Ultima fermata a Brooklyn

La violenza spietata dilagante in tante pagine di questo libro, che a suo tempo diede esca a infinite dissertazioni moralistiche nelle aule dei tribunali di tutto il mondo, descrive fedelmente una delle aree più miserabili di New York, il mondo in cui Selby visse per tanti anni. Ma si annuncia un malessere nel quale l’intero Occidente si scopriva invischiato agli albori degli anni sessanta. La “terra desolata” di Selby è descritta realisticamente, col coraggio di chi non vuole distogliere lo sguardo dall’orrore, ma è anche appassionatamente denunciata per la sua assoluta “mancanza di amore” (secondo una definizione dell’autore spesso citata). Superato lo choc originario, oggi i travestiti, i drogati, i teppisti, che “Ultima fermata a Brooklyn” aveva rappresentato, si impongono come personaggi emblematici di un certo momento storico che sarebbe fatuo giudicare superato: e ciò non solo perché la loro progenie si è moltiplicata, ma soprattutto perché in essi riconosciamo le vittime di un meccanismo sociale che ciecamente continua a lavorare, attraverso la violenza, per la messa a morte del capro espiatorio.
**

Only registered users can download this free product.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Ultima fermata a Brooklyn”