1889–1904 di 74503 risultati

Paesi lontani

«La madre cominciò a parlare di presentimenti. Temeva che suo padre potesse morire mentre era lontana e decise che doveva assolutamente raggiungerlo». Con questa frase viene a cristallizzarsi, in questo racconto di paesi e anni lontani di Maria Luisa D’Amico, il motivo dell’apprensione che fin dalle prime pagine indefinibilmente lo domina; quell’apprensione «siciliana» di cui Brancati ha saputo darci sottili rappresentazioni ed analisi. Se poi aggiungiamo che il «padre» per cui si è in apprensione è Luigi Pirandello, meglio s’intende la particolarità di queste memorie d’infanzia, il loro intridersi di angoscia pur nello splendore dei «verdi paradisi», le tante dilacerazioni e i tanti smarrimenti che registrano. Anche se, mai nominato, pochissimo vi è presente, è la grande ombra di Pirandello che domina, al di là della quieta scrittura, questi inquieti e inquietanti ricordi.

Pachidermi e pappagalli

Il dibattito pubblico italiano spesso è influenzato da luoghi comuni sull’economia che non trovano alcun fondamento nella realtà. Ce n’è di ogni genere. Ci sono le bufale sull’Europa, molto in voga in questo periodo, per cui l’euro altro non è che un complotto ordito da oscure potenze nord-europee per affamare i paesi mediterranei. Ci sono quelle sulle banche, che non prestano soldi perché se li vogliono tenere (per farci cosa poi non si sa) e che ci è toccato salvare con 60 miliardi di soldi pubblici. Ci sono le bufale sui tecnocrati, incapaci e, forse, corrotti, che ci hanno fatto entrare nell’euro a un cambio sbagliato (che ha fatto raddoppiare i prezzi) e che hanno deciso, di loro iniziativa, di impedire il finanziamento del deficit pubblico stampando moneta (da qui la rovina dei conti pubblici italiani). Ci sono quelle sulle pensioni, secondo cui i problemi di sostenibilità del sistema pensionistico italiano non derivano da forze demografiche (invecchiamento della popolazione, crollo delle nascite), ma dalla malvagità di qualche ministro di governi dell’austerità. E così via. Spesso nelle bufale ci sono elementi di verità. Ma è importante, se vogliamo capire l’economia del nostro paese e quella mondiale, saper distinguere questi elementi di verità dalle esagerazioni che vengono ad arte create da una martellante propaganda sui social e, sempre più, sui media tradizionali, per indirizzare l’opinione pubblica secondo strategie ben definite. Questo è quello che fa Carlo Cottarelli analizzando i pregiudizi e le fake news che inquinano il dibattito italiano, per separare quello che c’è di vero dalla propaganda e liberarci dallo sciame velenoso di idee sbagliate che si è diffuso negli anni dell’Italia “populista”. Senza dimenticare che esistono bufale più tradizionali, quelle dell’establishment, che pure sono fuorvianti. Il libro si chiude con un capitolo sulle “tecniche di disinformazione” perché, se si capisce come le bufale vengono preparate, diventa più facile non farsi prendere per il naso.

Oxen. Gli uomini oscuri

« *Uno scrittore che sa di cosa ha bisogno un thriller magistrale.* »
**Fyens Stiftstidende**
**Jutland** , Danimarca. Splendidi boschi, silenzio. Ma non c’è pace per **Niels Oxen** , eroe nazionale, un cocktail vivente di medaglie al valore e disturbi da stress post-traumatico, di coraggio e incubi. Ha assunto una falsa identità e non vuole farsi trovare da nessuno, nemmeno da **Margrethe Franck** , la sua unica amica. Se ‘amica’ si può definire la giovane e attraente donna senza una gamba con cui lui ha rischiato la pelle un anno fa, quando è stato incastrato e quasi ucciso dalla **Danehof** , un’organizzazione criminale che coinvolge i vertici del potere danesi.
Solo i segreti che custodisce lo hanno tenuto in vita, ma quegli stessi segreti ora rischiano di farlo ammazzare perché, quando il direttore di un museo  –  e grande esperto della storia della Danehof – viene trovato morto in un castello, troppi elementi fanno pensare che i colpevoli occupino le sfere più alte del potere a cui Oxen ha già pestato i piedi in passato. L’eroe diventa il bersaglio di una spietata caccia all’uomo: c’è chi vuole aiutarlo, c’è chi vuole ucciderlo. Ma chi sono gli amici e chi i traditori? Per sopravvivere Niels Oxen dovrà combattere contro uomini oscuri che hanno mille volti e mille risorse.
**

