Morituri te salutant

Roma, 45 d.C. Come sempre, i gladiatori scendono nell’arena rivolgendo il loro saluto all’imperatore: ‘Ave, Caesar, morituri te salutant!’. ”Coloro che stanno per morire ti salutano!” Qualcuno sembra aver deciso di prendere fin troppo sul serio quell’antica formula: sotto lo sguardo stupefatto del senatore Publio Aurelio Stazio, dell’imperatore Claudio e di migliaia di romani, infatti, l’asso dell’arena, l’imbattibile, colossale Chelidone, si accascia al suolo inspiegabilmente. Non c’è nulla da fare, è morto. Preoccupato, Claudio convoca al Palatino l’amico Publio Aurelio e, in via riservatissima, gli affida l’indagine sulla morte improvvisa quanto inspiegabile del gladiatore. Il senatore non immagina certo in quale rete di intrighi resterà presto invischiato. Perché, partendo dal cadavere di Chelidone, la sua indagine finirà per coinvolgere le più alte autorità dell’impero, scoprendo un disegno criminale che estende le sue trame ben oltre i confini dell’arena.

(source: Bol.com)

Only registered users can download this free product.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Morituri te salutant”