James Bond agente 007

GoldenEye è il nome della tenuta di Ian Fleming nella baia di Oracabessa, Giamaica. In cui ogni anno, tra il 1946 e il ’64,lo scrittore trascorse otto settimane, da gennaio a marzo. Dieci del mattino. Fleming si siede alla scrivania ad angolo, vicino alla finestra. Rumore di tasti di macchina da scrivere: «Fumo, sudore: alle tre del mattino l’odore di un casinò dove si gioca forte è nauseante». Casino Royale prende vita. È il 15 gennaio 1952, nasce James Bond. Che da allora non fu più il nome dell’autore del manuale di ornitologia Birds of the West Indies, ma l’agente segreto con licenza di uccidere, una delle icone più amate della cultura di massa. Compie sessant’anni, portati magnificamente: ma è solo all’inizio degli anni Sessanta, il 5 ottobre del 1962, che nasce il vero e proprio mito pop. Cioè con l’uscita al cinema del primo film, 007 Licenza di uccidere (titolo originale Dr. No), dove James Bond aveva il volto di Sean Connery, forse l’attore con il quale nel nostro immaginario identifichiamo di più l’eroe di Ian Fleming. Quindi voglio festeggiare questo cinquantennio con una raccolta delle sue avventure. Non tutte. Quelle che preferisco! Perché? Ian Fleming scrisse dodici romanzi, più due raccolte di racconti brevi, con protagonista l’agente segreto James Bond, tradotti e pubblicati in Italia sotto vari titoli dalla casa editrice Garzanti. Qui avete: Casino Royale (La benda nera, Casinò Royal), 1953 Live and let Die (Vivi e lascia morire), 1954 Moonraker (Moonraker: il grande slam della morte), 1955 Diamonds are Forever (Una cascata di diamanti), 1956 From Russia with Love (A 007, dalla Russia con amore), 1957 Doctor No (L’impronta del drago, 007 Licenza di uccidere – Il Dottor No), 1958 Goldfinger (Missione Goldfinger), 1959 For your Eyes Only (Solo per i tuoi occhi), 1960 Thunderball (Thunderball Operazione Tuono), 1961 You Only Live Twice (Si vive solo due volte), 1964 The Man with the Golden Gun (L’uomo dalla pistola d’oro), 1965 Octopussy and The Living Daylights (Octopussy), 1966 (postumo) Mancano in questa raccolta: The Spy who Loved Me (La spia che mi amava), 1962 – Perché é un’anomala avventura di James Bond narrata in prima persona da una protagonista femminile ed in cui l’agente segreto ha un ruolo di secondo piano, tanto che inizialmente Fleming voleva firmare il romanzo come Vivienne Michel, il nome della protagonista On Her Majesty’s Secret Service (Servizio Segreto, Al servizio segreto di Sua Maestà), 1963 Ian Fleming – James Bond, Agente 007

Only registered users can download this free product.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “James Bond agente 007”