Outcast

IL ROMANZO CHE KERSTIN GIER, AUTRICE DI RED, BLUE, GREEN E SILVER, HA DEFINITO «SPLENDIDO». Juliana ha 15 anni e vive in una società rigidamente strutturata dove i Normali controllano tutto e si tengono rigorosamente lontano da coloro che si comportano in modo anticonvenzionale. Juliana frequenta il liceo, abita in un quartiere ordinatissimo e segue tutte le regole della Normalità. Suo padre, esempio di omologazione e sua madre, una pittrice per hobby e più originale, sono separati. All’improvviso la madre scompare, la casa è sottosopra e piena di polizia e il padre sembra stranamente tranquillo. Cosa succede? E perché Julie sente suo padre definire sua madre una fata, uno degli essere più temuti e disprezzati dalla società dei Normali? In una corsa contro il tempo Julie dovrà confrontarsi con una realtà ben diversa da quella in cui è cresciuta. Dove le cose e le persone non sono bianche o nere e dove la diversità, l’originalità sono fonti di ricchezza e non cose da combattere. Ma è pericoloso là fuori, violento e pieno di sorprese. Julie ritroverà sua madre? E troverà se stessa?

Oro Sangue. La Confraternita Del Pugnale Nero

Nelle tenebre della notte di Caldwell, New York, Phury è in preda agli effetti allucinogeni del fumo rosso, in testa un groviglio di pensieri. L’Eletta Cormia, la sua Prima Sposa, dorme tranquilla nella stanza accanto alla sua, in attesa che lui si decida a portare finalmente a termine il suo compito. Ma Phury esita, continua a rimandare. Ha accettato – non sa ancora perché – di diventare Primale delle Quaranta Elette, il vampiro maschio incaricato di generare con loro una nuova stirpe di guerrieri. Proprio lui, il più puro tra i vampiri della Confraternita del Pugnale Nero, l’unico disposto ad annullare i propri desideri per proteggere la razza; anche a rinunciare a Bella, l’amata del suo gemello Zsadist. Ma se il destino ha scelto per lui un’Eletta come Cormia, forse la sua missione potrà assumere dei risvolti imprevisti. Perché Cormia vuole essere qualcosa di più che un mezzo per un fine più alto: lo desidera per se stessa. E per lui che, nel suo innocente candore, ha deciso di vivere tra i vampiri. E mentre la tragedia sta per abbattersi sulla stirpe della Confraternita, impegnata nella guerra mortale contro i lesser, Phury sarà chiamato a scegliere tra l’amore e il dovere.

Origin

Daemon è disposto a tutto pur di riavere indietro la sua Katy, rapita da Daedalus durante un rocambolesco raid sul monte Weather. Non c’è ostacolo che possa fermarlo, anche se questo signifcasse svelare a tutti la sua natura aliena. Nel frattempo l’unica cosa che può fare Katy è tentare di sopravvivere: rinchiusa in una cella, circondata da nemici che la sottopongono a misteriosi test, si ritrova a stretto contatto con l’inquietante Daedalus, scoprendo alcuni lati di lui che non poteva nemmeno immaginare. Possibile che non sia pazzo come invece credeva? Benché gli obiettivi del suo gruppo siano spaventosi, un dubbio comincia a insinuarsi nella mente di Katy: chi sono i veri cattivi in questa storia? Daedalus? Gli umani? O magari i Luxen? Ma il nemico più crudele si nasconde tra loro e quando tutte le menzogne saranno spazzate via, da che parte si schiereranno Daemon e Katy? E soprattutto, lotteranno sullo stesso fronte?

