1825–1840 di 74503 risultati

Scie Sul Mare. La Cultura Dell’inganno

Nel libro di ca.180 pagine e 30 capitoli l’Autore tratta dal punto di vista dello scienziato e dello storico varie tematiche tra cui: Neurobiologia del cervello; droghe e dipendenza (oppio, alcol, coca, tabacco e nicotina, droghe sintetiche); nascita ed evoluzione del farmaco; medicina alternativa; ambiente e sopravvivenza; sperimentazione animale; inquinamento; incremento demografico; rapporto uomo animale; cicli biologici; vita e morte.
L’Autore discende da famiglia svizzera stabilitasi in Campania alla fine del ‘700. Ama definirsi svizzero napoletano. Maturità Classica con la media del nove Liceo J. Sannazzaro Napoli (1946). Parla e scrive sei lingue moderne, laureato in chimica (PhD) all’Università di Zurigo (1954), Assistente del Prof Karrer premio Nobel Università di Zurigo. Libero docente in Chimica organica Univ. Statale di Milano. Direttore Ricerca e Sviluppo presso Società farmaceutiche multinazionali, docente in chimica organica e farmaceutica a Milano e Perugia.

Scent of Darkness

Un mantello nero, una falce che riflette la luce morente di una pallida luna piena e un teschio nascosto da un oscuro cappuccio, il Tristo Mietitore non potrebbe essere più diverso dalle classiche rappresentazioni. Occhi come il cielo dell’estate, capelli color del grano maturo e un’aura di tristezza che lo accompagna in ogni spostamento tra il mondo dei vivi e quello dei morti, Blake Yama è la Morte e accompagna le anime tra le placide acque del fiume Adhara in modo che rinascano ancora e ancora, in un dolce circolo senza fine. La sua condanna, però, è quella di rivivere, epoca dopo epoca, la fine della storia con la sua anima gemella. Impossibilitato a spezzare la maledizione che lo accompagna da secoli, Blake continua a cercare il suo unico amore, a vivere la loro storia e poi a vederlo morire, senza poter fare nulla per evitarlo.
Dopo anni di attesa, viene richiamato dall’inconfondibile profumo di mughetto nella cittadina di Cobh, in Irlanda, per ritrovare di nuovo la sua anima gemella, ma questa volta il destino ha deciso in maniera diversa. Questa volta il dolore di Blake sarà più forte.
Logan lavora in un pub, sogna il grande amore e, nel bel mezzo di una serata tranquilla, incontra l’uomo più bello che abbia mai visto. Ma Blake nasconde dei segreti e Logan non è sicuro di volerli scoprire. Nel momento in cui gli occhi azzurri dell’uomo incontrano quelli di Logan, il ragazzo vede il suo futuro? Oppure, ciò in cui deve credere è sepolto nel passato di entrambi?
**
### Sinossi
Un mantello nero, una falce che riflette la luce morente di una pallida luna piena e un teschio nascosto da un oscuro cappuccio, il Tristo Mietitore non potrebbe essere più diverso dalle classiche rappresentazioni. Occhi come il cielo dell’estate, capelli color del grano maturo e un’aura di tristezza che lo accompagna in ogni spostamento tra il mondo dei vivi e quello dei morti, Blake Yama è la Morte e accompagna le anime tra le placide acque del fiume Adhara in modo che rinascano ancora e ancora, in un dolce circolo senza fine. La sua condanna, però, è quella di rivivere, epoca dopo epoca, la fine della storia con la sua anima gemella. Impossibilitato a spezzare la maledizione che lo accompagna da secoli, Blake continua a cercare il suo unico amore, a vivere la loro storia e poi a vederlo morire, senza poter fare nulla per evitarlo.
Dopo anni di attesa, viene richiamato dall’inconfondibile profumo di mughetto nella cittadina di Cobh, in Irlanda, per ritrovare di nuovo la sua anima gemella, ma questa volta il destino ha deciso in maniera diversa. Questa volta il dolore di Blake sarà più forte.
Logan lavora in un pub, sogna il grande amore e, nel bel mezzo di una serata tranquilla, incontra l’uomo più bello che abbia mai visto. Ma Blake nasconde dei segreti e Logan non è sicuro di volerli scoprire. Nel momento in cui gli occhi azzurri dell’uomo incontrano quelli di Logan, il ragazzo vede il suo futuro? Oppure, ciò in cui deve credere è sepolto nel passato di entrambi?

