Visualizzazione di 1-12 di 95669 risultati

1289 La battaglia di Campaldino

L’11 giugno 1289, a Campaldino, nella angusta valle del Casentino, si scontrano due grandi eserciti capeggiati da Firenze e da Arezzo. 20.000 fanti e oltre 2.000 cavalieri divisi da rivalità ideologiche, volontà egemoniche e interessi economici. Infatti le città toscane sono tutte guelfe e Firenze è ormai assurta al rango di vera e propria potenza regionale, i Ghibellini sono ridotti all’esilio e trovano rifugio in sparuti capisaldi come Pisa e Arezzo. La guerra che si apre allora è per una parte una guerra di sopravvivenza, a fronte di un contesto internazionale che vedeva il campo imperiale in gravissima difficoltà, per l’altra è di affermazione di un dominio e di una centralità che non accettano rivali o resistenze. Dopo due anni dall’andamento incerto e dalle sorti altalenanti, il conflitto si decide in un unico scontro. Una battaglia entrata nella storia perché non si trattò soltanto dell’ennesima guerra tra Comuni, così frequenti nel Medioevo italiano, ma anche tra fazioni e persino di guerra civile, militando fuorusciti nell’uno e nell’altro schieramento. A Campaldino, tra i cavalieri della prima schiera, quelli che avrebbero dovuto eseguire le azioni più temerarie, vi è un giovane Dante Alighieri che non dimenticherà facilmente le scene agghiaccianti di quel giorno di sangue, lasciandone traccia nella sua Commedia.

#BURN

**DAX:**
Il mio lavoro è spegnere incendi… nelle pubbliche relazioni, intendo. Socio di una delle più prestigiose agenzie di PR a Hollywood, ho trascorso gran parte della mia vita ad aiutare gli altri a rimanere sotto i riflettori, mentre io me ne tenevo il più lontano possibile.
Entra in scena Jace Kruse.
# PompiereSexy è l’hashtag usato da tutti per l’ascesa improvvisa di una star di Instagram, finita in prima pagina quando una sua foto con un cagnolino appena salvato da un veicolo fuori controllo diventa virale. Non ha niente a che fare con la mia vita, fino a quando un potenziale cliente importante si dice interessato a un contratto pubblicitario con il fenomeno di internet, e Jace diventa il mio biglietto per fare il culo a uno dei più pericolosi competitor della mia agenzia.
Problema: Jace non nutre sogni di fama e fortuna. Preferisce una vita semplice a Fever Falls, e ha rifiutato tutti i contratti con i marchi che lo hanno contattato per approfittarsi del suo nuovo status di celebrità.
Ma dove gli altri hanno fallito, io sono sicuro di riuscire. Se c’è una cosa in cui sono bravo è convincere le persone. E dopo alcuni incontri con Jace, il pompiere spensierato, affascinante e sexy da morire, nonché sorprendentemente #attivocurioso, l’ho convinto a fare qualcosa di più che firmare il contratto pubblicitario.
Sarà anche bravo a spegnere gli incendi, ma di sicuro sa come accenderli in camera da letto… e nel mio cuore. Tuttavia, tra la sua popolarità in ascesa e l’intensità dei miei sentimenti, so dove condurrà questo inferno, e se non lo spegniamo presto, qualcuno rischia di rimanere scottato. **

Aurora Rising. Aurora cycle

Anno 2380: ai cadetti dell’ultimo anno dell’Accademia Aurora sta per essere affidata la prima vera missione. Tyler Jones sa che, proprio perché è il migliore del suo anno, potrà reclutare la squadra dei suoi sogni. Peccato che, a causa del suo comportamento sconsiderato, come punizione gli vengano assegnati d’ufficio i cadetti scartati da tutti gli altri capisquadra, quelli con cui nessuno vorrebbe mai lavorare. Proprio lui, l’allievo più talentuoso dell’Accademia sarà al comando di una vera e propria banda di disperati: una diplomatica, cintura nera di sarcasmo, una scienziata sociopatica con la tendenza a sparare ai suoi compagni, uno smanettone geniale e dall’ironia pungente, un guerriero alieno con seri problemi di gestione della rabbia, una pilota abilissima con un leggerissimo debole per Tyler. Ma non è nemmeno questo il suo problema principale. Infatti, solo dopo aver risvegliato da un sonno lungo duecento anni la misteriosa Aurora Jie-Lin O’Malley, Ty scopre che proprio lei potrebbe innescare una guerra rimasta a lungo sopita e che, ironicamente, proprio la sua squadra di disperati potrebbe essere l’ultima speranza di salvezza per l’intera galassia. Comunque: niente panico! **