Orgoglio e pregiudizio e zombie. Finché morte non vi unisca

Finalmente sposi, Elizabeth Bennett e Fitzwilliam Darcy si trasferiscono nella deliziosa tenuta di Pemberly, poco distante dalla villa in cui vivono Charles Bingley e la moglie Jane. In questo modo, Elizabeth può aiutare la sorella nella cura delle sue adorabili bambine e dedicarsi all’eliminazione degli orridi zombie che cercano di avvicinarsi a loro. Tuttavia quel tranquillo nido d’amore diventa ben presto il palcoscenico di una tragedia: un’immonda creatura morde Darcy al collo, condannandolo a diventare un morto vivente. Disperata, Elizabeth sa che nessuna cura al mondo può salvare l’adorato marito: l’unico modo per permettergli di riposare in pace è tagliargli la testa e, giusto per non correre rischi, bruciare il suo corpo nel camino. E lei sta quasi per compiere quell’estremo, straziante gesto d’amore, allorché le giunge voce che uno scienziato di Londra è riuscito a mettere a punto un vaccino per l’orrido morbo che sta devastando il Paese. Così, aggrappata a una flebile speranza, Elizabeth si mette immediatamente in viaggio, pronta ad affrontare orde infernali di cadaveri ambulanti pur di riportare Darcy alla vita. O almeno a qualcosa che le somigli…
Sull’onda del successo di Orgoglio e pregiudizio e zombie – versione fedelmente zombificata del celeberrimo capolavoro di Jane Austen –, Steve Hockensmith continua le avventure della coppia letteraria più amata di sempre, facendoci gustare le atmosfere e le emozioni dei romanzi della grande scrittrice inglese. Fino all’ultimo morso.

Opere

Se questo è un uomo;
La tregua
Il sistema periodico;
I sommersi e i salvati.

Open non è free. Comunità digitali tra etica hacker e mercato globale

L’etica hacker, le pratiche di condivisione e cooperazione interessano ora anche il mercato, che ha assunto il metodo di sviluppo delle comunità hacker per risollevarsi dopo la bolla speculativa della net economy. I termini cambiano poco, da software libero (free software) a software aperto (open source), ma in realtà cambia tutto. Il passaggio è doloroso: la curiosità per il nuovo diventa formazione permanente, la fluidità delle reti diventa flessibilità totale, la necessità di connessione per comunicare diventa lavoro 24 ore su 24: semplici ed efficaci slogan del mercato globale. La cultura hacker cerca allora di elaborare nuove vie di fuga, insistendo sulla forza delle comunità e sulla responsabilità delle scelte individuali. **