Scendo. Buon proseguimento

Anche il linguaggio, soprattutto quand’è quello di una madre che scrive alla figlia, sa fare carezze e diventare affettuoso, talora così tenero da condurre alla commozione. Così, nel suo testo d’apertura, Vito Mancuso introduce questo libro insolito, intimo, curioso, una sorta di romanzo epistolare, testamento spirituale di una donna che, pur vicina alla fine, fa dell’ironia la sua forza e la sua àncora di salvezza (“Cara Titti, leggo, rido, rido e non riesco più a leggere”, le scriverà – non a caso – il suo editore, qui nell’inusuale veste di corrispondente e personaggio). Attraverso la cronaca di eventi piccoli e talvolta piccolissimi, l’insieme di questi microtesti racconta per frammenti gli ultimi tre anni della vita dell’autrice: il parallelo progredire di una sindrome che priva a poco a poco della parola (restituendola però sulla pagina in forma potenziata) e la genesi, l’elaborazione, la stesura dell’Ultima estate. Nelle mail, difficoltà, infermità, dolori, procedono di pari passo con l’affermazione di sé e il successo pubblico, vissuti dallo spazio ristretto di una stanza dove la malattia e la conseguente decisione di negarsi al mondo hanno confinato la scrittrice. Nei mesi delle recensioni, delle tante attestazioni di affetto, degli inviti, cui lei non può aderire – sostituita ogni volta dalla figlia Alice -, il computer è l’unico mezzo di comunicazione possibile; grazie ai meccanismi della posta elettronica, Cesarina (detta Titti) invia messaggi, mette in copia, inoltra allegati, creando una piccola rete di amici cui dedicare anche solo poche parole quando le forze lo consentono. A raccogliere stati d’animo e sensazioni ci sono – in rappresentanza del mondo – l’amico d’infanzia, il cugino “svedese”, la confidente che crede in Dio, quella che non crede, fino all’immaginario professore di letteratura. Rimandati da una mail all’altra, da un destinatario all’altro, i più intimi diventano così veri e propri personaggi: c’è Giancarlo, il premuroso marito lunatico, Ernesto, il piccolo nipote musicista, i gatti, tutte figure del piccolo universo ricreato di colei che scrive. Avanza intanto il blocco fisico e l’incapacità di comunicare se non per iscritto. Nella strenua difesa della propria integrità di fronte al decadimento patologico, lo stile diventa un valore irrinunciabile, mantenuto intatto dalla prima all’ultima mail. Precisazioni al limite del maniacale, citazioni colte, modi di dire familiari e alcune poesie si alternano con naturalezza e a emergere prepotente è un black humour che stupisce e insieme diverte per il carattere di elegante imprevedibilità. La scrittura stabilizza e toglie tensioni e a prevalere è la volontà del bene: per l’amore come forza e frutto di intelligenza ordinata, allora, spiccano i messaggi “alla figlia ritrovata” con i consigli di una madre a sua volta ritrovata: lucida, dolce, saggia e, paradossalmente, proprio ora che il corpo cede e lo spirito è ridotto a pura voce, completa. **
### Sinossi
Anche il linguaggio, soprattutto quand’è quello di una madre che scrive alla figlia, sa fare carezze e diventare affettuoso, talora così tenero da condurre alla commozione. Così, nel suo testo d’apertura, Vito Mancuso introduce questo libro insolito, intimo, curioso, una sorta di romanzo epistolare, testamento spirituale di una donna che, pur vicina alla fine, fa dell’ironia la sua forza e la sua àncora di salvezza (“Cara Titti, leggo, rido, rido e non riesco più a leggere”, le scriverà – non a caso – il suo editore, qui nell’inusuale veste di corrispondente e personaggio). Attraverso la cronaca di eventi piccoli e talvolta piccolissimi, l’insieme di questi microtesti racconta per frammenti gli ultimi tre anni della vita dell’autrice: il parallelo progredire di una sindrome che priva a poco a poco della parola (restituendola però sulla pagina in forma potenziata) e la genesi, l’elaborazione, la stesura dell’Ultima estate. Nelle mail, difficoltà, infermità, dolori, procedono di pari passo con l’affermazione di sé e il successo pubblico, vissuti dallo spazio ristretto di una stanza dove la malattia e la conseguente decisione di negarsi al mondo hanno confinato la scrittrice. Nei mesi delle recensioni, delle tante attestazioni di affetto, degli inviti, cui lei non può aderire – sostituita ogni volta dalla figlia Alice -, il computer è l’unico mezzo di comunicazione possibile; grazie ai meccanismi della posta elettronica, Cesarina (detta Titti) invia messaggi, mette in copia, inoltra allegati, creando una piccola rete di amici cui dedicare anche solo poche parole quando le forze lo consentono. A raccogliere stati d’animo e sensazioni ci sono – in rappresentanza del mondo – l’amico d’infanzia, il cugino “svedese”, la confidente che crede in Dio, quella che non crede, fino all’immaginario professore di letteratura. Rimandati da una mail all’altra, da un destinatario all’altro, i più intimi diventano così veri e propri personaggi: c’è Giancarlo, il premuroso marito lunatico, Ernesto, il piccolo nipote musicista, i gatti, tutte figure del piccolo universo ricreato di colei che scrive. Avanza intanto il blocco fisico e l’incapacità di comunicare se non per iscritto. Nella strenua difesa della propria integrità di fronte al decadimento patologico, lo stile diventa un valore irrinunciabile, mantenuto intatto dalla prima all’ultima mail. Precisazioni al limite del maniacale, citazioni colte, modi di dire familiari e alcune poesie si alternano con naturalezza e a emergere prepotente è un black humour che stupisce e insieme diverte per il carattere di elegante imprevedibilità. La scrittura stabilizza e toglie tensioni e a prevalere è la volontà del bene: per l’amore come forza e frutto di intelligenza ordinata, allora, spiccano i messaggi “alla figlia ritrovata” con i consigli di una madre a sua volta ritrovata: lucida, dolce, saggia e, paradossalmente, proprio ora che il corpo cede e lo spirito è ridotto a pura voce, completa.