YOGA PER PRINCIPIANTI 2021: Impara a praticare lo yoga in maniera corretta. Scopri come dimagrire, alleviare lo stress, migliorare il sonno e ritrova la ... pace interiore grazie allo yoga terapeutico

YOGA PER PRINCIPIANTI 2021: Impara a praticare lo yoga in maniera corretta. Scopri come dimagrire, alleviare lo stress, migliorare il sonno e ritrova la … pace interiore grazie allo yoga terapeutico

Hai sempre sentito parlare dei benefici dello yoga ma non hai mai provato a praticarlo?
Vorresti iniziare anche tu a ritrovare la tua pace mentale e fisica e dimagrire in maniera semplice e salutare?
O semplicemente vorresti ridurre lo stress accumulato?
Perfetto questo è il libro che fa per te!
I Maestri della Yoga Academy hanno deciso di scrivere questo libro con tutte le posizioni principali illustrate e tutti i segreti per far conoscere il meraviglioso mondo dello yoga a chiunque voglia iniziare a stare meglio col proprio corpo e la propria mente.
Grazie alle illustrazioni potrai assumere le posture e le posizioni esatte, traendo così i massimi benefici da ogni esercizio in maniera corretta e sicura.
In questo libro potrai scoprire:
Cos’è lo yoga e la sua storia Le principali posizioni (con illustrazioni) Descrizioni dettagliate su ogni posizione (postura, benefici e molto altro) Importanza del respiro Errori da non commettere Scoprire come alleviare lo stress Come dimagrire grazie allo yoga Esercizio yoga per dormire meglio Benefici della Yoga Terapeutico
ADATTO A CHIUNQUE: UOMINI, DONNE, GIOVANI E ANZIANI, ATLETI E NON.
Che aspetti allora? Inizia finalmente a vivere in pace col tuo corpo e la tua mente, scorri in alto la pagina e clicca su ”Acquista ”.
**

White nights. Storie di un'estate

White nights. Storie di un’estate

Le notti bianche: notti vissute nella loro totalità, nel loro spirito più profondo, fino all’ultima avventura ed esperienza; questo Antonio Mauceri vuole raccontare in questo romanzo dai toni nostalgici per molti aspetti, ma carichi di sensazioni e vita vissuta per altri. La storia, quella di cinque ragazzi a cavallo della linea di confine che separa adolescenza e giovinezza, quel periodo della vita in cui divertimento e progetti per il futuro si incontrano e spesso rischiano lo scontro violento, quel periodo in cui ogni estate viene vissuta come se fosse l’ultima: intensamente in ogni attimo, perché quegli istanti, nel bene e nel male, mai più torneranno. Amore e amicizia i sentimenti principi, descritti da ragazzi il cui unico scopo è quello di costruire ricordi indelebili, nei quali rifugiarsi nei grigi momenti che la vita inevitabilmente gli riserverà.

Watch Me Follow

Watch Me Follow

**«Non lasciarmi mai. Non posso tornare nell’ombra. Non sopravvivrei da solo».**
Mostro. Maniaco. Pazzo.
Ne ho sentite di tutti i colori.
Nel corso degli anni, mi hanno sputato addosso qualsiasi nome degradante esista nel dizionario.
I loro insulti si insinuavano in me come un flusso di veleno costante.
La rabbia ha rimpiazzato l’ansia quando ho iniziato a credere alle crudeltà che riempivano il mio cammino.
Finché è arrivata lei, e ha cambiato tutto. Lennon Bennett è innocenza pura, luce calda del sole che distrugge la mia esistenza tempestosa.
È tutto ciò che di buono si può essere, e forse potrei esserlo anche io. Per lei. Con lei. Grazie a lei.
Lennon non sa che con ogni suo respiro mi attira sempre più vicino a sé. Non è a conoscenza del fatto che sono completamente consumato dal desiderio. Proteggerla è diventato il mio solo obiettivo, a ogni costo.
Ma se lei scoprisse le profondità della mia ossessione, per me sarebbe la fine.
Per questo, rimango nell’ombra.
Aspettando. Guardando. Desiderando.
Lei sarà la mia prima. L’ultima. L’unica.
**Watch Me Follow è un romanzo new adult autoconclusivo.** **

