161–176 di 72802 risultati

Prodotto

1785. Nel cuore profondo di Parigi, l’antico cimitero degli Innocenti è ormai fatiscente, al punto da creare problemi di salute pubblica, soprattutto per chi vive nelle sue vicinanze. Per questo il re decide di affidare al giovane ingegnere Jean-Baptiste Baratte il compito, davvero immane, di demolirlo. Sulle prime, Baratte vede in questo lavoro una splendida opportunità per spazzar via il fardello del passato e aprire le porte al futuro: un compito adatto a un uomo moderno come lui, un illuminato dalla Ragione. Ma si tratta di scendere nelle viscere della città, tra i suoi figli più umili; si tratta di avvicinarsi a un’umanità che di solito sta nell’ombra: organisti, preti pazzi, locandieri, minatori del nord, prostitute. Una dura scuola di vita per un ingegnere alle prime armi, ignaro dei costumi del popolo e delle sue superstizioni e leggende. Ma una ragazzina gli farà da guida, e una giovane donna gli farà scoprire, accanto al regno della distruzione, quanto si possa essere sensibili, in ogni situazione, al richiamo dell’amore. Un viaggio nella Storia, negli inferi, nell’avventura, nell’amore: il ritorno dell’acclamato autore di Il talento del dolore.

Prodotto

È un uomo duro il commissario Ewert Grens della polizia di Stoccolma, di ogni cosa fa sempre una questione personale. Come quando trova in coda per le denunce un uomo con un orecchio che sanguina e una pupilla più grande dell’altra. Sembra una faccenda di routine: la solita rissa fra ubriachi sul traghetto che fa la spola tra Svezia e Finlandia, e chi rimane a terra viene a sporgere denuncia in centrale. Ma per Grens diventa subito qualcosa di più: quello sguardo, il sangue dall’orecchio; come la sua Anni, che da venticinque anni vegeta in un ospedale da cui non uscirà mai. Per il commissario, e per i suoi collaboratori Sven Sundkvist e Mariana Hermansson, è l’inizio di un’indagine più complessa e delicata del solito. Perché l’aggressore, tale John Schwarz, in realtà non esiste, o meglio le sue impronte digitali corrispondono a quelle di un cittadino americano di nome John Meyer Frey, deceduto nel braccio della morte dell’Ohio per una grave patologia cardiaca mentre attendeva l’esecuzione. Frey, accusato del brutale omicidio della fidanzata, si era sempre proclamato innocente ma, né le prove indiziarie né la minore età, lo avevano salvato dalla condanna capitale. Possono essere la stessa persona? John Meyer Frey è, o è stato, davvero un assassino? Mentre Grens ricompone i frammenti di una storia incredibile, gli Stati Uniti, e con loro il padre della ragazza uccisa, reclamano quel prigioniero che rischia di trasformarsi in un micidiale sberleffo per il loro sistema penale.

Prodotto

Jackie Burke arrotonda lo stipendio da hostess lavorando per Robbie Ordell, un trafficante d’armi con manie di grandezza. Fra la gente di Ordell, l’unica davvero in gamba è proprio lei, che facendo la spola tra Palm Beach e le località turistiche riesce a trasportare in cabina qualsiasi cosa. Ma sulle tracce di Ordell ci sono un bel po’ di persone, federali compresi. E Jackie dovrà ricorrere a tutta la sua abilità e a tutto il suo fascino per cavarsela. E magari per salvare anche i soldi del boss.
* * *
«Guardarono Jackie Burke scendere dall’aeronavetta dalle Bahamas nella sua uniforme marrone della Islands Air, poi la guardarono oltrepassare la dogana e il controllo immigrazione senza aprire il bagaglio, una valigia marrone di nylon che si tirava dietro su quattro rotelle, il tipo di bagaglio che usavano le assistenti di volo… La tennero d’occhio da un ufficio dietro una parete di vetro in quell’ala remota del terminal. Ray Nicolet fece dei commenti sulle gambe di Jackie Burke, sul suo bel culo fasciato dalla gonna marrone. Faron Tyler disse che non sembrava proprio che avesse quarantaquattro anni, almeno non da quella distanza…» **
### Sinossi
Jackie Burke arrotonda lo stipendio da hostess lavorando per Robbie Ordell, un trafficante d’armi con manie di grandezza. Fra la gente di Ordell, l’unica davvero in gamba è proprio lei, che facendo la spola tra Palm Beach e le località turistiche riesce a trasportare in cabina qualsiasi cosa. Ma sulle tracce di Ordell ci sono un bel po’ di persone, federali compresi. E Jackie dovrà ricorrere a tutta la sua abilità e a tutto il suo fascino per cavarsela. E magari per salvare anche i soldi del boss.
* * *
«Guardarono Jackie Burke scendere dall’aeronavetta dalle Bahamas nella sua uniforme marrone della Islands Air, poi la guardarono oltrepassare la dogana e il controllo immigrazione senza aprire il bagaglio, una valigia marrone di nylon che si tirava dietro su quattro rotelle, il tipo di bagaglio che usavano le assistenti di volo… La tennero d’occhio da un ufficio dietro una parete di vetro in quell’ala remota del terminal. Ray Nicolet fece dei commenti sulle gambe di Jackie Burke, sul suo bel culo fasciato dalla gonna marrone. Faron Tyler disse che non sembrava proprio che avesse quarantaquattro anni, almeno non da quella distanza…»