Scegliere, Comprare

Anche il marketing, come tanti ambiti professionali, vive oggi l’opportunità di aggiornare i paradigmi e le metodologie tradizionali grazie a contributi provenienti da altre discipline, soprattutto da quelle di più recente sviluppo. Tra queste, si segnalano oggi la psicologia cognitiva e le neuroscienze. Il libro intende offrire al lettore uno spaccato di quanto questi due settori possono offrire alla comprensione delle dinamiche di acquisto, mostrando come la conoscenza dei meccanismi di pensiero e dei processi cerebrali aiuti a identificare ciò che accade nella mente del destinatario della comunicazione pubblicitaria e di colui che si trova a dover valutare e scegliere se e che cosa comprare. Psicologia e neuroscienze mettono oggi a disposizione di chi studia i comportamenti di acquisto sia nuovi modelli concettuali, sia nuovi strumenti e procedure di analisi. I contributi raccolti nel volume offrono al lettore da un lato delle rassegne circa i più recenti contributi di queste discipline al marketing, dall’altro esempi di ricerche da cui è possibile ricavare spunti applicativi. Nel complesso risulta un quadro generale di alcune delle più promettenti tendenze e linee di indagine che si stanno affermando nel settore.

Scappo via!. Paradisi esotici dove vivere alla grande con meno di 1000 euro al mese.

Una guida pratica e utile ai paradisi esotici, dove vivere alla grande con meno di mille euro il mese. L’autore offre consigli per organizzare la propria fuga, lavorare e investire ai tropici. Non solo, segnala itinerari turistici per tutte le tasche, case in affitto con piscina a 250 euro e in località da sogno: Capo Verde, Marocco, Egitto, Thainlandia, Tunisia, Kenya, India, Cuba, Messico, Brasile, Costa Rica, Mauritius, Santo Domingo ed altre ancora.

