Storia del popolo americano dal 1492 a oggi

Quando, negli anni Settanta, l’autore si lanciò nel progetto di questo libro, insegnava storia da vent’anni. In base alla propria esperienza, aveva constatato che la storiografia ufficiale ometteva numerosi elementi cruciali della storia statunitense. Da qui l’idea di un testo che sottolineasse le atroci conseguenze dei conflitti armati e il costo umano delle decisioni prese da politici e uomini d’affari: un libro di storia nazionale che desse voce ai “vinti”, alle donne, alle minoranze etniche e ai lavoratori. Dopo tre secoli di guerre coloniali e genocidi, nel 1787 fu scritta la Costituzione americana da cinquantacinque uomini: tutti bianchi, ricchi e decisi a difendere i propri interessi. La “democrazia” statunitense è quindi nata a sostegno dei potenti e ha sempre agito in nome del cosiddetto “interesse nazionale”, legittimato dalla retorica nazionalista e dalle falsificazioni storiche. “Ma se la storia vuole essere creativa e suggerire un futuro possibile, occorre valorizzare possibilità nuove e rivelare gli episodi misconosciuti in cui la gente comune ha mostrato la propria capacità di resistere e lottare.”
**

Only registered users can download this free product.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Storia del popolo americano dal 1492 a oggi”