21041–21056 di 62912 risultati

Dylan Dog n. 168: Il fiume dell’oblio

Seymour Zaplowsky ha un nome decisamente fuori dell’ordinario, ma se le sue stranezze si limitassero a questo, non sarebbe una cosa tanto grave. In realtà, il povero Seymour è tormentato da visioni improvvise e molto realistiche. Visioni di morte che portano alla luce il cadavere mutilato dell’ultima vittima del Tagliatore di Teste. E Dylan può così alzare il velo su un segreto custodito per vent’anni dalle torbide acque del Fiume dell’Oblio…

Dylan Dog n. 167: Medusa

Stenno la forte, Euriale che salta lontano e, in ultimo, la più terribile delle tre Gorgoni: Medusa, che tramuta in pietra chiunque la guardi negli occhi! Scaturisce dalle leggende più antiche la prova con cui dovrà misurarsi stavolta l’Indagatore dell’Incubo, ma, come spesso accade, l’orrore e la pietà procedono fianco a fianco, e non c’è per Dylan creatura tanto mostruosa da non meritare, alla fine, un po’ di compassione…

Dylan Dog n. 166: Sopravvivere all’Eden

Un assassino dal volto deforme ha insanguinato la placida vita di Serenity. L’oasi perfetta, la comunità dell’armonia, è attraversata da una vibrazione sinistra, mentre la violenza cresce giorno dopo giorno. C’è forse del marcio sotto quella crosta rosa? Il dottor Westwood non vuole ammettere che il suo esperimento possa fallire, non può credere che il ghigno mostruoso dell’assassino possa essere soltanto un’immagine nello specchio… il vero volto di Serenity.

Dylan Dog n. 165: L’isola dei cani

Non li sentite ringhiare? Stanno arrivando, o meglio stanno tornando come fantasmi rabbiosi, come cani affamati… Li guida il pirata Brooke, mandato sulla forca nel 1703 e sputato dall’Inferno per regolare un conto in sospeso. Cosa lega la leggendaria Isola Nera ai quartieri della moderna Londra? Quale antica stregoneria si nasconde nel caveau della banca Hoskins, Hoskins & Wayne? Le risposte galleggiano nell’occhio dell’impiccato…

Dylan Dog n. 164: La donna urlante

Cosa nutre la fabbrica dell’arte? Passioni ossessive, gioia e angoscia, malinconia e rabbia… Celia Kendrick ha riversato tutta se stessa nella sua opera, nel suo capolavoro: la Donna Urlante. Ma la forza dei suoi sogni va oltre il suo controllo ed è tale da dar vita al metallo e spingere la scultura a uccidere. Dylan Dog deve dare la caccia a un mostro dal cuore di ferro, per scoprire chi o cosa si nasconde dietro la maschera dell’urlo.

Dylan Dog n. 163: Il mondo perfetto

Tua madre, la tua sorellina Joy, la tua fidanzata… Qui tutti ti vogliono bene, tutto è sereno e il tempo scorre senza scossoni. L’incidente ti ha tolto la memoria, ma non importa… Ricorderai prima o poi, senza fretta. Dylan Dog è chiuso in un incubo che ha le gentili sembianze del sogno, stretto nella morsa di un mondo perfetto. Lo ha creato una mente infantile, una coscienza terrorizzata dalla realtà…

Dylan Dog n. 162: Il dio prigioniero

Jody è la sola che riesce a parlare con Lui: il gigante delle profondità, la meraviglia tentacolare imprigionata nel luna-park marino di Neptuneland… La piccola Jody sente la sua voce e il suo dolore, lui conosce le sordide trame dell’ammiraglio Heine e sa come fermarle. Ma per farlo, deve poter spiegare la sua potenza nelle acque dell’oceano… deve tornare a essere libero.