Scandalo nella Brughiera

# “Siete un mostro!”
“E voi un’ipocrita. Forse per questo ci intendiamo tanto bene.”
**Inghilterra. Brughiera del Dartmoor. 1838.**
Olivia Sharp ha già problemi a sufficienza: la sua esistenza dorata nei salotti londinesi è andata in pezzi dopo la morte del padre, che l’ha lasciata senza un soldo. Come se non bastasse, è stata costretta a trasferirsi nel mezzo del nulla, nel cottage che la zia possiede nella brughiera.
Liv ha bisogno di un piano per tornare in società, ma viene distratta da Adam Drake: un uomo irritante, insopportabile… irresistibile.
Tra baci rubati e vendette, lo scandalo finirà con lo scuotere le certezze di entrambi.
Un matrimonio riparatore, le scogliere della Cornovaglia, i teatri di Londra, vedranno cambiare poco a poco un animo superficiale.
Ma saranno capaci di far aprire di nuovo alla speranza un cuore ferito?
**Dopo esserci cimentate per noi nel chick lit “Bugie a Santorini”, Michela e Pamela ci accompagnano nella brughiera, agli albori dell’epoca vittoriana, dove un amore passionale e contrastato vi farà sorridere e commuovere.
***** ROMANZO AUTOCONCLUSIVO *******
**
### Sinossi
# “Siete un mostro!”
“E voi un’ipocrita. Forse per questo ci intendiamo tanto bene.”
**Inghilterra. Brughiera del Dartmoor. 1838.**
Olivia Sharp ha già problemi a sufficienza: la sua esistenza dorata nei salotti londinesi è andata in pezzi dopo la morte del padre, che l’ha lasciata senza un soldo. Come se non bastasse, è stata costretta a trasferirsi nel mezzo del nulla, nel cottage che la zia possiede nella brughiera.
Liv ha bisogno di un piano per tornare in società, ma viene distratta da Adam Drake: un uomo irritante, insopportabile… irresistibile.
Tra baci rubati e vendette, lo scandalo finirà con lo scuotere le certezze di entrambi.
Un matrimonio riparatore, le scogliere della Cornovaglia, i teatri di Londra, vedranno cambiare poco a poco un animo superficiale.
Ma saranno capaci di far aprire di nuovo alla speranza un cuore ferito?
**Dopo esserci cimentate per noi nel chick lit “Bugie a Santorini”, Michela e Pamela ci accompagnano nella brughiera, agli albori dell’epoca vittoriana, dove un amore passionale e contrastato vi farà sorridere e commuovere.
***** ROMANZO AUTOCONCLUSIVO *******

Sarti Antonio E La via Dell’inferno

Ucciso da una pallottola dell’americano Mr Smith nel 1987, il questurino Sarti Antonio risorge dalle proprie ceneri, quasi miracolosamente, sette anni dopo. I cinque testi qui riuniti, quattro racconti e un romanzo breve, tutti editi tra 1994 e 2001 su riviste e pubblicazioni ormai irreperibili, segnano appunto il ritorno dell’amatissimo sergente al suo pubblico. L’essere scampato alla P38 di Smith l’ha reso più duro, più diffidente, più smaliziato, più autonomo. Più deciso nell’affrontare i diversi frangenti, più capace di orientarsi con maggiore sicurezza in un mondo che dispiega a ogni passo orrori senza fine. Una nuova forza che, unita al pudico e profondo senso di pietà, all’onestà testarda di voler sempre capire, rendono questo Sarti Antonio “seconda maniera” un uomo più attrezzato per viaggiare lungo i molteplici inferni del presente.

