia elettrica. Ha solo diciott’anni, la pelle nera ed è accusato di aver violentato una ragazza bianca. Qualcuno lo crede innocente, qualcun altro invece scalpita per vederlo ‘friggere’. Mentre le ore corrono inesorabili, il padre di Willie, Frank, cerca disperatamente di raggiungere la prigione portando a dorso di mulo una lapide che non finirà mai di pagare. Il procuratore distrettuale, che ha ottenuto la pena capitale, deve fare i conti con la propria coscienza e con sua moglie che non riesce più a guardarlo in faccia. E una madre, il cui unico figlio combatte nel Pacifico, sfida l’autorità del marito cercando calore nel contatto con quei bimbetti straccioni, neri come la notte, che vivono ai margini della sua proprietà. Ci sono pure le famiglie e le bande di amici che per nulla al mondo vogliono perdersi lo spettacolo. C’è, soprattutto, la Feroce Gertie, la pesante sedia di legno in viaggio verso la sua cupa destinazione che, non fosse per quei lacci di cuoio e quei cavi elettrici, sembrerebbe solo una sedia. In questa potente narrazione, Elizabeth H. Winthrop tocca magistralmente i temi eterni del razzismo, della giustizia, della colpa e del perdono. I suoi personaggi, di carne e sangue, si muovono in un ambiente infettato dal pregiudizio e compiono scelte terribili dimostrando una commovente, tragica umanità.

(source: Bol.com)

L’ultima fase. La musica del sangue

Il romanzo è costituito fondamentalmente da tre parti divise in *profase* , *metafase* , *anafase* e *telofase* (epilogo), nomi che derivano dalle diverse fasi della [mitosi](http://it.wikipedia.org/wiki/Mitosi “Mitosi”). La storia segue all’inizio Vergil Ulam, uno scienziato brillante ma sconsiderato, punto di partenza degli eventi narrati, dopodiché abbandona questo che poteva sembrare il personaggio principale del libro per focalizzarsi su altri personaggi.
La trama si evolve insieme alla narrazione partendo da una situazione piuttosto limitata per poi elevarsi ad un livello superiore fino a descrivere le vicende dell’intera umanità, alla fine portando avanti più punti di vista contemporaneamente, attraverso l’alternarsi dei capitoli.

L’ultima cena: anoressia e bulimia

Il volume affronta una delle forme più attuali e inquietanti della psicopatologia dei cosiddetti disturbi del comportamento alimentare: l’anoressia-bulimia. Mettendo a frutto la propria esperienza clinica, Massimo Recalcati ne tratteggia i principi che la governano – la passione per il niente, l’appetito di morte, la domanda d’amore, la contemplazione estetica dell’immagine allo specchio, l’imperativo morale della rinuncia – mostrandone, attraverso una riflessione che muove da Freud e Lacan, una metapsicologia ancorata al sociale, una clinica del corpo irriducibile all’isteria e una strategia del trattamento che fa perno sulla relazione più che sul potere simbolico dell’interpretazione. Una scrittura a tratti poetica e concettualmente limpida accompagna il lettore nei labirinti di una delle forme più scabrose del disagio contemporaneo della civiltà.
**