Prodotto

È una limpida mattina del 1484 e Joan Serra sta giocando a indovinare le forme delle nuvole che macchiano il cielo. Più in basso, una sagoma ben più minacciosa solca il limpido mare della cala di Llafranc: una galea corsara sta per assaltare il piccolo borgo di pescatori in cui Joan è nato, dodici anni prima. Suo padre, Ramon, muore difendendo la famiglia dagli assalitori, ma non riesce a impedire il rapimento della moglie e della figlia. Le sue ultime parole sono indirizzate a Joan: “Promettimi che sarai libero…” Straziato dal dolore e dalla rabbia, il ragazzo è costretto a cercare fortuna a Barcellona, dove trova lavoro in una nota bottega di amanuensi e rilegatori, ignaro delle insidie nascoste tra le eleganti lettere che tanto lo affascinano. Un fascino insidioso pari a quello delle strade variopinte e chiassose della città, dove Joan conosce Anna, figlia di un orafo ebreo, e se ne innamora perdutamente. Un amore che equivale a una condanna in un mondo in cui le barriere sociali ed economiche sembrano invalicabili e dove la morsa del Santo Offizio si stringe, sempre più feroce, attorno ai pochi, profondissimi affetti che Joan si è conquistato, mettendo a rischio la sua stessa vita e la promessa che si è impegnato a onorare…

Prodotto

Il ritrovamento di un cadavere che riapre un caso del passato
Una detective che non riesce a fare i conti con il proprio presente
Un’indagine enigmatica e pericolosa che potrebbe segnare il suo futuro
Perché il male tornerà a colpire prima della fine…
25 anni fa. Le mani legate, gli occhi bendati, nell’aria l’odore intenso del cloroformio. Non appena riprende i sensi nel retro di un furgone, il piccolo John Cameron capisce subito di essere stato rapito insieme con i suoi due amici. Poi anche James Sinclair rinviene, mentre David Quinn rimane immobile. Non si sveglierà più…
Seattle, oggi. Nel bosco che costeggia le sponde dell’Hoh River, la polizia individua i resti di un bambino. Prima ancora di ricevere la conferma, il detective Alice Madison sa già che si tratta di David Quinn. Ciò che non può immaginare, invece, è che David non è morto per una crisi cardiaca, com’era stato ipotizzato all’epoca in base alle testimonianze. David è stato ucciso. Da quel momento, per Madison trovare il suo assassino diventa un’ossessione. Come se rendere giustizia a quel ragazzino potesse placare i demoni del suo passato e spazzare via l’oscurità che minaccia d’inghiottire tutto ciò che ha costruito nel corso di una vita. Tuttavia, più avanza nelle indagini, più Madison si rende conto che l’unico modo per scoprire la verità è varcare il confine che separa il bene dal male, le vittime dai carnefici. Anche a costo di perdersi nel buio della vendetta…

Prodotto

È l’autobiografia della Buber Neumann relativa agli anni 1937-1945 e racconta della sua esperienza nei campi di “rieducazione” sovietici e nel lager tedesco di Ravensbruck. Il libro prende le mosse dall’improvviso arresto a Mosca del marito Heinz, dirigente comunista, e dai mesi che l’autrice conduce prima di essere a sua volta arrestata e condannata a cinque anni di lavori forzati nel campo di Karaganda. La parte più drammatica del libro riguarda però i cinque anni trascorsi a Ravensbruck, dove fu rinchiusa dopo che l’Unione Sovietica la cedette alla Gestapo. Nella sezione dedicata a Ravensbruck ha gran parte la storia dell’amicizia con Milena Jesenka, la giornalista ceca amica di Kafka. La parte finale è dedicata al ritorno dopo la liberazione dal lager.