Saggio sui potenti

Gli uomini divinizzano troppo spesso il potere. Attribuiscono ai capi una facoltà pressoché illimitata di modificare la storia del mondo. Immaginano che i governanti esercitino un pieno controllo sulla politica, sull’economia, sulle burocrazie, sugli apparati militari. Ma si ingannano. La realtà del potere è diversa dalle apparenze. Un capo conosce molto poco il mondo che lo circonda, e molto poco riesce a trasformarlo. Quanto più grandi sono le responsabilità che si assume, tanto più grandi sono gli ostacoli che egli incontra nel conoscere e nell’agire. Con una scrittura chiara, brillante e tagliente Piero Melograni ha vivisezionato il potere non solo politico ed economico, ma anche quello che risiede fuori dai palazzi, quello che viviamo ogni giorno all’interno delle piccole dinamiche che regolano le nostre vite quotidiane.
«Il rispetto dell’autonomia di ciascuno trova il suo fondamento nel rispetto verso gli altri. Non soltanto perché ciascuno di noi è “altro” rispetto a tutti, ma anche in base a una constatazione che possiamo spesso fare: che i movimenti politici desiderosi di restringere l’autonomia dei cittadini, ottengono questo risultato additando la minaccia esercitata da veri o da supposti nemici. La presenza di nemici reali o immaginari rischia sempre di comprimere la libertà. Lo si vede bene durante le guerre, almeno finché la maggioranza dei cittadini continua a pensare che il nemico sia davvero esecrabile. Da tali premesse deriva che tutti coloro i quali desiderano limitare gli abusi dei capi, debbono essere estremamente cauti nell’accettare che a qualcuno sia attribuita la qualifica di nemico. Debbono trovare il modo di difendersi e di contendere imparando a distinguere tra i nemici e coloro i quali invece appaiono o sono diversi».

Sacred and immoral: on the writings of Chuck Palahniuk

Product Description

Sacred and Immoral: On the Writings of Chuck Palahniuk_, edited by Jeffrey A. Sartain, combines the efforts of an international list of writers to explore the depths of Chuck Palahniuk’s fiction. Scholars have paid attention Palahniuk’s premiere novel, Fight Club, for years. Sacred and Immoral is the first anthology dedicated to scholarship focused on Palahniuk’s work following Fight Club, which he has been producing at an average of a book a year for thirteen years. By collecting the work of an interdisciplinary group of scholars under a single cover, Sacred and Immoral extends the reach of Palahniuk scholarship beyond any previous publication. Sacred and Immoral provides the single most comprehensive and useful scholarly resource to date for anyone wishing to examine Chuck Palahniuk’s fiction in an academic context. Some of the anthology’s chapters situate Palahniuk’s work within existing generic conventions, while other chapters are concerned with the theoretical underpinnings of Palahniuk’s writing and the philosophical implications of his work. With eleven new critical analyses of Palahniuk’s later novels, Sacred and Immoral drastically expands the range and depth of academic inquiry into Palahniuk’s fiction commensurate with the prominent and exciting position Palahniuk’s work occupies in contemporary culture. “Sacred and Immoral” also includes a new interview with Chuck Palahniuk, conducted by literary scholar Matt Kavanagh. Finally, Sacred and Immoral boasts the most complete primary and secondary bibliographies of Palahniuk-related materials to date. Sacred and Immoral is not an attempt to have the last word on Chuck Palahniuk’s literature. Rather, this volume is a springboard for other projects that relate to Palahniuk’s writings. The anthology provides a critical framework for Palahniuk’s later literature that students, teachers, and researchers can use in their own classrooms and writing. _

About the Author

Jeffrey A. Sartain teaches literature and composition at Indiana University, where he is completing his Ph.D. in English. His myriad interests include contemporary literature, contemporary film, and creative writing. His writing and interviews have appeared in publications all over the world, including Indiana Review, Ninth Letter, American Book Review, Stirrings Still, and South Africa’s Weekender. Sacred and Immoral is his first edited collection.

