1–16 di 1319 risultati

Senso comune

Dilemmi di bioetica e labirinti clinico legali per la squadra surreale di Primo Casedei alle prese, in questa nuova avventura, con i misteri di un uomo potentissimo, detto il Presidente. È l’Italia di oggi che va in scena, mentre l’involontario investigatore assiste allo svelarsi di cause e moventi, fino al nucleo occulto di un potere immenso che sgomenta eppure s’è già incistato nel senso comune della vita pubblica.

Cronaca sentimentale in rosso

Olvido Montal ha trovato casa a San Salvator, a Barcellona. Una casa con un cuore, come dice lei, con le pareti ocra e un piccolo cortile che si affaccia sulla sabbia della spiaggia e sui rumori del mare.
Qualche volta Olvido si azzarda a esibire il seno nudo su quella spiaggia di famiglie dove anche gli ombelichi hanno il certificato matrimoniale. Lo fa con naturalezza, portando a spasso sulla riva la sua alta statura, le sue gambe lunghe dalle cosce possenti, sode e dure.
Tra i piú esperti nell’osservazione di quelle grazie, c’è il vecchio poliziotto Méndez. Esiliato dal suo quartier generale in calle Nueva, espulso dal Quinto distretto di Barcellona, Méndez è stato assegnato alla sorveglianza dei lidi. Un lavoro da pensionati, qualche controllo di borseggiatori e piccoli spacciatori, qualche ispezione di alberghi e bar alla ricerca di scontate irregolarità.
Per fortuna Méndez lo nobilita trascorrendo il suo tempo al bar Can 60, un locale che conserva meravigliosamente l’aria di un rifugio di pescatori dediti a contemplare la vita che passa, con le sue pareti tirate a calce, le sedie decrepite, le brocche abituate a infiniti travasi di vini e accostamenti di sgombri, sardine e arselle.
In quel rifugio, perfetto per chiunque voglia avere l’eleganza di scegliere la propria morte nell’indifferenza piú assoluta del mondo, Méndez contempla la bella Olvido Montal.
Nell’istante in cui ha saputo che la donna è un giudice, Méndez è rimasto per un po’ deluso, poi ha trascorso i successivi dieci minuti a pensare come sarebbe stato stupendo averla con addosso la toga.
Quando è riuscito ad andare oltre queste delicatezze dello spirito, si è recato a porgerle i suoi rispetti, dato che è abbastanza spagnolo da credere nella virtú del corteggiamento. Strana casa quella del giudice. Porte nobili, ceramiche con marine, conchiglie, cofanetti di madreperla, specchi incorniciati di schiuma e, su uno di quei tavoli di pescatori fatti per accogliere caraffe e carte da gioco, un seno tagliato di netto, un morbido seno appena nato alla vita del sesso e dell’amore. Sì, avete capito bene, proprio il seno di una ragazza.
Quando il mare ha restituito il cadavere di una giovane donna senza, appunto, un seno, l’inchiesta si è fatta maledettamente scottante per Méndez.
Con il suo stile avvincente, Francisco González Ledesma ci offre un romanzo ricco di suspense, una storia sociale che affonda le sue radici nell’atmosfera di Barcellona, negli uffici dei suoi avvocati, nelle redazioni dei suoi quotidiani, nelle ville di chi ha davanti a sé un futuro – sotto forma di conto in banca – e nelle catapecchie di chi invece ha solo un passato – sotto forma di dossier della polizia.