Onore e Riscatto

# Nella sua lucida follia, provò un brivido di eccitazione pensando a Eleanor.
L’amava più di se stesso, ora lo sapeva. Un sentimento più potente della furia degli elementi.
**Colonie occidentali britanniche, 1818.**
Per amore di un pirata, Lady Eleanor Blackmore ha voltato le spalle alla famiglia. Non che avesse poi molto da perdere, dato che il padre era ricercato per il tentato omicidio del fratello. Piuttosto che accettare un possibile matrimonio combinato dal nonno, il Duca di Ashton, per riscattare l’onore della famiglia, ha preferito affrontare lo scandalo vivendo accanto a René Boscher, il pirata francese che si vanta d’averla addirittura comprata. Quel pezzo di carta esiste davvero e porta la firma del padre di Eleanor. Ma René sa benissimo che non si può comprare una Lady, figuriamoci il suo cuore. E per amore di Eleanor il sanguinario pirata è disposto a fare qualsiasi follia. Perfino a riscattare il proprio di onore. E il riscatto passa attraverso il segreto dei gioielli perduti della regina Maria Antonietta.
**Anche questa volta Fabiana ci stupisce con una bella avventura ricca di navi, pirati, combattimenti e forti emozioni. Una trama movimentata e intrigante, che ci incolla al libro e ci costringe ad arrivare alla fine. Tutto ciò fa da sfondo alla bella e tormentata storia d’amore dei due protagonisti. Un regency non convenzionale da leggere assolutamente!
***** ROMANZO AUTOCONCLUSIVO *******
**
### Sinossi
# Nella sua lucida follia, provò un brivido di eccitazione pensando a Eleanor.
L’amava più di se stesso, ora lo sapeva. Un sentimento più potente della furia degli elementi.
**Colonie occidentali britanniche, 1818.**
Per amore di un pirata, Lady Eleanor Blackmore ha voltato le spalle alla famiglia. Non che avesse poi molto da perdere, dato che il padre era ricercato per il tentato omicidio del fratello. Piuttosto che accettare un possibile matrimonio combinato dal nonno, il Duca di Ashton, per riscattare l’onore della famiglia, ha preferito affrontare lo scandalo vivendo accanto a René Boscher, il pirata francese che si vanta d’averla addirittura comprata. Quel pezzo di carta esiste davvero e porta la firma del padre di Eleanor. Ma René sa benissimo che non si può comprare una Lady, figuriamoci il suo cuore. E per amore di Eleanor il sanguinario pirata è disposto a fare qualsiasi follia. Perfino a riscattare il proprio di onore. E il riscatto passa attraverso il segreto dei gioielli perduti della regina Maria Antonietta.
**Anche questa volta Fabiana ci stupisce con una bella avventura ricca di navi, pirati, combattimenti e forti emozioni. Una trama movimentata e intrigante, che ci incolla al libro e ci costringe ad arrivare alla fine. Tutto ciò fa da sfondo alla bella e tormentata storia d’amore dei due protagonisti. Un regency non convenzionale da leggere assolutamente!
***** ROMANZO AUTOCONCLUSIVO *******

Omicidio All’Acquario Di Genova

Chi è davvero l’addetto alle pulizie trovato morto dentro la vasca dei gentili lamantini? Da dove viene? Qual è la sua storia? E poi perché un omicidio così plateale e assurdo? Queste le domande che si pone Marco Canepa, coadiuvato come sempre dal suo vice Bruno Tozzi e dal PM Tiziana Anselmi, magistrato dai capelli rossi, da tempo innamorata perdutamente di lui. L’Acquario è passato al setaccio dagli uomini della squadra mobile e dai tecnici della scientifica, nella speranza di trovare al più presto un indizio importante o almeno qualche immagine ripresa da una delle varie telecamere, mentre tutti i funzionari della famosa struttura del porto antico si mettono da subito a disposizione della polizia. Sarà un’indagine complicata che, dalle strade e dai vecchi quartieri genovesi, porterà infine l’ispettore fino all’antica e sperduta valle di Theth, in Albania, dove, ancora oggi, l’unica legge che conti non è quella ufficiale dello stato ma invece quella del Kanun, un codice antichissimo che risale al medioevo e che regola le faide familiari, obbligando alla vendetta fino al terzo grado di parentela.
**Marco Di Tillo** ha scritto per moltissimi anni programmi radiofonici e televisivi, sceneggiature per il cinema e testi per i fumetti. Per la Fratelli Frilli Editori ha pubblicato nel 2018 *Tutte le strade portano a Genova,* con un ottimo successo di critica e di vendite. Ha poi scritto i gialli *Destini di sangue, Dodici giugno,* *Il Palazzo del freddo* e i romanzi d’avventura per ragazzi *Il ladro di Picasso, Due ragazzi nella Firenze dei Medici* , *Il giovane cavaliere* , *Tre ragazzi e il sultano,* le favole illustrate *Mamma Natale,* *Mamma Natale e i Pirati.* Negli Stati Uniti è uscito il thriller storico *The Other Eisenhower.* Per il cinema ha scritto e diretto la commedia *Un anno in campagna* e il giallo per bambini *Operazione Pappagallo.* E’ ancheautore di testi per fumetti, come le serie *I grandi del jazz, I grandi del calcio e I grandi del cinema.* Laureato in Psicologia, sopravvive a Roma con moglie, tre figli maschi e un cane femmina.