Prodotto

«Non ti stai perdendo niente, la vita vera non è adesso. La vita è dopo». Queste sono le parole che Bruno Guida si ripete tutti i giorni, come un mantra, mentre frequenta l’ultimo anno di liceo a Caserta e cerca di sottrarsi con ogni mezzo a un mondo che lo reclama.Odia senza requie il suo paese, Villa Literno; guarda con superbia alla provincia e ai cafoni che la abitano, ma anche ai vezzi e ai manierismi dei compagni di scuola arricchiti; soprattutto, non è disposto a seguire e assecondare gli sforzi ossessivi di suo padre, che da quando il fratello gemello, il mitico zio Piero, è scomparso senza lasciare traccia, si è convinto di avere di fronte un caso di «lupara bianca», una vittima della camorra, e si è spinto fino a istituire un’associazione per la legalità, a lui dedicata.Per Bruno il sarcasmo e l’isolamento sono l’unica arma di difesa possibile: mostrarsi presuntuoso, per evitare che altri presumano di poterlo ingabbiare e decidere della sua vita; sfidare tutto e tutti per mantenere vivo il sogno di essere «destinato a ben altro». E quando il mondo attorno a lui, a cominciare dalla sua famiglia, si sfalda, è forte la tentazione di vedere nella catastrofe una via di salvezza.Romanzo di formazione quasi classico, ambientato tra Caserta, il litorale Domizio e la Terra dei Fuochi, Presunzione racconta luoghi ben noti da una prospettiva nuova e tutta interna, incentrata su un ribelle senza ideologie precostituite, il cui unico, semplice desiderio, è di poter cominciare a vivere. **
### Sinossi
«Non ti stai perdendo niente, la vita vera non è adesso. La vita è dopo». Queste sono le parole che Bruno Guida si ripete tutti i giorni, come un mantra, mentre frequenta l’ultimo anno di liceo a Caserta e cerca di sottrarsi con ogni mezzo a un mondo che lo reclama.Odia senza requie il suo paese, Villa Literno; guarda con superbia alla provincia e ai cafoni che la abitano, ma anche ai vezzi e ai manierismi dei compagni di scuola arricchiti; soprattutto, non è disposto a seguire e assecondare gli sforzi ossessivi di suo padre, che da quando il fratello gemello, il mitico zio Piero, è scomparso senza lasciare traccia, si è convinto di avere di fronte un caso di «lupara bianca», una vittima della camorra, e si è spinto fino a istituire un’associazione per la legalità, a lui dedicata.Per Bruno il sarcasmo e l’isolamento sono l’unica arma di difesa possibile: mostrarsi presuntuoso, per evitare che altri presumano di poterlo ingabbiare e decidere della sua vita; sfidare tutto e tutti per mantenere vivo il sogno di essere «destinato a ben altro». E quando il mondo attorno a lui, a cominciare dalla sua famiglia, si sfalda, è forte la tentazione di vedere nella catastrofe una via di salvezza.Romanzo di formazione quasi classico, ambientato tra Caserta, il litorale Domizio e la Terra dei Fuochi, Presunzione racconta luoghi ben noti da una prospettiva nuova e tutta interna, incentrata su un ribelle senza ideologie precostituite, il cui unico, semplice desiderio, è di poter cominciare a vivere.

Prodotto

Il noto comico televisivo racconta in questo libro frammenti della sua vita e della sua carriera, conditi da un pizzico di follia e dai suoi noti tormentoni. Ci sono incontri, aneddoti, personaggi così incredibili da sembrare inventati e soprattutto squarci sul mondo della televisione: "le vacanze di Emilio Fede e Mike Bongiorno, il sesso della Parietti e il reggiseno della Marini, le apparizioni del Berlusca, i fatti e i misfatti di Drive In e di Striscia la notizia…".