La sparizione: I casi di Elia Contini

«Tra suspense e ironia la conferma di un grande talento.» Marco Vichi «È nato un nuovo, autentico narratore del giallo italiano. Ma è svizzero, e si chiama Andrea Fazioli.» Gianni Biondillo Natalia ha diciassette anni, studia al liceo, è una ragazza graziosa, con una vita normale. Ma il dolore bussa alla sua porta: il padre, un medico di Lugano, muore d’infarto e lei, per affrontare il lutto, si rifugia con la madre nella loro casa di Corvesco, tra le montagne del Canton Ticino. E lì un delitto sconvolge il suo già difficile equilibrio. Natalia, di colpo, smette di parlare. I suoi ricordi sono confusi, forse ha visto qualcosa, ma non riesce a esprimersi: lo shock le ha chiuso la bocca. Suo padre ha lasciato in giro delle carte che nascondono un mistero inquietante, e nel paese cresce la tensione. Natalia ha paura, non sa più di chi fidarsi, fugge. Ma poi fa uno strano incontro. Il caso vuole che a Corvesco abiti anche Elia Contini, il protagonista dei precedenti romanzi di Andrea Fazioli. Il fatto che abbia smesso di fare il poliziotto privato e si arrabatti in un giornale di provincia non toglie nulla alla sua curiosità e alla sua vocazione a tuffarsi nei guai. Così, suo malgrado, Contini si trova alle prese con un nuovo enigma: cosa faceva Natalia nel bosco, da chi si sentiva minacciata? Attorno all’ex detective e alla ragazza che tace si muovono personaggi soltanto in apparenza irreprensibili: poliziotti, medici, avvocati. È nella geografia circoscritta del Canton Ticino che si succedono i colpi di scena di una storia il cui sottile filo d’ironia non cancella i risvolti drammatici. E dove il silenzio della paura diventa la paura del silenzio.

Il segreto del mio migliore amico

**Vera, la nerd ironica di *Gemelle* , si trova a dover svelare un nuovo mistero. E anche stavolta in palio c’è la vita di una persona che ama.**
Vera non riesce proprio a stare lontana dai guai. Sua sorella gemella Celeste è in Giappone e lei è da sola a fronteggiare il misterioso cambiamento del suo miglior amico Orfeo, conosciuto all’Università, verso il quale si sente legata da un forte, ambiguo sentimento, nonostante sia fidanzata con Massimo. Orfeo, la media più alta dell’intera facoltà, il carisma naturale e lo sguardo nero pece, ha recentemente perso il fratello, ma questo non spiega gli strani accadimenti in cui sembra essere coinvolto… Un giorno Vera intercetta sul suo cellulare il messaggio di una misteriosa app: *Il significato nascosto della vita*. Di che si tratta? **
### Sinossi
**Vera, la nerd ironica di *Gemelle* , si trova a dover svelare un nuovo mistero. E anche stavolta in palio c’è la vita di una persona che ama.**
Vera non riesce proprio a stare lontana dai guai. Sua sorella gemella Celeste è in Giappone e lei è da sola a fronteggiare il misterioso cambiamento del suo miglior amico Orfeo, conosciuto all’Università, verso il quale si sente legata da un forte, ambiguo sentimento, nonostante sia fidanzata con Massimo. Orfeo, la media più alta dell’intera facoltà, il carisma naturale e lo sguardo nero pece, ha recentemente perso il fratello, ma questo non spiega gli strani accadimenti in cui sembra essere coinvolto… Un giorno Vera intercetta sul suo cellulare il messaggio di una misteriosa app: *Il significato nascosto della vita*. Di che si tratta?

Pesca con la mosca: I casi di Petri e Miceli

Tavernole sul Mella, Val di Ledro, Brescia: i vertici di un macabro triangolo all’interno del quale si consuma una catena di omicidi sconcertanti, il cui solo comun denominatore pare essere l’abito talare indossato ora dai sospettati ora dalle vittime. E l’ex giudice Petri questa volta sembra finirci in mezzo proprio per caso, quando, in un tiepido pomeriggio di fine estate, durante una battuta di pesca con la mosca, s’imbatte in un macabro spettacolo: il cadavere di una giovane donna che galleggia pigramente in un’ansa del torrente nel quale sta pescando. È l’inizio di una trama sempre più intricata, in cui gli omicidi si susseguono a ritmo inquietante; in cui la soluzione un momento appare a portata di mano e subito dopo è ambigua e fuorviante; in cui le acque si confondono in continuazione e assassini e vittime paiono scambiarsi le parti in un gioco perverso. Un’indagine molto scomoda per Petri e Miceli, che, tuttavia, come sempre, non scenderanno a compromessi in nome della giustizia.