Oltre Se Stessi

Che cosa accomuna figure geniali come **Leonardo da Vinci** e **Albert Einstein** , **Mozart** e **Steve Jobs**? Che cosa significa spingersi oltre i limiti delle proprie discipline e ottenere risultati straordinari? Il **talento** è una dote innata o va coltivato con cura e perseveranza? Di questi temi si occupa la **scienza della performance** , in una sintesi originale di psicologia, neuroscienze e terapia breve strategica. Gli autori indagano a fondo le caratteristiche che consentono al performer non solo di raggiungere prestazioni notevoli, ma anche di proseguire nel difficile percorso di miglioramento e superamento dei propri limiti: resilienza e determinazione, flessibilità e adattabilità caratterizzano tutti gli artisti, scienziati, sportivi e manager che riescono a toccare vette sovrumane e impensabili. Studiare la performance significa anche esaminare il ruolo della trance performativa e il ricorso alle moderne tecniche ipnotiche, oppure individuare le modalità più corrette per valorizzare il talento, ed eventualmente «guarire» i blocchi e le «psicotrappole» che impediscono al talento di esprimersi pienamente. Ma, soprattutto, **Giorgio Nardone** e **Stefano Bartoli** ci conducono in un viaggio nel cuore più autentico della natura umana: **il superamento di sé, in un’insaziabile ricerca dell’ignoto e dell’inconcepibile**.

Odi ed epodi. Canto secolare

“La vera novità della poesia lirica oraziana, anche sul piano formale, fu quella di ricongiungersi, con le sue Odi, alla lirica greca antica di Archiloco e Pindaro, di Alceo e Saffo. Celebrando se stesso come T’inventore’ romano di questo genere letterario, il poeta di Venosa non si esaltava vanagloriosamente; si può infatti dire che prima di lui i lirici antichi erano conosciuti soltanto di nome e che, per quanto ne sappiamo, nessun romano aveva letto Alceo o Pindaro.” Introduce così Ugo Dotti la sua edizione – tagliata su misura per la sensibilità contemporanea – delle Odi e degli Epodi oraziani, opere indimenticabili che fanno ormai parte della cultura interiore occidentale. Fra l’invettiva tormentata degli Epodi, il tono solenne del Canto secolare e la celebrazione, nelle Odi, della vita tranquilla e del sereno godimento dell’oggi nell’ignoranza del domani, Orazio ha scolpito nei suoi versi un insegnamento poetico ancora attuale, come il suo celebre invito al carpe diem.

Obbligo o Verità: Gioco d’Amore

**UNO DEI ROMANCE PIÙ APPREZZATI DI WATTPAD** **CENTINAIA DI MIGLIAIA DI LETTORI** **UNA NOVITÀ TARGATA COLLANA FLOREALE**
E se, per uno stupido gioco di *obbligo o verità* , il più popolare e puttaniere e la più invisibile della scuola si ritrovassero a fingere per tre mesi di essere fidanzati e presentarsi alle proprie famiglie come tali? Riusciranno a resistere per tutto il tempo stabilito dall’obbligo? Riusciranno allo scadere dei tre mesi a fingere un fatale litigio che farà pensare ai genitori di entrambi la loro rottura?
* **«Ero terrorizzato alla sola idea di amare qualcuno. L’amore ti consuma, corrode ogni piccola particella del tuo corpo e poi ti tortura finché non esali il tuo ultimo respiro. Si impazzisce per amore, si cambia, a volte si diventa qualcuno che non si è, si muore anche solo per poterlo assaporare per un secondo. Io non volevo finire in questa trappola mortale.»** *

