IL VANGELO SECONDO GAY

Due novelle, un unico romanzo, e forse un sequel: geniale nella promessa, avvincente nella lettura.
Se al secolo mancava una vera scrittura creativa, che facesse proprie le lezioni di poesia, filosofia e cinema, ora siamo davanti a un inaspettato fenomeno letterario.
Lo stile di scrittura di Angelo Orazio Pregoni non ha eguali per scioltezza e fluidità, diventando riconoscibile, trasversale e inimitabile dopo poche righe. Essenziale e veloce nel codificare frasi e pensieri, Pregoni caratterizza le pagine del libro con asciuttezza e un velato disincanto umano, senza mai permettersi giudizi, ma al contrario sollecitando il lettore a un senso critico.
Un’opera escatologica, emancipante che quando termina lascia un vuoto, come un’amante persa, un tempo remoto, un paese lontano.
Giuda sentì le sue parole in silenzio. Pianse. Disse: “Tu sei gloria, tu sei potenza, tu sei forza! Combatti con noi Gesù!”
Gesù lo baciò con amore, e tenendogli la testa fra le mani annunciò: “Io sono la buona novella! Io sono il rimorso della guerra! Io sono lo stupore del sangue versato! Lascia che io muoia per vivere in eterno! E così sia.”
“Il Vangelo secondo GAY”, “la più scioccante verità della storia”, è sicuramente un piccolo capolavoro dai risvolti antropologici e immaginifici, che affonda la sua narrazione nella nostra quotidianità, ribaltando la diffusa morale condivisa , ma concedendoci il raro privilegio di pensare con la nostra testa.
**
### Sinossi
Due novelle, un unico romanzo, e forse un sequel: geniale nella promessa, avvincente nella lettura.
Se al secolo mancava una vera scrittura creativa, che facesse proprie le lezioni di poesia, filosofia e cinema, ora siamo davanti a un inaspettato fenomeno letterario.
Lo stile di scrittura di Angelo Orazio Pregoni non ha eguali per scioltezza e fluidità, diventando riconoscibile, trasversale e inimitabile dopo poche righe. Essenziale e veloce nel codificare frasi e pensieri, Pregoni caratterizza le pagine del libro con asciuttezza e un velato disincanto umano, senza mai permettersi giudizi, ma al contrario sollecitando il lettore a un senso critico.
Un’opera escatologica, emancipante che quando termina lascia un vuoto, come un’amante persa, un tempo remoto, un paese lontano.
Giuda sentì le sue parole in silenzio. Pianse. Disse: “Tu sei gloria, tu sei potenza, tu sei forza! Combatti con noi Gesù!”
Gesù lo baciò con amore, e tenendogli la testa fra le mani annunciò: “Io sono la buona novella! Io sono il rimorso della guerra! Io sono lo stupore del sangue versato! Lascia che io muoia per vivere in eterno! E così sia.”
“Il Vangelo secondo GAY”, “la più scioccante verità della storia”, è sicuramente un piccolo capolavoro dai risvolti antropologici e immaginifici, che affonda la sua narrazione nella nostra quotidianità, ribaltando la diffusa morale condivisa , ma concedendoci il raro privilegio di pensare con la nostra testa.

Only registered users can download this free product.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “IL VANGELO SECONDO GAY”