Il seppellitore di bambole

In un paese non esistono segreti. Odi mai sopiti, rivalità in amore, colpe del passato ed errori del presente. Tutto è di pubblico dominio; vizi e virtù di ciascuno salgono quotidianamente sul banco degli imputati, giudici le malelingue. Così non è un segreto per nessuno che il figlio degli Schlösser, Ben, un ragazzone di ventidue anni con il quoziente intellettivo di un bambino, scorrazza giorno e notte per i campi di granoturco, sempre munito di binocolo, pala pieghevole e coltello, alla ricerca di cose perse o abbandonate. Non è un segreto per nessuno che a Ben piacciono soprattutto le bambole: ama farle a pezzi e poi seppellirle chissà dove. Una passione insolita, imbarazzante per i suoi genitori, ma da tutti tollerata. Nessuno comunque lo ritiene pericoloso. Fino all’estate del 1995. Quando, misteriosamente, una dopo l’altra, cominciano a scomparire belle ragazze bionde. E la madre di Ben, Trude, teme con ansia l’arrivo di ogni nuova notte, perché sempre più spesso il figlio resta fuori sino all’alba e, anziché mazzi di cardi e ossicini di topo, le porta «in dono» brandelli di stoffa insanguinata…
Il seppellitore di bambole è un thriller psicologico in cui l’orrore assume i contorni della quotidianità e la suspense cresce in modo irresistibile sino al colpo di scena finale. Petra Hammesfahr riesce a ricreare alla perfezione l’atmosfera claustrofobica di una piccola comunità e a descriverne la paura nei confronti di tutto ciò che viene considerato «diverso», in un Paese, la Germania, che ancora si ritrova a fare i conti con il suo passato più buio: gli anni del nazismo.

Only registered users can download this free product.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Il seppellitore di bambole”