E tu? Giocheresti col tuo cuore? Obbligo o Verità – Gioco d’Amore **
### Sinossi
**UNO DEI ROMANCE PIÙ APPREZZATI DI WATTPAD** **CENTINAIA DI MIGLIAIA DI LETTORI** **UNA NOVITÀ TARGATA COLLANA FLOREALE**
E se, per uno stupido gioco di *obbligo o verità* , il più popolare e puttaniere e la più invisibile della scuola si ritrovassero a fingere per tre mesi di essere fidanzati e presentarsi alle proprie famiglie come tali? Riusciranno a resistere per tutto il tempo stabilito dall’obbligo? Riusciranno allo scadere dei tre mesi a fingere un fatale litigio che farà pensare ai genitori di entrambi la loro rottura?
* **«Ero terrorizzato alla sola idea di amare qualcuno. L’amore ti consuma, corrode ogni piccola particella del tuo corpo e poi ti tortura finché non esali il tuo ultimo respiro. Si impazzisce per amore, si cambia, a volte si diventa qualcuno che non si è, si muore anche solo per poterlo assaporare per un secondo. Io non volevo finire in questa trappola mortale.»** *

E tu? Giocheresti col tuo cuore? Obbligo o Verità – Gioco d’Amore

Nuove leggende del futuro

NUOVE LEGGENDE DEL FUTUROAutori vari
Sedici grandi storie inedite scritte appositamente per questo volume, un viaggio appassionante in compagnia degli autori che non solo sanno immaginare il futuro, ma riescono a raccontarcelo nei modi più sorprendenti. Se oggi il futuro ci appare sempre più “reale”, è ancora possibile immaginarlo con emozione e meraviglia, senza sacrificare rigore e credibilità? Greg Bear, autore oggi fra i più innovativi, ha raccolto la sfida, creando un’antologia per dimostrare che oggi più che mai la fantascienza è in grado di stupirci con la forza delle idee e l’impatto dell’immaginazione. Se è vero che le leggende definiscono il carattere di una civiltà, nella fantascienza percorrono i sentieri del futuro: quale sarà il destino di chi verrà dopo di noi, che ne sarà della Terra e quale posto occuperemo nel cosmo? Bear ha riunito il talento di autori nuovi e affermati chiedendo a ciascuno di essi di dare il meglio di sé, di proiettare la propria visione, con il rigore e la plausibilità della miglior fantascienza…Ursula Le Guin ci riporta sul pianeta Gethen, incontrato per la prima volta nell’indimenticabile romanzo La mano sinistra delle tenebre, Robert Sheckley ci racconta una invasione aliena davvero insolita, Robert Silverberg narra di un archeologo che cerca la verità nel lontano passato e la trova invece nel futuro, George Alec Effinger esplora fino alle estreme conseguenze la sua cruda visione sulla vita nell’universo, Paul J. McAuley ci guida nella città di Sensch, su un mondo piatto ai bordi di un buco nero, e Greg Egan proietta la sua visione cosmica a bordo di 1000 astronavi alla ricerca della vita su altri mondi, tutte con lo stesso passeggero…

Novelle e Riviste Drammatiche

Chi sa giocare a scacchi prenda una scacchiera, la disponga in bell’ordine davanti a sé ed immagini ciò che sto per descrivere.Immagini al posto degli scacchi bianchi un uomo dal volto intelligente; due forti gibbosità appaiono sulla sua fronte, un po’ al disopra delle ciglia, là dove Gall mette la facoltà del calcolo; porta un collare di barba biondissima ed ha i mustacchi rasi com’è costume di molti americani. È tutto vestito di bianco e, benché sia notte e giuochi al lume della candela, porta un pince-nez affumicato e guarda attraverso quei vetri la scacchiera con intensa concentrazione. Al posto degli scacchi neri c’è un negro, un vero etiopico, dalle labbra rigonfie, senza un pelo di barba sul volto e lanuto il crine come una testa d’ariete; questi ha pronunziatissime le bosses dell’astuzia, della tenacità; non si scorgono i suoi occhi perché tien china la faccia sulla partita che sta giuocando coll’altro. Tanto sono oscuri i suoi panni che pare vestito a lutto. Quei due uomini di colore opposto, muti, immobili, che combattono col loro pensiero, il bianco con gli scacchi bianchi, il negro coi neri, sono strani e quasi solenni e quasi fatali. Per sapere chi sono bisogna saltare indietro sei ore e stare attenti ai discorsi che fanno alcuni forestieri nella sala di lettura del principale albergo d’uno fra i più conosciuti luoghi d’acque minerali in Isvizzera.