Dylan Dog n. 161: Il sorriso dell’Oscura Signora

Jarvis Claydon è terrorizzato dal futuro e dai presagi di morte che porta con sé. La bella Loreen lo ha fatto suo schiavo, imprigionandolo nelle sue visioni di chiromante. Ma neppure lei sa cosa si nasconde davvero nel domani. Il destino di Jarvis è chiuso dentro un labirinto grottesco, metà tragedia e metà farsa. È sospeso alle labbra della vita, piegate in un sorriso sinistro…

Dylan Dog n. 160: Il druido

Cosa si aggira per i campi di Ancient Rock? Tutti lo chiamano il Druido, sacerdote di antiche divinità sanguinarie. Si nutre di odio e alimenta le faide e i rancori del piccolo paese, è un fantasma omicida che celebra un eterno rito di fertilità. Dylan Dog deve affrontare i poteri più oscuri della natura stessa, dèi della terra che concedono agli uomini i frutti del raccolto… ma chiedono in cambio un tributo di sangue.

Dylan Dog n. 159: Percezioni extrasensoriali

Scrutare la mente degli altri, leggerla come un libro e attraversarla fino a sentire come propria la loro vita… È questo ciò che il misterioso Benjamin cerca. L’assassino senza volto vuole unirsi alle sue vittime in un macabro abbraccio. Ora sta dando la caccia a Clarisse Anderson, perché c’è qualcosa in lei che lo attira con forza irresistibile, ma troverà Dylan Dog sulla sua strada.

Dylan Dog n. 158: Nato per uccidere

Number non è che un umile impiegato, un onesto amministratore che fa quadrare i bilanci… della Morte. Per questo, si avvale dei servigi di Chris e Ginger Morn, rapinatori e assassini senza scrupoli, o quasi. Ginger è stanca di tutto questo e vuole cambiare vita, ma la sua non è una scelta facile. L’ispettore Bloch e Dylan Dog sono sulle sue tracce, e il demoniaco Number non vuole rinunciare a lei…

La bestia

Quello che si narra in questo libro non è un prodotto della fantasia e nemmeno una semplice indagine giornalistica. Oscar Martinez ha percorso da cima a fondo il tragitto dei migranti attraverso il Messico, per otto volte è salito sul tetto del treno, “la Bestia”, insieme ai centroamericani che a migliaia viaggiano aggrappati lassù nella speranza di entrare negli Stati Uniti, dove sognano una vida mejor. Ha diviso con loro le notti all’addiaccio e le sigarette, le paure e le insidie del viaggio, nel corso del quale violenze, stupri e aggressioni sono pane quotidiano e la morte è in agguato a ogni tappa. Ha visitato le città governate dai narcos, dove si cammina a testa bassa, ha ascoltato i racconti delle giovani centroamericane costrette a prostituirsi in Chiapas e poi ha asciugato le loro lacrime. Ha incontrato poliziotti corrotti, banditi, preti coraggiosi, uomini e donne dal destino segnato. Nel raccontarci la sua esperienza in prima persona lungo il cammino dei migranti, Martinez ha popolato il suo reportage di un’umanità spesso oscura e ai margini, perfettamente autentica anche se sembra il frutto dell’abile penna di un romanziere. E il lettore si trova così catturato in questa odissea attraverso paesaggi desolati e ostili, battuti solo da avvoltoi, coyote, narcotrafficanti e migranti, per arrivare fino al “muro”, l’ultima barriera che separa i centroamericani in fuga dal loro sogno americano.
**

Archeologia Viva n. 187 – gennaio/febbraio 2018

Autori Vari, Santuario di Vesta, pendice del Palatino e Via Sacra, Quasar
Pierluigi Panza, Museo Piranesi, Skira
Ennio Domenico Augenti, Il bambino in età romana. Dalla nascita all’adolescenza, Arbor Sapientiae Editore

Archeologia Viva n. 185 – settembre/ottobre 2017

In questo numero: PASSO DELLA CISA Sensazionali scoperte sul valico; MENORA’ fra storia e misteri; EBRIDI isole dei megaliti; OSTIA miniera da esplorare; POMPEI incontri di culture; VETULONIA antica arte di vivere; CORSICA seguaci di Mitra; PREISTORIA con Margherita Mussi.