Prodotto

Due giorni prima che Darren McGarvey consegni al suo editore il libro che avete tra le mani, a Londra va in fiamme la Grenfell House, un palazzone di edilizia popolare costruito negli anni Settanta tra i ricchi quartieri di Chelsea e Kensington. L’incendio uccide 72 persone (compresa una coppia di ragazzi italiani, Marco Gottardi e Gloria Trevisan), campeggia per giorni sulle prime pagine dei quotidiani di tutto il mondo ed è da questo evento tragicamente simbolico che McGarvey parte per raccontare cosa significhi crescere ai margini della società e sentirsene tagliati fuori. Cresciuto a Pollok, un sobborgo di Glasgow, abbandonato ancora bambino da una madre alcolista, McGarvey ha respirato fin da subito la rabbia di chi vive sentendosi invisibile, patologicamente diffidente nei confronti delle autorità. Di chi è vittima della diseguaglianza sociale e non ha alcuna fiducia nella partecipazione al processo democratico, né comprende le logiche di chi fa politica senza collegamento con la società reale, a destra come a sinistra, e neppure crede nella possibilità di un riscatto. Poverty Safari è un libro potente e attuale, un viaggio crudo, sincero, doloroso e appassionante nei sobborghi di Glasgow, così tristemente uguali a quelli di qualsiasi metropoli contemporanea.

Prodotto

La storia personale di Antonio Di Pietro e quella dell’Italia dagli ultimi giorni della Prima Repubblica a oggi si intrecciano fino a coincidere. Da protagonista di questa transizione epocale, Di Pietro ha incarnato agli occhi di molti lo spirito della legalità, il contrasto irriducibile a ogni forma di pratica clientelare e di sistema corruttivo. La sua è una testimonianza fondamentale per ricostruire la storia vera – e per larghi tratti occulta – del nostro Paese. In questo libro, Di Pietro ci racconta i protagonisti della Prima e della Seconda Repubblica in quattordici ritratti monografici: da Craxi a Berlusconi, da Prodi a Bossi, da Veltroni a Fini, da Vendola a Casini a Monti. Il suo è un punto di vista prezioso per scoprire i retroscena di snodi storici fondamentali: dagli interrogatori a Craxi e a Forlani, dalla scoperta delle contiguità tra il leader socialista e Berlusconi, fino agli anni recenti dei governi Berlusconi e Prodi e ai recentissimi eventi del governo Monti. Tra i ritratti di questa galleria politica si snoda il filo rosso che lega il nostro passato al futuro. Una ricostruzione onesta fino all’irriverenza scritta da un magistrato che non ha mai smesso d’investigare.

Prodotto

Le raccolte scelte per questa antologia sono successive al 1906, anno fondamentale nella vita, nella poetica e nell’opera di Rilke; un panorama suggestivo dell’opera di uno dei maggiori poeti tedeschi del Novecento dove l’idea di solitudine si combina con misticismo, gioco, artificio e sensualità.

Prodotto

Plight [plahyt]
Sostantivo: una situazione difficile, o spiacevole.
Verbo: impegno o promessa solenne. Fidanzamento ufficiale prima del matrimonio.
Mi sono promessa a un uomo. Beh, tecnicamente a un ragazzo. Avevamo otto anni ed eravamo vicini di casa. Mi ha regalato un Cheezel, me lo ha infilato al dito e mi ha chiesto di sposarlo.
Quel Cheezel me lo sono mangiato.
Ho anche risposto di sì, ma che avremmo dovuto aspettare finché non avessimo avuto trent’anni.
La scorsa settimana ne ho compiuti trenta e adesso lui vuole riscuotere quella promessa.
A parte gli scherzi, Elliot Parker è matto se pensa che, di punto in bianco, con un messaggio privato su Facebook, possa stipulare il diritto vincolante di un accordo contrattuale verbale, che suggellerà il nostro fidanzamento del cazzo, di ventidue anni fa.
Matto.
Però, chissà se è davvero come nella foto del profilo?
**
### Sinossi
Plight [plahyt]
Sostantivo: una situazione difficile, o spiacevole.
Verbo: impegno o promessa solenne. Fidanzamento ufficiale prima del matrimonio.
Mi sono promessa a un uomo. Beh, tecnicamente a un ragazzo. Avevamo otto anni ed eravamo vicini di casa. Mi ha regalato un Cheezel, me lo ha infilato al dito e mi ha chiesto di sposarlo.
Quel Cheezel me lo sono mangiato.
Ho anche risposto di sì, ma che avremmo dovuto aspettare finché non avessimo avuto trent’anni.
La scorsa settimana ne ho compiuti trenta e adesso lui vuole riscuotere quella promessa.
A parte gli scherzi, Elliot Parker è matto se pensa che, di punto in bianco, con un messaggio privato su Facebook, possa stipulare il diritto vincolante di un accordo contrattuale verbale, che suggellerà il nostro fidanzamento del cazzo, di ventidue anni fa.
Matto.
Però, chissà se è davvero come nella foto del profilo?