Milano Misteriosa. il Quadro Perduto Di Leonardo

Una storia che affonda le sue radici nel XVI secolo, quando Milano era popolata da artisti geniali e unici come il grande Leonardo da Vinci e il leonardesco Bernardino Luini.Un quadro perduto, attribuito a Bernardino Luini, e un manoscritto ritrovato, vergato dal grande Leonardo da Vinci in persona. Una vecchia storia che gravita intorno a un prestigioso museo sepolta da decenni. Forse una leggenda metropolitana popolata da fantasmi, segreti e misteri come ne serpeggiano tante nella città di Milano.Fa freddo e mancano poche settimane a Natale quando Beatrice, una giovane restauratrice, si ritrova a inseguire una verità scomoda, scontrandosi con un mondo, quello della Milano altolocata e aristocratica, che cerca in tutti i modi di impedirle di venire a capo di un mistero insabbiato da ormai trent’anni. Guglielmo è un uomo ricco, affascinante e misantropo che appartiene a quella Milano e che nasconde molti segreti. Un uomo che potrebbe essere la chiave per risolvere il mistero ma che sembra intenzionato a lasciare sepolta quella vecchia faccenda legata alla sua prestigiosa e antica famiglia. Tra prime alla Scala, cene di gala e aperitivi a base di Margarita Blue e Gimlet, la ricerca di una donna ostinata e assetata di verità si alterna alla vita quotidiana della metropoli, che scorre nella sua normalità. Mentre il popolo dei milanesi attende le feste e consuma le sue giornate lavorando alacremente, vite comuni scorrono tra lo sferragliare dei tram, lo smog, i drammi e le piccole felicità quotidiane. E la città di Milano assiste a tutta la vicenda nella sua fredda superiorità, partendo dall’alto della Madonnina sopra il Duomo, fino all’affollata Galleria Vittorio Emanuele, con i suoi ristoranti a cinque stelle e i suoi negozi prestigiosi. Emozioni e sentimenti di gente comune e meno comune si muovono in una città tra il 1500 e i giorni nostri, raccontando anche la storia di Milano e dei grandi uomini che l’hanno fatta diventare quello che è oggi.I libri di C.S.D. Martini Rossi sono disponibili su Amazon in versione cartacea ed ebook (anche in lettura gratuita con abbonamento KindleUnlimited)

Via Monroe 66

Alice Comini è una ricercatrice universitaria che, dopo aver perso il suo posto in un Istituto fiorentino di Storia dell’Arte, è costretta a fare ritorno a Milano. Viene ospitata da una sua amica, Ebe, una modella bellissima e superba.Alice incontra così il ragazzo di lei, Fabio, e nasce subito qualcosa di speciale tra i due; tuttavia lei fa di tutto per non cadere in tentazione, temendo di mancare di rispetto all’amica.Quando finalmente la passione supera i sensi di colpa, un evento imprevisto entra nelle vite di Alice e Fabio, sconvolgendole. Ebe viene misteriosamente ferita da un colpo di arma da fuoco proprio davanti al pianerottolo di casa sua.Alice decide quindi di muoversi come una detective, per dare senso a un giallo intricatissimo.

Il tè è sempre una soluzione: Un caso per Precious Ramotswe, la detective n° 1 del Botswana

«Il suo stile ha il pregio di essere chiaro, elegante e preciso. Le sue descrizioni trasportano il lettore nel bel mezzo del paesaggio del Botswana. Questa è arte che nasconde l’arte.» The Sunday Times«Mma Ramotswe: la Miss Marple africana.»The New York Times«La serie di Mma Ramotswe si è trasformata in un ricco arazzo dalle sfumature straordinarie.» The Wall Street Journal«Piccole storie, grande atmosfera… I romanzi della signora Ramotswe hanno conquistato le classifiche americane ed europee.» L’EspressoNel suo ufficio di Gaborone, Precious Ramotswe, titolare della Ladies’ Detective Agency N.1, sorseggia una tazza di confortante tè rosso e riflette sulla bellezza del proprio paese, il Botswana. È una mattina perfetta per lasciar vagare la mente, in attesa di clienti. La signora Ramotswe pensa anche al suo fidanzato, quel JLB Matekoni, abilissimo meccanico, con il quale si è impegnata a crescere due piccoli orfani. Brav’uomo il signor Matekoni, se non fosse per la sua titubanza a fissare la data delle nozze. Va da sé che la pace, nella nebbia azzurrina del caldo africano, dura poco. Puntuale come un orologio, bussa alla porta dell’agenzia la proprietaria di alcuni saloni di bellezza: compiuti i quarant’anni si è decisa a trovare marito, ma, vista la sua posizione, vuole avere la certezza che i pretendenti non siano avidi arrampicatori. Guai in vista, invece, per il pacioso Matekoni. L’irriducibile direttrice dell’orfanotrofio pretende da lui, allo scopo di raccogliere fondi, niente meno che un salto con il paracadute! Come se non bastasse, i suoi due giovani apprendisti gli dannano l’anima, e il proprietario di un’officina rivale si dimostra disonesto… Alexander McCall Smith dà vita a una nuova effervescente avventura della sua provvida detective, senza farle mancare la consueta dose di ironia e una sapienza tutta speciale.«Uno scrittore meraviglioso, da leggere assolutamente.»The Guardian«Un indiscusso maestro del romanzo.» Publishers Weekly