S. La nave di Teseo

QUESTO EBOOK è OTTIMIZZATO PER
iPad
Fire HD 6
Fire HDX 8.9
App di lettura iOS
UN LIBRO, DUE LETTORI, UN MONDO DI MISTERO, PERICOLO E DESIDERIO…
Una giovane bibliotecaria trova per caso un libro lasciato fuori posto da uno sconosciuto: un lettore intrigato, rapito dalla storia e dal suo misterioso autore, come rivelano le note che ha appuntato a margine. Lei gli risponderà con note di suo pugno, dando inizio a un singolare dialogo che li condurrà insieme in un mondo sconosciuto.
IL LIBRO: La nave di Teseo, l’ultimo, discusso romanzo di V.M. Straka – autore prolifico quanto enigmatico – nel quale un uomo senza passato viene rapito e imbarcato a forza su una strana nave dal terrificante equipaggio e lanciato verso i pericoli di una missione ignota.
L’AUTORE: Straka, oscuro e discusso protagonista di uno dei più grandi misteri del mondo; rivoluzionario di cui nulla si conosce se non le parole che ha scritto e le teorie elaborate sul suo conto.
I LETTORI: Eric e Jennifer, un ricercatore e una studentessa indietro con gli esami, entrambi chiamati a scelte cruciali per capire chi sono e cosa vogliono diventare, e quanto saranno in grado di mettere le proprie passioni, ferite, paure l’uno nelle mani dell’altro. **
### Sinossi
QUESTO EBOOK è OTTIMIZZATO PER
iPad
Fire HD 6
Fire HDX 8.9
App di lettura iOS
UN LIBRO, DUE LETTORI, UN MONDO DI MISTERO, PERICOLO E DESIDERIO…
Una giovane bibliotecaria trova per caso un libro lasciato fuori posto da uno sconosciuto: un lettore intrigato, rapito dalla storia e dal suo misterioso autore, come rivelano le note che ha appuntato a margine. Lei gli risponderà con note di suo pugno, dando inizio a un singolare dialogo che li condurrà insieme in un mondo sconosciuto.
IL LIBRO: La nave di Teseo, l’ultimo, discusso romanzo di V.M. Straka – autore prolifico quanto enigmatico – nel quale un uomo senza passato viene rapito e imbarcato a forza su una strana nave dal terrificante equipaggio e lanciato verso i pericoli di una missione ignota.
L’AUTORE: Straka, oscuro e discusso protagonista di uno dei più grandi misteri del mondo; rivoluzionario di cui nulla si conosce se non le parole che ha scritto e le teorie elaborate sul suo conto.
I LETTORI: Eric e Jennifer, un ricercatore e una studentessa indietro con gli esami, entrambi chiamati a scelte cruciali per capire chi sono e cosa vogliono diventare, e quanto saranno in grado di mettere le proprie passioni, ferite, paure l’uno nelle mani dell’altro.

Ruin. La lancia di Skald

Le Terre dell’Esilio sono sconvolte dalla guerra e dal caos. L’astuta regina Rhin ha conquistato i regni occidentali e l’alto re Nathair possiede il calderone, il più potente tra i Sette Tesori. Nathair, inoltre, può contare sull’aiuto dello scaltro Calidus e di una banda di Kadoshim, temibili demoni dell’Oltremondo. Insieme cospirano per riportare in vita Asroth e il suo esercito di Caduti, ma per fare ciò hanno bisogno dei Sette Tesori. Nathair è stato ingannato ma adesso conosce la verità. Ora è davanti a un bivio, e sa che la sua scelta sancirà il destino delle Terre dell’Esilio. Altrove, i focolai di resistenza crescono e la regina Edana trova alleati nelle paludi dell’Ardan. La vita di Corban, infine, è travolta dalla guerra: ha sofferto, ha perso i suoi cari, ha rischiato di essere inghiottito dalle tenebre. Ora ha deciso di fronteggiare il male e la sua missione sarà raggiungere la leggendaria fortezza di Drassil, nascosta nel cuore della Foresta di Forn, dov’è custodita la lancia di Skald, e dove la profezia annuncia che l’Astro Splendente si opporrà al Sole Nero.
Dopo Malice, vincitore del David Gemmell Morningstar per il miglior debutto fantasy, e Valour, arriva il terzo volume di una serie grandiosa. **
### Sinossi
Le Terre dell’Esilio sono sconvolte dalla guerra e dal caos. L’astuta regina Rhin ha conquistato i regni occidentali e l’alto re Nathair possiede il calderone, il più potente tra i Sette Tesori. Nathair, inoltre, può contare sull’aiuto dello scaltro Calidus e di una banda di Kadoshim, temibili demoni dell’Oltremondo. Insieme cospirano per riportare in vita Asroth e il suo esercito di Caduti, ma per fare ciò hanno bisogno dei Sette Tesori. Nathair è stato ingannato ma adesso conosce la verità. Ora è davanti a un bivio, e sa che la sua scelta sancirà il destino delle Terre dell’Esilio. Altrove, i focolai di resistenza crescono e la regina Edana trova alleati nelle paludi dell’Ardan. La vita di Corban, infine, è travolta dalla guerra: ha sofferto, ha perso i suoi cari, ha rischiato di essere inghiottito dalle tenebre. Ora ha deciso di fronteggiare il male e la sua missione sarà raggiungere la leggendaria fortezza di Drassil, nascosta nel cuore della Foresta di Forn, dov’è custodita la lancia di Skald, e dove la profezia annuncia che l’Astro Splendente si opporrà al Sole Nero.
Dopo Malice, vincitore del David Gemmell Morningstar per il miglior debutto fantasy, e Valour, arriva il terzo volume di una serie grandiosa.

