Contatto col nemico

Tutte le guerre sono fantascientifiche: i carri degli egizi, gli elefanti di Annibale, i segnali di fumo usati da Giulio Cesare in Illiria, i cavalli usati da Cortez in Messico, ebbero, al loro primo impiego, un valore d’arma segreta, di astuta e terrorizzante novità, al pari del radar o di un robot d’assalto. Per questo, e non perchè siano particolarmente bellicosi, gli scrittori di fantascienza, da Verne e Wells in poi, si sono sempre ispirati volentieri al tema della guerra, che offre indubbiamente un terreno ideale per le narrazioni avveniristiche. Ne abbiamo raccolte alcune in questa antologia, e senza pretendere di influenzare gli stati maggiori, riteniamo che valga la pena di meditare sul senzazionale rovesciamento d’alleanze esposto da Philip Dick, sul Terzo Reich immaginato da Harry Harrison, sul povero “generale schiacciabottone” presentato da Edmund Cooper. E per non essere accusati, come spesso accade agli strateghi, di avere la vista corta, abbiamo tenuto conto di altre ipotesi, da quelle tutte terrestri, di pura azione e movimento, di Lee Vernon, a quelle lunari di Leinster, a quelle addirittura teologiche del diabolico Ray Russell.
Indice:
Modello due (Second Variety, 1953) di Philip K. Dick
B. N. in arrivo (Death Watch, 1511) di Edmund Cooper
Il buco della serratura (Keyhole, 1958) di Murray Leinster
Traduzione di Mario Galli
Battaglia (Battle, 1955) di Roger Lee Vernon
Incidente nello spazio (The City and the Ship, 1955) di Roger Lee Vernon
Terzo Reich parallelo (Down to Earth, 1963) di Harry Harrison
Sto ritornando (I Am Returning, 1961) di Ray Russell
Copertina: Karel Thole

Only registered users can download this free product.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Contatto col nemico”