Sopravvivenza zero

Questa volta il detective Mike Hammer non deve cercare una persona scomparsa, sconfiggere un gangster, rivaleggiare con la polizia: oggi è in pericolo l’intera città di New York. Alcune spie sovietiche (siamo ancora in piena guerra fredda) hanno nascosto nei punti chiave della città dei contenitori pieni di un virus letale. Ma i russi, dopo aver piazzato le loro trappole mortali, hanno cambiato idea. Tocca a Mike Hammer salvare la città.

Lo sguardo della farfalla

La vita è piuttosto eccitante per Demi, Duccio e Matteo, librai di un paese di montagna del Piemonte. Ma lo diventa ancor di più quando ricevono l’incarico di valutare un’immensa biblioteca ereditata in modo alquanto misterioso da un professore universitario. A procurar loro un’avventura degna di un romanzo gotico – la villa sembrerebbe infestata da un fantasma – sono i misteri che affiorano durante il lavoro: la scomparsa di un libro dal titolo ambiguo, le indagini di una giornalista d’assalto, la curiosità sospetta di una imprevedibile cliente. In una caccia al tesoro che si consuma tra le pagine di libri antichi e fra le cronache del presente e del passato, Mario Baudino intreccia una trama piena di colpi di scena dove i tre improbabili investigatori verranno a capo di un lontano segreto legato agli anni di piombo. Ma come spesso accade, i segreti possono essere un po’ beffardi…

I semi del male: I cattivi lo fanno, i buoni lo sognano

Una scuola che crolla perché il costruttore ha messo la sabbia nel cemento. Un uomo che entra in un cinema e spara all’impazzata. Una ragazza rapita e rinchiusa per anni nel garage di uno sconosciuto. Ogni volta che la cronaca nera conquista le prime pagine dei giornali, ci sentiamo sgomenti. Pensiamo che il Male abbia le sembianze di un mostro, o di un demone. Ma il Male ha mille facce, e molte familiari. Il Male può non tradursi in violenza, e tentarci con l’insistenza di un’ossessione. A volte è un evento che manda tutto a rotoli, ci toglie soldi, affetti e sicurezze, lasciandoci senza scelta. A volte è tradire se stessi e gli altri, e per farlo basta un click con il computer. Altre volte è una menzogna, o sentirsi impantanati in un dubbio atroce. A volte è addirittura la liberazione da un’esistenza ingrata, e abbracciarlo può significare un nuovo inizio, affrontare il proprio destino a testa alta. Ma il peggiore dei Mali è pensare che tutto questo sia controllabile, o che non ci appartenga, per sentirci innocenti. Perché il Male ha già piantato i suoi semi dentro ognuno di noi. Ed è pronto a esplodere.

Salone di bellezza per piccoli ritocchi: Un caso per Precious Ramotswe, la detective n. 1 del Botswana

«Affermare che Alexander McCall Smith è un fenomeno letterario non basta a descriverlo. È diventato ben più di questo, è diventato un club mondiale per la diffusione di una saggezza garbata e di un fine intrattenimento.»The TelegraphMentre tutto il Botswana attende la benedizione delle piogge e l’eterna rinascita della vita, per la signora Ramotswe e la sua agenzia investigativa ci sono cambiamenti in vista. Il signor J.L.B. Matekoni sta provando a rinnovare la propria immagine frequentando un corso per mariti moderni, mentre la signora Makutsi dopo il matrimonio è alle prese con l’arrivo di un erede, con due cobra invadenti e un’anziana zia. La signora Ramotswe si trova così ad affrontare da sola i casi che le si presentano tra una tazza di tè e l’altra. Un ragazzo rivendica l’eredità di una grossa proprietà terriera, ma l’avvocato che cura le volontà del defunto ha fondati sospetti che si tratti di un impostore e non del vero nipote. E poi c’è un salone di bellezza appena aperto e già in difficoltà a causa di una serie di piccoli guai che non sembrano affatto casuali…Tutto bene, insomma, sotto il grande cielo dell’Africa, e nulla che non possa essere risolto con saggezza, buon umore e un’ottima fetta di torta.