Vite libertine

Vite libertine

La felicità si impara. E i libertini, nel Settecento, lo sapevano benissimo. Vite libertine è un racconto articolato in undici quadri in cui si incontrano personaggi famosi e meno famosi di un’epoca che ha insistentemente sognato il suo paradiso terrestre. Da Voltaire e Madame du Châtelet, da Casanova al conte di Chesterfield, fino al cardinale Bernis e a La Pérouse navigatore dei sette mari, ognuno di questi, e altri, personaggi è colto in un momento cruciale della sua vita, dove felicità e malinconia, ma anche domande capitali sulla giustizia e sull’uguaglianza, si incrociano. Giorgio Ficara racconta le storie più rappresentative e irresistibili dell’età dei libertini passando in rassegna attimi di grazia e perfetta cognizione del vero, e delizie procrastinate a un passo dal grande nulla, e bons mots e intelligenza a ogni costo (e cuore e genio, quando ci sono stati). Un viaggio nel segreto di uomini e donne eccezionali e nelle loro attualissime lezioni di felicità.

La vita segreta di Maud Dixon

La vita segreta di Maud Dixon

*Chi è Maud Dixon?* Solo due persone al mondo lo sanno. Una è la scrittrice che si nasconde dietro questo fortunato pseudonimo, l’altra è Greta Frost, la sua agente. Appena pubblicato, il romanzo di Maud Dixon è diventato un caso editoriale, e il suo nome è ormai sulla bocca di tutti. Eppure, un nome è tutto ciò che si sa di lei.
Tra poco, però, a conoscerne la vera identità saranno in tre. Maud ha bisogno di un’assistente, e così nella isolata casa di campagna della scrittrice fa la sua comparsa, dopo accurata selezione, la giovane Florence.
Ex assistente editoriale a New York, un passato incolore in Florida, il bruciante desiderio di diventare anche lei una scrittrice, Florence non riesce a credere di poter lavorare per “Maud Dixon”. Essere ammessa a condividere un segreto così grande la riempie di un’eccitazione incontenibile.
Quando però, accompagnando Maud in un viaggio in Marocco, Florence si sveglia un mattino in ospedale, senza memoria, e senza nessuna traccia della compagna, un pensiero pericoloso le attraversa la mente. E se fosse il suo turno, adesso, di diventare Maud Dixon, e di prendersi quello che ha sempre sognato: la fama, la ricchezza, e la possibilità di scrivere? Stregata dalla sua stessa ambizione, Florence è di fronte a una scelta; ma quello che non sa è che i segreti di Maud Dixon non sono affatto finiti…
In questo formidabile thriller in corso di traduzione in più di venti Paesi, Alexandra Andrews tesse una rete magnetica che si stringe sempre più intorno ai suoi personaggi; una lettura imperdibile che ci fa interrogare sulla natura ambigua dell’identità e sulla potente, pericolosissima forza dell’ambizione. **

Una vita scapricciata

Una vita scapricciata

Il cielo primaverile di Napoli è carico di stelle, mentre da una finestra del centro storico qualcuno intona la romanza di Puccini Vincerò. È sotto questo segno che viene al mondo Marisa Laurito, protagonista poliedrica ed esuberante di oltre mezzo secolo dello spettacolo e del costume italiani. In “Una vita scapricciata” si racconta per la prima volta con voce squillante e autentica (pare quasi di sentire la sua inconfondibile r moscia) e con l’ironia che la contraddistingue. A formarle il carattere è Napoli, la città in cui tutto avviene in strada, dove ci si incontra, si grida, si ride, si mangia, si rappezzano i dolori. Marisa diventa così un’anima generosa e riconoscente e, infatti, in questo libro, per parlare di sé, in realtà non fa che evocare le persone e le occasioni che l’hanno ispirata, accompagnata, aiutata nel suo percorso artistico e umano: dall’amica Marina con cui affrontò i primi provini a Cinecittà (con tanto di molestie “d’uso” a cui seppe reagire con personalità) al grandissimo Eduardo, il Direttore, dal viso rosa come la camicia, per il tanto cerone messo negli anni che non andava più via. Per ciascuno Marisa dipinge un ritratto di spessore arricchito con preziosi aneddoti, dagli episodi vissuti da squattrinata a Roma a un irresistibile déjeuner a casa Agnelli. Ci sono poi tutti, nessuno escluso, i compagni di quella geniale avventura corale che si sviluppò attorno a Renzo Arbore, che «ha spalancato una porticina nel mio cervello» e «mi ha insegnato a lanciarmi nel meraviglioso cielo dell’improvvisazione». Un sodalizio importantissimo, come quello con il migliore amico Luciano De Crescenzo, con cui Marisa parla ancora oggi all’ombra del Vesuvio, il vulcano fumante che da millenni insegna ai napoletani a ridimensionare gli affanni, a godere attimo dopo attimo e a rinascere ridendo. **