Prodotto

Quando la rivede sa che è finalmente arrivato il momento della vendetta. La rapirà, la sedurrà fino a farla implorare per avere ancora una notte di estasi e poi la rispedirà all'uomo al quale è promessa. E' questo il piano dell'affascinante Guy, ormai conosciuto in tutti i caraibi come hunter il pirata. Il motivo della sua ferocia è proprio lei, la bellissima Bliss, la fanciulla che anni prima aveva sposato in gran segreto. Ma quello era stato un sogno: lei era la ricca ereditiera e lui il capostalliere. Così, quando il padre di bliss aveva scoperto il loro matrimonio, aveva fatto imprigionare Guy, pagando un sicario per ucciderlo. Lui era fuggito e aveva scelto di abbandonare l'inghilterra per navigare i sette mari in cerca di fortuna. E infatti Bliss, ora che ha davanti quel misterioso pirata, non lo riconosce. Ne è solo incredibilmente attratta: quando le mani di lui la sfiorano, quando quella bocca virile si impossessa della sua, sa di non poter resistere e risponde con lo stesso ardore. E sulla lussureggiante isola tropicale dove Guy la conduce, Bliss cede abbandonandosi al desiderio notte dopo notte, senza più freni né inibizioni. Ma l'uomo al quale è promessa è disposto a tutto per riaverla e trama nell'ombra…

Prodotto

Silvia fa parte di quella generazione in cerca di una ragione per resistere, quando nessuno ha più voglia di farlo. Dopo aver mollato l’Italia e un lavoro che la mortificava, si ritrova spaesata tra i boulevard di Parigi, inseguendo la speranza di una nuova vita. Trova un impiego al bar “La commedia”, gestito da una coppia di italiani: Marco e Cinzia. Lui sempre sorridente e tenace, lei caotica ma gentile. Silvia scopre in loro un motivo per andare avanti, in una città che non è la sua, ma anche un motivo per lottare e, in fondo, illudersi. Perché Marco e Cinzia non sono chi vogliono apparire e il bar non è quello che sembra, così come tutti gli avventori del locale nascondono un’altra identità, forse anarchica, forse cospiratoria. Di questo si convince Silvia, nella cieca speranza che gli anni di piombo non siano mai finiti, che sia possibile ancora oggi ribellarsie distruggere il sistema. **

Prodotto

2 romanzi in 1
LA ROSA ROSSA – Emma Richmond
Il miliardario Garde Chevenay ha appena acquistato un’antica abbazia. Anche una notizia all’apparenza così insignificante fa scalpore quando c’è di mezzo una personalità della sua fama, e per la rossa Sorrel è una specie di segno del destino. Lei è un architetto di giardini, alla ricerca di un lavoro da quando un cliente, per vendicarsi di essere stato respinto, le ha rovinato la reputazione accusandola di furto. Così, preso il coraggio a due mani, Sorrel va da Garde per offrirsi di sistemare il parco della sua nuova proprietà.
IL GIOIELLO PIÙ PREZIOSO – Emma Darcy
Non è solo una questione di bellezza estetica o di fiuto per gli affari. Jared King, ricchissimo magnate del mondo dorato dei gioielli, ha visto nella collana che la sua segretaria indossa qualcosa di davvero unico. Così va a cercare l’artista che l’ha forgiata al mercatino dove vende le sue creazioni e scopre che anche Christabel Valdez è unica. Affascinato, Jared le offre un contratto come disegnatrice per la sua azienda e lei accetta ma ad una condizione: deve essere libera di scomparire senza preavviso.