Roulette russa per Mary Lester : indagine nel casinò di Saint-Quay-Portrieux

Questa volta Mary Lester è sulla costa nord della Bretagna, a Saint-Quay-Portrieux, dove una strana serie di fatalità si abbatte su una famiglia russa di cinque fratelli che hanno rilevato la gestione del casinò. Ma sono realmente fratelli questi cinque Lissenkov che si somigliano così poco? Non apparterranno, forse, a quella mafia russa che in modo lento ma inesorabile si insinua nell’Europa del crimine? La morte “accidentale” di due di loro fa temere alle autorità di trovarsi di fronte all’inizio di una guerra tra clan che trasformerebbe la tranquilla stazione turistica estiva in un campo di battaglia. Mary viene inviata sul posto come osservatrice e le strane scoperte che fa sul campo non impediscono che altri “incidenti” decimino i Lissenkov. Ma chi può nutrire quest’odio mortale nei loro confronti? Chi li fa fuori uno dopo l’altro con una determinazione implacabile? Sarà necessario tutto il fiuto della giovane ispettrice francese per riuscire a smascherare l’implacabile assassino.

Relazioni pericolose per il commissario Cataldo

Un’auto si schianta lungo il ciglio di una strada. All’interno il corpo di Zeno Rinaldi, titolare di una prestigiosa ditta di gioielli fantasia. Tutto fa pensare a un incidente, ma l’autopsia semina i primi dubbi. E mentre Cataldo indaga, le domande si affollano. Chi poteva avere interesse a togliere di mezzo il ricco imprenditore? La giovane moglie Sara, una bellissima mulatta dal passato misterioso? Laerte Bruni, amministratore delegato dalla gestione disinvolta? O Alessio Rinaldi, nipote del morto, noto alla polizia per i suoi trascorsi di tossicodipendente? Ma quando, al primo omicidio, ne seguono altri due, la temperatura dell’inchiesta diventa rovente. Anche perché l’intera vicenda nasconde inquietanti risvolti sessuali.

Percorsi DiVersi in Versi

Parlare di poesia, fare poesia ai giorni d’oggi, è come essere “un astronauta nel medioevo”: fuori posto e soprattutto con l’arduo compito di farsi comprendere.

Un peana per le Zebre: Un caso per Precious Ramotswe, la detective n° 1 del Botswana

«Il suo stile ha il pregio di essere chiaro, elegante e preciso. Le sue descrizioni trasportano il lettore nel bel mezzo del paesaggio del Botswana. Questa è arte che nasconde l’arte.» The Sunday Times«Mma Ramotswe: la Miss Marple africana.»The New York Times«La serie di Mma Ramotswe si è trasformata in un ricco arazzo dalle sfumature straordinarie.» The Wall Street Journal«Piccole storie, grande atmosfera… I romanzi della signora Ramotswe hanno conquistato le classifiche americane ed europee.» L’EspressoPer Precious Ramotswe, titolare della Ladies’ Detective Agency N.1 in Botswana, non c’è un attimo di pace. La nota investigatrice non solo deve riuscire a placare i sensi di colpa di un nuovo cliente, legati a sconvenienti comportamenti giovanili, ma è anche costretta a far fronte all’infelicità che affligge alcune persone a lei care e all’indecisione del signor JLB Matekoni, proprietario dell’officina Speedy Motors nonché suo fidanzato, il quale non si risolve a fissare la data delle nozze. E, come se non bastasse, in città ha aperto i battenti una nuova agenzia investigativa, gestita da un tipo terribilmente tronfio e maschilista. Ma la signora Ramotswe non cede ai colpi della sventura. Sorretta com’è da un incrollabile buon senso, non esita a mettersi per l’ennesima volta alla guida dello scalcinato furgoncino bianco e a macinare chilometri in cerca di risposte semplici e consolatorie. E alla fine le trova, vuoi per caso, vuoi ricorrendo a qualche sotterfugio, vuoi conversando alla buona con una vecchia amica davanti a una tazza dell’immancabile tè rosso.«Uno scrittore meraviglioso, da leggere assolutamente.»The Guardian«Un indiscusso maestro del romanzo.» Publishers Weekly