Ross Poldark

Cornovaglia, 1783. Ross Poldark, figlio di un piccolo possidente morto da poco, torna a casa, esausto e provato, dopo aver combattuto per l’esercito inglese nella Rivoluzione americana. Ora è un uomo maturo, non più l’avventato ed estroverso ragazzo che aveva dovuto abbandonare l’Inghilterra per problemi con la legge. Desidera soltanto lasciarsi il passato alle spalle e riabbracciare la sua promessa sposa, la bella Elizabeth. La sera stessa del suo arrivo, però, scopre che, anche a causa di voci che lo davano per morto, la donna sta per convolare a nozze con un altro uomo. Non solo: Nampara, la casa avita, si trova in uno stato di abbandono, cui ha contribuito anche una coppia di vecchi servi, fedeli ma ubriaconi. Devastato dalla perdita del suo grande amore, Ross decide di rimettere in sesto Nampara e di concentrarsi sugli affari che il padre ha lasciato andare a rotoli, tornando a coltivare le terre e lanciandosi nell’apertura di una nuova miniera. Viene aiutato dall’affezionata cugina Verity, dai due servi e da Demelza, una rozza ma vivace ragazzina che ha salvato da un pestaggio e che, impietosito, ha preso a lavorare con sé come sguattera. Nella terra ventosa di Cornovaglia – aspra quanto la vita dei suoi minatori, percorsa dai fremiti di nuove sette religiose e afflitta da contrasti sociali – si intrecciano i destini dei membri della famiglia Poldark, primo fra tutti il forte e affascinante Ross, ma anche della gentile Verity, di Elizabeth, tormentata da segrete preoccupazioni, e di Demelza che, diventata una bellissima donna, è determinata a conquistare il cuore dell’uomo che le ha cambiato la vita.

Robot 19

Un enigma biologico … è al centro di **LA QUINTA TESTA DI CERBERO** ( *The Fifth Head of Cerberus* ), il bellissimo romanzo breve con cui Gene Wolfe si classificò secondo al premio Nebula nel 1972. Su un lontano pianeta, in un futuro dai contorni quasi favolosi , un ragazzo scopre poco per volta il senso della propria maturità; e si accorge che è possibile superare l’unicità dell’essere umano, infrangendo in modo terribile le leggi della natura.
Morena Medri, giovanissima autrice italiana, ha vinto la prima edizione del concorso indetto da ROBOT con **IN MORTE DI AINA** : un racconto forte, duro, in cui la tragedia di una donna aliena si tramuta gradualmente in un atto d’accusa a tutta la nostra società.
**UN FIGLIO PIOVUTO DAL CIELO** ( *Mother by Protest* ) è il classico che vi presentiamo questo mese. Richard Matheson, con la maestria che gli è consueta ci narra l’angoscia di una futura madre che ospita nei suo ventre una creatura enigmatica, incomprensibile, tesa alla conquista del pianeta su cui viviamo.