Vita di Antonio Gramsci

Vita di Antonio Gramsci

«Del grande intellettuale sardo non vedevamo che “la testa”, lo storico degli intellettuali, l’analista delle tre “quistioni” del Mezzogiorno d’Italia (il Napoletano, la “quistione siciliana”, la “quistione sarda”), lo studioso originale del capitalismo americano, il teorico dell'”egemonia”, cioè del socialismo innervato di consenso. Poco sapevamo della sua vita, la famiglia, l’infanzia in Sardegna, i primi studi, il breve processo di formazione, e poi l’integrazione a Torino, il ruolo effettivo nel Congresso di Livorno (1921), i veridici rapporti (dopo l’arresto) con Togliatti, la rottura con i comunisti incarcerati a Turi, l’eterodossia rispetto a Stalin. Pensai allora che l’operazione di aggiungere “gambe e corpo” alla “testa” – così da avere di Gramsci il ritratto intero – potesse non essere fuori dalla portata del cronista ostinato.» Così Giuseppe Fiori dà avvio al ritratto di Gramsci «a figura intera, con i tuffi del sangue e della carne». Pubblicata per la prima volta nel 1966 e tradotta in dodici lingue, questa biografia sconvolse l’ortodossia comunista, che di Gramsci vedeva o voleva far vedere solo «la testa», e da allora non è mai invecchiata, anzi in un certo senso ha ricevuto sempre nuova freschezza dai materiali inediti su Gramsci via via ritrovati. Introduzione di Alberto Asor Rosa.

La vita come dramma

La vita come dramma

La commediografa Elsa Bernstein, protagonista della vita culturale a Monaco, venne deportata nel campo di concentramento di Terezín nel 1942 insieme alla sorella, che morirà poco dopo l’arrivo. Trascorsi alcuni mesi nelle baracche comuni, Elsa venne trasferita – contro la propria volontà – in una Prominentenhaus, una “casa delle celebrità”, riservata agli ebrei che godevano di una qualche fama. Lì le fu concesso il privilegio di una macchina da scrivere per ciechi (a causa di un grave problema alla vista) e fu questa circostanza che le permise di scrivere in diretta questo eccezionale diario di prigionia. Pensato inizialmente per la cerchia ristretta dei familiari e ritrovato solo nel 1999, La vita come dramma racconta le sue giornate all’interno del lager, la vita degli altri ospiti illustri, l’aiuto reciproco, gli attriti, le malattie e le morti. Nelle acute descrizioni, l’atmosfera creata dal contrasto tra la vita quotidiana e la morte è surreale: le due dimensioni, apparentemente così inconciliabili, vengono tenute insieme dalla forza di volontà dei deportati che li spinge ad amare, a vivere, a cercare comunque la bellezza e in essa la forza di resistere

Vita breve di un domatore di belve

Vita breve di un domatore di belve

Romanzo d’avventura è sicuramente la migliore definizione per questo originalissimo esordio che ha come protagonista il più illustre domatore circense italiano. La sua storia rocambolesca ha inizio in un borgo poverissimo dell’Appennino, per concludersi in una sfarzosa villa settecentesca, dove l’uomo, Upilio Faimali, si aggira seguito dalla sua ultima pantera, sospirando sul tempo in cui carezzava orsi e leoni come gatti di casa. La prosa di Vita breve di un domatore di belve procede tra incontri di ogni genere – capitani nostalgici e aristocratici, capi di Stato e avari impresari –, cadute e trionfi assoluti. Sorretta da uno humour sottile ed efficace, l’opera narra la storia di un uomo disposto a tutto, metafora di un’ossessione che ci riguarda da vicino: dominare ciò che non può essere dominato, vincere il senso di precarietà di fronte alla ferocia incontrollabile della natura. A metà strada tra romanzo picaresco, affresco storico dell’Italia e dell’Europa del XIX secolo e biografia romanzata, la Vita breve di Upilio Faimali continua a seguirci anche dopo aver chiuso l’ultima pagina.