Teatro

I quattro capolavori di Cechov furono scritti nell’arco di nove anni, dal 1895 al 1904. Sono anni risolutivi per la storia del teatro contemporaneo: “Il gabbiano”, “Zio Vanja”, “Tre sorelle”, “Il giardino dei ciliegi” sono infatti testi di una modernità assoluta. Commedie, più che drammi, dall’intreccio pressoché inesistente, in cui le passioni e le emozioni sono vissute nell’interiorità, e i personaggi sembrano preda di un sortilegio di estraniazione che li rende incapaci di comunicare. Il teatro cechoviano anticipa insomma i motivi fondamentali della drammaturgia moderna (e, nel contempo, la crisi esistenziale dell’uomo contemporaneo): la perdita dei valori e di una fede, il rimpianto per un passato inattingibile, l’attesa di qualcosa di indefinito, l’allusione a ciò che è ineluttabilmente accaduto, il vuoto, il silenzio.

Only registered users can download this free product.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Teatro”