Robbers

Eddie e Roy Bob, due poco di buono, relitti umani alla deriva su una Cadillac bianca rubata, «marginali burini di frontiera, dritti da chissà che cazzo di periferie», si lasciano dietro una scia di sangue, senza motivo, senza intenzione. Rubano spiccioli e uccidono. Sono robbers, semplici ladri. Incontrano Della, e tutto cambia. Forse uno può salvarsi, insieme a lei. A un prezzo ancora piú terribile. Mentre Rule Hooks, uno strano Texas Ranger meditabondo, è sulle loro tracce, a volte incredibilmente vicino…
Uno stile che unisce, al loro meglio, l’asciuttezza e l’umorismo dei dialoghi di Elmore Leonard con il sapore speziato e visionario di James Crumley. Una ballata feroce e incalzante come *Natural Born Killers* , che diventa un affresco robusto e sorprendente della condizione umana. Uno sguardo sul Sud degli Stati Uniti scolpito a ritmo di blues, modellato sulle parole e i gesti di una folla di personaggi. Un paesaggio che varia dai 7-Eleven e dalle strade alle città petrolifere e industriali del Texas, ai bordi di paludi e boschi dove si nascondono, riottosi e selvaggi, i poveri bianchi, accanto agli alligatori. Un congegno narrativo che vi prende fin dalla prima scena, quando Eddie, per uno scatto d’orgoglio, spara al commesso immigrato che non vuole scontargli un centesimo di dollaro – e non vi lascia più.

Riti E Miti Della Seduzione

‟La seduzione opera ovunque, ha molteplici sembianze e nomi, non possiamo ridurla al fenomeno dell’attrazione erotica tra due esseri, ma dobbiamo conferirle un significato molto ampio, che racchiude ogni ricerca mossa da Eros: da quella dello scienziato nel suo laboratorio, alle esplorazioni dei viaggiatori verso nuove mete, al pellegrinaggio perpetuo dei monaci, agli amorosi lamenti degli antichi trovatori.Ovunque c’è Eros, c’è seduzione. Ma, come ci ricordano gli antichi, la seduzione non è un’attrazione armoniosa del simile per il simile, un movimento di avvicinamento che corona il sogno di un’unione perfetta, che acquieta i cuori e li sospinge l’uno verso l’altro beatamente. Essa è insidiosa, subdola, pericolosa, apre ferite, scardina gli equilibri, getta l’anima nelle tenebre.Meglio non essere toccati da lei, affermavano i tragici greci, perché non lascia indenni, al contrario, rovina, porta distruzione e perdita.” Di qui, l’esigenza di meglio comprendere i più segreti meccanismi che regolano questa ‟forza sottile e imperscrutabile che attrae gli esseri l’uno verso l’altro”. Aldo Carotenuto ci guida attraverso i molteplici misteri della seduzione, in un saggio che ne affronta con grande lucidità e chiarezza tutti gli aspetti – dalla seduzione amorosa a quella analitica – esplorando i miti, i riti, i luoghi in cui ogni atto di seduzione si compie, facendosi inevitabilmente deviare dai consueti percorsi. **
### Sinossi
‟La seduzione opera ovunque, ha molteplici sembianze e nomi, non possiamo ridurla al fenomeno dell’attrazione erotica tra due esseri, ma dobbiamo conferirle un significato molto ampio, che racchiude ogni ricerca mossa da Eros: da quella dello scienziato nel suo laboratorio, alle esplorazioni dei viaggiatori verso nuove mete, al pellegrinaggio perpetuo dei monaci, agli amorosi lamenti degli antichi trovatori.Ovunque c’è Eros, c’è seduzione. Ma, come ci ricordano gli antichi, la seduzione non è un’attrazione armoniosa del simile per il simile, un movimento di avvicinamento che corona il sogno di un’unione perfetta, che acquieta i cuori e li sospinge l’uno verso l’altro beatamente. Essa è insidiosa, subdola, pericolosa, apre ferite, scardina gli equilibri, getta l’anima nelle tenebre.Meglio non essere toccati da lei, affermavano i tragici greci, perché non lascia indenni, al contrario, rovina, porta distruzione e perdita.” Di qui, l’esigenza di meglio comprendere i più segreti meccanismi che regolano questa ‟forza sottile e imperscrutabile che attrae gli esseri l’uno verso l’altro”. Aldo Carotenuto ci guida attraverso i molteplici misteri della seduzione, in un saggio che ne affronta con grande lucidità e chiarezza tutti gli aspetti – dalla seduzione amorosa a quella analitica – esplorando i miti, i riti, i luoghi in cui ogni atto di seduzione si compie, facendosi inevitabilmente deviare dai consueti percorsi.